{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} HAITI - Consacrata la nuova chiesa di San Gerardo

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

HAITI - Consacrata la nuova chiesa di San Gerardo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Domenica 9 gennaio resterà indelebilmente una data segnata per sempre nel cuore dei parrocchiani e negli annali della Congregazione dei Redentoristi per l’inaugurazione della nuova chiesa parrocchiale di San Gerardo Maiella, nel quartiere Carrefour-Feuilles della capitale, Port-au-Prince. Dopo quasi 12 anni dal terremoto che distrusse la vecchia chiesa parrocchiale, e dopo quattro anni di duro lavoro e il sacrificio di molti lavoratori, l’Arcivescovo di Port-au-Prince, Monsignor Max Leroy Mesidor, ha inaugurato la nuova chiesa parrocchiale, in clima un di festa, di preghiera e di gioia.

Come informa il missionario redentorista padre Renold Antoine, l’Arcivescovo è stato il primo ad entrare nel tempio in solenne processione, seguito da sacerdoti, religiosi, gruppi, autorità e fedeli. La nuova chiesa, sebbene di ampie dimensioni, era comunque troppo piccola per accogliere quanti volevano partecipare alla celebrazione. La cerimonia, carica di simboli, è stata vissuta intensamente da tutti i presenti. Tra i momenti più emozionanti l’accensione delle candele, l’unzione dell’altare con il crisma, l’incensazione del tempio, la prima consacrazione… Il tutto accompagnato dai canti eseguiti dal coro parrocchiale.

Il parroco, padre Jean-Claudel Pierre, C.Ss.R, nel suo discorso ha ringraziato il Signore per questo lavoro e ha anche ringraziato l’Arcivescovo per la sua cura pastorale verso i fedeli di San Gerardo, gli architetti, gli ingegneri e gli operai che hanno lavorato per ricostruire questo edificio. Allo stesso modo ha ringraziato tutte le istituzioni e le persone che hanno contribuito economicamente. La chiesa comunque non è stata completamente terminata, restano ancora molte cose da ultimare in una seconda fase di lavori, per questo è ancora necessaria la generosità dei parrocchiani e di tutte le persone di buona volontà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano