Politica

di Giuseppe Udinov

All’Europarlamento l’antiabortista Metsola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al Parlamento Europeo, il ‘dopo Sassoli’ si sarebbe comunque deciso martedì prossimo a Strasburgo anche se il presidente non fosse deceduto, in occasione del rinnovo programmato della presidenza per la scadenza di metà mandato. I giochi sembrano fatti per Roberta Metsola, maltese, esponente del Ppe, fede politica conservatrice, convinta anti-abortista in linea con la maggioranza dell’opinione pubblica del suo paese, l’unico nell’Ue dove l’aborto è illegale.

Dopo il cattolico liberale Sassoli, la presidenza dell’Eurocamera cambia dunque decisamente segno. Oltre che del suo gruppo, Metsola dovrebbe ottenere il sostegno dei Socialisti&Democratici, dei Liberali di Renew Europe e dei Verdi (che ufficialmente non hanno ancora deciso e presentano una candidata di bandiera, la svedese Alice Kuhnke), anche se con molte defezioni, segnalano fonti parlamentari, proprio per le sue posizioni sui diritti. Potrebbe non farcela in prima battuta dunque. E per questo non è escluso che incassi anche il sostegno dell’Ecr, i Conservatori e Riformisti che comprendono gli eletti di Fratelli d’Italia.

Metsola, primo vicepresidente del Parlamento Ue cui toccherà presiedere la seduta di commemorazione per la scomparsa di Sassoli lunedì pomeriggio, è l’unica candidata che in partenza avrebbe i voti per essere eletta presidente, in ossequio all’accordo di staffetta tra socialisti e Popolari siglato nel 2019 quando venne eletto l’europarlamentare italiano.

Accordo che quest’autunno lo stesso Sassoli e i socialisti hanno tentato di superare, convinti che in realtà sia stato già stralciato nel 2020, quando il conservatore irlandese Pascal Donohoe ha assunto la presidenza dell’Eurogruppo al posto della designata, la socialista Nadia Calvino. Ad ogni modo, il tentativo socialista non è andato a buon fine. Sassoli si è ritirato dalla corsa per la riconferma prima di Natale. Spiegazione ufficiale: “Per non spaccare il fronte europeista”.

Oltre a Metsola, per la presidenza dell’Eurocamera corre il polacco Kosma Zlotowsky, candidato di bandiera dell’Ecr. Il gruppo dei Conservatori lo sosterrà alla prima votazione, ma non è escluso che possa convergere sulla Popolare maltese in eventuali altre chiame, nel caso in cui l’eurodeputata non fosse eletta al primo scrutinio.

Gli incontri decisivi si terranno a partire da domani. Metsola incontrerà la famiglia socialista e gli altri gruppi. Al momento, sembrerebbe che non otterrà i voti della sinistra della Gue - che pure ha la sua candidata di bandiera, la spagnola Sira Rego - né quelli dei sovranisti di Identità e democrazia, a partire dalla Lega. Trattasi degli alleati più vicini a Viktor Orban, la cui creatura politica Fidesz è da un anno senza gruppo politico di riferimento dopo l’addio al Ppe. Insieme a Matteo Salvini, il premier ungherese avrebbe voluto costituire un nuovo gruppo europeo sovranista, per trattare con la futura presidente sulle presidenze e vicepresidenze di commissione all’Europarlamento, tutte interessate al rinnovo di metà mandato. Ma non ci è riuscito per l’opposizione di Giorgia Meloni, presidente dei Conservatori e Riformisti, intenzionata a difendere il suo campo e la sua carica. Dunque, Orban appare fuori dai giochi, per ora.

Tra i parlamentari si presume che Metsolanon venga eletta al primo turno. Troppi i malumori tra i liberali di Renew Europe e tra i Verdi, per le sue posizioni conservatrici sull’aborto e in generale sui diritti. Dunque la parlamentare maltese potrebbe essere eletta al secondo o terzo scrutinio, quando Ecr potrebbe ritirare il proprio candidato e convergere su di lei.

Dopo Sassoli la presidenza dell’Europarlamento dunque cambia volto e sostanza politica. Non solo per la fede politica della nuova futura presidente ma anche, probabilmente, per la maggioranza che la eleggerà. Il 3 luglio 2019 Sassoli fu eletto con la cosiddetta maggioranza Ursula, quella che subito dopo ratificò anche la nomina della presidente della Commissione von der Leyen, con i voti contrari di Lega e Fratelli d’Italia. In sostanza, si trattò della maggioranza che di lì a poco in Italia diede vita al governo Conte II, con l’alleanza Pd-M5s. Metsola invece potrebbe ottenere anche i voti sovranisti.

Finalmente si giungerebbe al termine dell’epoca del cosiddetto ‘cordone sanitario’ che finora ha vietato alle forze euroscettiche di accedere ai posti di comando dell’Ue. Un cambiamento non da poco che avrebbe effetti sugli equilibri politici dell’Unione e magari migliorarla..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Colombia: primo caso di eutanasia

Il colombiano Victor Escobar è diventato la prima persona nel Paese andino ad essere ucciso in un’eutanasia “legalmente” eseguita

Leggi tutto

Politica

NO AL “CONFINAMENTO” IMPOSTO DAL GOVERNO DRAGHI AI SARDI

Giovedì 10 febbraio alle ore 11, in piazza Vittime Moby Prince a Cagliari, davanti al palazzo del Consiglio regionale, liberi cittadini, partiti politici, sindacati e associazioni culturali si incontreranno in difesa dei diritti dei cittadini sardi non vaccinati, impossibilitati a recarsi liberamente nella Penisola a causa del super green pass imposto dal Governo Draghi. Per Barbara Figus, coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia, «ci troviamo di fronte ad un provvedimento offensivo della nostra dignità».

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco a Malta: ecco il programma

La Sala Stampa vaticana ha reso noto il programma ufficiale del 36.mo viaggio apostolico di Francesco del 2-3 aprile: tra gli incontri con le autorità civili e la popolazione dell’isola, anche una tappa nella grotta di San Paolo nell’omonima Basilica che ricorda il naufragio dell’apostolo

Leggi tutto

Società

Colombia: patto per la vita

Un patto per la vita e per eliminare violenze e intolleranze nel confronto politico in Colombia desta timori

Leggi tutto

Politica

A Cuneo Il Popolo della Famiglia con Beppe Lauria

Luca Calabrese, capolista, esprime grande soddisfazione per l’intesa raggiunta

Leggi tutto

Media

Amazon pagherà le donne che abortiscono

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano