Politica

di Giuseppe Udinov

All’Europarlamento l’antiabortista Metsola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al Parlamento Europeo, il ‘dopo Sassoli’ si sarebbe comunque deciso martedì prossimo a Strasburgo anche se il presidente non fosse deceduto, in occasione del rinnovo programmato della presidenza per la scadenza di metà mandato. I giochi sembrano fatti per Roberta Metsola, maltese, esponente del Ppe, fede politica conservatrice, convinta anti-abortista in linea con la maggioranza dell’opinione pubblica del suo paese, l’unico nell’Ue dove l’aborto è illegale.

Dopo il cattolico liberale Sassoli, la presidenza dell’Eurocamera cambia dunque decisamente segno. Oltre che del suo gruppo, Metsola dovrebbe ottenere il sostegno dei Socialisti&Democratici, dei Liberali di Renew Europe e dei Verdi (che ufficialmente non hanno ancora deciso e presentano una candidata di bandiera, la svedese Alice Kuhnke), anche se con molte defezioni, segnalano fonti parlamentari, proprio per le sue posizioni sui diritti. Potrebbe non farcela in prima battuta dunque. E per questo non è escluso che incassi anche il sostegno dell’Ecr, i Conservatori e Riformisti che comprendono gli eletti di Fratelli d’Italia.

Metsola, primo vicepresidente del Parlamento Ue cui toccherà presiedere la seduta di commemorazione per la scomparsa di Sassoli lunedì pomeriggio, è l’unica candidata che in partenza avrebbe i voti per essere eletta presidente, in ossequio all’accordo di staffetta tra socialisti e Popolari siglato nel 2019 quando venne eletto l’europarlamentare italiano.

Accordo che quest’autunno lo stesso Sassoli e i socialisti hanno tentato di superare, convinti che in realtà sia stato già stralciato nel 2020, quando il conservatore irlandese Pascal Donohoe ha assunto la presidenza dell’Eurogruppo al posto della designata, la socialista Nadia Calvino. Ad ogni modo, il tentativo socialista non è andato a buon fine. Sassoli si è ritirato dalla corsa per la riconferma prima di Natale. Spiegazione ufficiale: “Per non spaccare il fronte europeista”.

Oltre a Metsola, per la presidenza dell’Eurocamera corre il polacco Kosma Zlotowsky, candidato di bandiera dell’Ecr. Il gruppo dei Conservatori lo sosterrà alla prima votazione, ma non è escluso che possa convergere sulla Popolare maltese in eventuali altre chiame, nel caso in cui l’eurodeputata non fosse eletta al primo scrutinio.

Gli incontri decisivi si terranno a partire da domani. Metsola incontrerà la famiglia socialista e gli altri gruppi. Al momento, sembrerebbe che non otterrà i voti della sinistra della Gue - che pure ha la sua candidata di bandiera, la spagnola Sira Rego - né quelli dei sovranisti di Identità e democrazia, a partire dalla Lega. Trattasi degli alleati più vicini a Viktor Orban, la cui creatura politica Fidesz è da un anno senza gruppo politico di riferimento dopo l’addio al Ppe. Insieme a Matteo Salvini, il premier ungherese avrebbe voluto costituire un nuovo gruppo europeo sovranista, per trattare con la futura presidente sulle presidenze e vicepresidenze di commissione all’Europarlamento, tutte interessate al rinnovo di metà mandato. Ma non ci è riuscito per l’opposizione di Giorgia Meloni, presidente dei Conservatori e Riformisti, intenzionata a difendere il suo campo e la sua carica. Dunque, Orban appare fuori dai giochi, per ora.

Tra i parlamentari si presume che Metsolanon venga eletta al primo turno. Troppi i malumori tra i liberali di Renew Europe e tra i Verdi, per le sue posizioni conservatrici sull’aborto e in generale sui diritti. Dunque la parlamentare maltese potrebbe essere eletta al secondo o terzo scrutinio, quando Ecr potrebbe ritirare il proprio candidato e convergere su di lei.

Dopo Sassoli la presidenza dell’Europarlamento dunque cambia volto e sostanza politica. Non solo per la fede politica della nuova futura presidente ma anche, probabilmente, per la maggioranza che la eleggerà. Il 3 luglio 2019 Sassoli fu eletto con la cosiddetta maggioranza Ursula, quella che subito dopo ratificò anche la nomina della presidente della Commissione von der Leyen, con i voti contrari di Lega e Fratelli d’Italia. In sostanza, si trattò della maggioranza che di lì a poco in Italia diede vita al governo Conte II, con l’alleanza Pd-M5s. Metsola invece potrebbe ottenere anche i voti sovranisti.

Finalmente si giungerebbe al termine dell’epoca del cosiddetto ‘cordone sanitario’ che finora ha vietato alle forze euroscettiche di accedere ai posti di comando dell’Ue. Un cambiamento non da poco che avrebbe effetti sugli equilibri politici dell’Unione e magari migliorarla..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

«Ciao, mi chiamo Deborah e vendo aborti fatti a pezzi»

Avete mai mangiato un’insalata con una delle più grandi abortiste al mondo, che con l’occasione vi rivela i trucchi per non spappolare i fegatini d’uomo? Si chiama Deborah Nucatola e ricopre uno dei massimi vertici di Planned Parenthood

Leggi tutto

Società

Jacques Attali e la legalizzazione dell’eutanasia in Occidente

Attali è un «enarca», fa parte cioè di quella élite dalla mentalità ingegneristico-sociale uscita dall’École nationale d’administration (Ena), la scuola dove la République francese plasma la propria classe dirigente (e i cui membri sono soprannominati «enarques»). Nel 1981 viene nominato consigliere speciale della presidenza Mitterrand, diventando una specie di eminenza grigia del leader socialista. Terminato il suo incarico all’Eliseo nei primi anni Novanta viene messo a capo della European Bank for Reconstruction and Development (Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo), l’organismo finanziario internazionale nato dopo la fine dell’Urss dalla volontà dei governi occidentali di accompagnare i paesi orientali nella transizione verso un sistema di libero mercato.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Storie

Sana Chema ed i tanti come lei

Sana non è stata perseguitata per le sue convinzioni religiose, come è avvenuto per Asia Bibi, ma per il banale desiderio di una libertà minimale, scontata, come il diritto a scegliere con chi sposarsi. Mentre i delitti su base religiosa da noi sembra non provochino grande sdegno, forse per l’incomprensibilità ormai manifesta delle motivazioni di fondo che ne guidano le dinamiche, sia nelle vittime che nei carnefici, siamo invece assai sensibili ai delitti passionali. Il diritto a inseguire il sentimento è ormai dato per assodato.

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

Società

Ritorniamo ad una sana ecologia umana lontana dalle mode del momento

Avanza in questi ultimi anni una psicosi generalizzata scatenata da ecoterroristi che spaventano la gente in maniera voluta ed esasperante. Iniettano nelle vene delle persone il tremendo virus della paura del domani, come se fossero loro i padroni del mondo e del futuro. Le soluzioni che propongono poi, tra l’altro, sono più dannose dei problemi stessi. Occorre ritornare alla svelta ad una vera e sana ecologia umana per dare speranza alle nuove generazioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano