Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È profondamente attuale quella “revisione di vita” che il fondatore della Jeunesse Ouvrière Chrétienne - il sacerdote belga e poi cardinale Joseph-Léon Cardijn - proponeva ai giovani perché riflettessero sulla loro vita, cercando di migliorarla con l’azione e il confronto con il Vangelo, per scoprire la presenza di Gesù nella loro storia. Lo fa capire Papa Francesco che, incontrando nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico i responsabili dell’Azione Cattolica in Francia in pellegrinaggio a Roma, riflette sulla chiamata a essere apostoli al giorno d’oggi, per invitare poi il movimento ad accostarsi alle nuove generazioni, meno radicate nella fede ma alla ricerca di senso e di verità, per accompagnarle nella loro crescita. Il Pontefice prende proprio spunto dal metodo del “vedere, giudicare e agire” del cardinale Cardijn per insistere sui tre verbi come programma di vita.

Vedere “consiste nel fermarsi a osservare gli avvenimenti che formano la nostra vita - spiega il Papa - ciò che costituisce la nostra storia, le nostre radici familiari, culturali, cristiane”. E aggiunge poi che proprio l’Azione Cattolica insegna ad analizzare “il senso di ciò che si è e di ciò che è stato vissuto, e di percepire come Dio era presente ad ogni istante”. Ma, avverte Francesco, occorre osservare a distanza per capire “la finezza e la delicatezza dell’azione del Signore nella nostra vita”. E, richiamando la Fratelli tutti, Francesco chiede di partire da uno “sguardo sulla situazione, a volte preoccupante del nostro mondo”.

La seconda tappa - giudicare - è quella del discernimento, prosegue il Papa. “È il momento in cui ci si lascia interrogare, mettere in discussione”, accettando “che la propria vita sia passata al vaglio della Parola di Dio”:

Nell’incontro tra gli avvenimenti del mondo e della nostra vita, da un lato, e la Parola di Dio, dall’altro, possiamo discernere gli appelli che il Signore ci rivolge.

Questo discernere alla luce della Parola di Dio è anche sinodalità, quella che i movimenti di Azione Cattolica hanno sviluppato, nel tempo, “specialmente nella vita di gruppo”, osserva Francesco, aggiungendo che sinodalità “è uno stile da assumere, in cui il protagonista principale è lo Spirito Santo, che si esprime anzitutto nella Parola di Dio, letta, meditata e condivisa insieme”.

Prendiamo l’immagine concreta della croce: ha un braccio verticale e un braccio orizzontale. Il braccio orizzontale è la nostra vita, la nostra storia, la nostra umanità. Il braccio verticale è il Signore che viene a visitarci con la sua Parola e il suo Spirito, per dare senso a quello che viviamo. Essere fissati alla croce di Gesù, come dice San Paolo, significa proprio accettare di mettere la mia vita sotto il suo sguardo, accettare questo incontro tra la mia povera umanità e la sua divinità trasformante.

Da qui l’esortazione del Papa ai gruppi dell’Azione Cattolica a lasciare “sempre un posto importante alla Parola di Dio”, a dare “spazio alla preghiera, all’interiorità, all’adorazione”.

A proposito della terza tappa, agire il papa sottolinea: “L’agire appartiene al Signore: è Lui che ne ha l’esclusiva, camminando ‘in incognito’ nella storia che abitiamo. Il nostro ruolo consiste dunque nel sostenere e favorire l’azione di Dio nei cuori, adattandosi alla realtà che si evolve continuamente”.

Infine il pensiero del Papa va ai giovani e a quanti, specialmente in Europa, frequentano i movimenti cristiani che, osserva, a confronto col passato “sono più scettici rispetto alle istituzioni, cercano relazioni meno impegnative e più effimere”, “sono più sensibili all’affettività, e perciò più vulnerabili, più fragili delle generazioni precedenti”. E all’Azione cattolica affida un mandato:

osì come sono, farli crescere nell’amore di Cristo e del prossimo, e condurli a un maggiore impegno concreto, affinché siano protagonisti della loro vita e della vita della Chiesa, perché il mondo possa cambiare”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Chiesa

Al via a Budapest il Congresso Eucaristico Internazionale

Con la Messa del cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, si è aperto il congresso eucaristico internazionale, l’evento che chiama tutta la Chiesa a riflettere sul tema: “Sono in Te tutte le mie sorgenti”.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Politica

Papa: “Promuovere child safeguarding al tempo del Covid-19 e oltre”

Messaggio di Francesco al Convegno “Promuovere child safeguarding al tempo del Covid-19 e oltre”, in corso oggi a Roma, che vede la partecipazione di rappresentanti del Parlamento Europeo e Italiano e della Polizia Postale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano