Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È profondamente attuale quella “revisione di vita” che il fondatore della Jeunesse Ouvrière Chrétienne - il sacerdote belga e poi cardinale Joseph-Léon Cardijn - proponeva ai giovani perché riflettessero sulla loro vita, cercando di migliorarla con l’azione e il confronto con il Vangelo, per scoprire la presenza di Gesù nella loro storia. Lo fa capire Papa Francesco che, incontrando nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico i responsabili dell’Azione Cattolica in Francia in pellegrinaggio a Roma, riflette sulla chiamata a essere apostoli al giorno d’oggi, per invitare poi il movimento ad accostarsi alle nuove generazioni, meno radicate nella fede ma alla ricerca di senso e di verità, per accompagnarle nella loro crescita. Il Pontefice prende proprio spunto dal metodo del “vedere, giudicare e agire” del cardinale Cardijn per insistere sui tre verbi come programma di vita.

Vedere “consiste nel fermarsi a osservare gli avvenimenti che formano la nostra vita - spiega il Papa - ciò che costituisce la nostra storia, le nostre radici familiari, culturali, cristiane”. E aggiunge poi che proprio l’Azione Cattolica insegna ad analizzare “il senso di ciò che si è e di ciò che è stato vissuto, e di percepire come Dio era presente ad ogni istante”. Ma, avverte Francesco, occorre osservare a distanza per capire “la finezza e la delicatezza dell’azione del Signore nella nostra vita”. E, richiamando la Fratelli tutti, Francesco chiede di partire da uno “sguardo sulla situazione, a volte preoccupante del nostro mondo”.

La seconda tappa - giudicare - è quella del discernimento, prosegue il Papa. “È il momento in cui ci si lascia interrogare, mettere in discussione”, accettando “che la propria vita sia passata al vaglio della Parola di Dio”:

Nell’incontro tra gli avvenimenti del mondo e della nostra vita, da un lato, e la Parola di Dio, dall’altro, possiamo discernere gli appelli che il Signore ci rivolge.

Questo discernere alla luce della Parola di Dio è anche sinodalità, quella che i movimenti di Azione Cattolica hanno sviluppato, nel tempo, “specialmente nella vita di gruppo”, osserva Francesco, aggiungendo che sinodalità “è uno stile da assumere, in cui il protagonista principale è lo Spirito Santo, che si esprime anzitutto nella Parola di Dio, letta, meditata e condivisa insieme”.

Prendiamo l’immagine concreta della croce: ha un braccio verticale e un braccio orizzontale. Il braccio orizzontale è la nostra vita, la nostra storia, la nostra umanità. Il braccio verticale è il Signore che viene a visitarci con la sua Parola e il suo Spirito, per dare senso a quello che viviamo. Essere fissati alla croce di Gesù, come dice San Paolo, significa proprio accettare di mettere la mia vita sotto il suo sguardo, accettare questo incontro tra la mia povera umanità e la sua divinità trasformante.

Da qui l’esortazione del Papa ai gruppi dell’Azione Cattolica a lasciare “sempre un posto importante alla Parola di Dio”, a dare “spazio alla preghiera, all’interiorità, all’adorazione”.

A proposito della terza tappa, agire il papa sottolinea: “L’agire appartiene al Signore: è Lui che ne ha l’esclusiva, camminando ‘in incognito’ nella storia che abitiamo. Il nostro ruolo consiste dunque nel sostenere e favorire l’azione di Dio nei cuori, adattandosi alla realtà che si evolve continuamente”.

Infine il pensiero del Papa va ai giovani e a quanti, specialmente in Europa, frequentano i movimenti cristiani che, osserva, a confronto col passato “sono più scettici rispetto alle istituzioni, cercano relazioni meno impegnative e più effimere”, “sono più sensibili all’affettività, e perciò più vulnerabili, più fragili delle generazioni precedenti”. E all’Azione cattolica affida un mandato:

osì come sono, farli crescere nell’amore di Cristo e del prossimo, e condurli a un maggiore impegno concreto, affinché siano protagonisti della loro vita e della vita della Chiesa, perché il mondo possa cambiare”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sui “veggenti” stiamo con il Papa, ma l’attacco è alla fede e alla Chiesa

Siamo stati chiamati a rispondere anche in tv da fisici, scienziati, psicologi su fenomeni come quello di Medjugorie. Ecco la risposta del nostro giornale

Leggi tutto

Politica

Francia, ha vinto un massone

Nel day after dell’elezione di Emmanuel Macron alla presidenza della Repubblica francese si commentano alcune scelte simboliche evidenti, come quella di parlare ai concittadini appena eletto,
“incastonato” nel triangolo della piramide del Louvre. Il suo strettissimo rapporto con Jacques Attali, massone e teorico del poliamore come dell’eutanasia, provoca preoccupazioni tra i cattolici

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano