Media

di Ilaria Sorrentino

Volo solo chi osa farlo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In questi giorni mentre sistemavo la libreria ho trovato un piccolo libro di poesie. Può senza dubbio sembrare un qualcosa di scontato ma in realtà non lo è. “Le mie prime poesie” è un piccolo libro, un tesoro. In un tempo di dad si e dad no. In un tempo dove tutto è un punto interrogativo, questo piccolo libro è una certezza. La sfida è proprio quella di far arrivare, attraverso la potenza della scrittura, la voglia di riprendere a sognare in modo da far viaggiare la propria fantasia, i propri desideri.

“Vola solo chi osa farlo,

con le ali della vita,

passando da un nido all’altro,

sempre più coscienti

di essere cresciuti.

Sovrastando i cieli insidiosi,

con la capacità e la determinazione,

che solo gli uccelli coraggiosi hanno.”

Versi semplici. Versi significativi. Versi che ti emozionano, che ti regalano il senso della vita stessa.

Scrivere poesie significa far volare le parole, fare stare bene le parole insieme o magari inventare parole nuove. Scrivere per raccontare. Scrivere per emozionare. Scrivere per donare e donarsi. Versi scritti da un piccolo grande poeta. Si perché Michele Smecca nella sua piccola età è già da considerarsi un poeta. La sua penna vede con stupore e meraviglia che cosa succede ogni giorno intorno a lui, ad aprire occhi più grandi sulla natura, i cambiamenti, i miracoli piccoli che avvengono in silenzio. La sua penna sente prestando attenzione e ascolto verso i sentimenti e le emozioni che si installano e trovano casa all’improvviso nella pancia, nella testa o nel cuore. La sua penna immagina con curiosità e coraggio che cosa si nasconde aldilà dei propri sogni. “Nebbia, scendi quaggiù candida e bagnata, bagnandomi, mi fai il solletico, l’orizzonte diventa bianco, mi fa incuriosire…” parole per interpretare emozioni, organizzare le percezioni, individuare relazioni, sa costruire schemi e sa muoversi anche al di fuori di essi. Provare a scrivere una poesia non è altro che saper leggere la nostra mente, saper ascoltare la voce del nostro io interiore, saper percepire le nostre emozioni e sensazioni, saper sognare, riuscire ad essere “grandi” pur amando le piccole cose. “Fare poesia” è guardare la realtà con occhio diverso, con sensibilità e profondità di sentimenti, è esprimere ciò che si prova con un linguaggio particolare. Fare poesia significa imparare ad usare la fantasia con la quale possiamo modificare la realtà a nostro piacere. Fare poesia significa imparare a creare qualcosa di bello e si impara ad apprezzare quello che di bello ci propongono gli altri.

Si scrive di getto quando si vivono emozioni forti in positivo o in negativo, quando invece la vita scorre tranquilla la vena poetica sembra in letargo. Un piccolo libro che raccoglie le poesie di un periodo, del suo periodo. Raccoglie le sue parole, le sue sensazioni. Un libro dedicato alla sua insegnante “che ha saputo tirar fuori il poeta che è in me”. Un senso di gratitudine. Un senso di affetto. Ed è una ricompensa grande per chi ha saputo seminare bene in Michele. In un tempo dove regna il computer, la play, ritornare all’amore per la scrittura, all’amore per la lettura è un grande privilegio perché attraverso il linguaggio poetico si impara a poco a poco a conoscersi e questo serve per acquisire sicurezza e per costruire la propria identità. A Michele auguro di continuare a scrivere perché è uno strumento che non ci abbandona quando la vita è dura e non sappiamo come e a chi dirlo; strumento che non ci lascia soli quando la gioia ci sommerge e vorremmo lasciare tracce, dire a qualcuno che si può essere felici. Strumento per conoscere noi stessi quando ci siamo persi, per tenerci stretti quando ci sentiamo abbandonati, per innamorarci di questo sconosciuto che ci sta sempre accanto, che siamo noi perché alla fine veramente “vola solo chi osa farlo”. AD MAIORA!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La gelida propaganda del poliamore fotografato

Nick e Celeste, 35 e 34 anni, si sono incontrati col servizio okCupid. Il partner sessuale primario di Nick è Celeste, ma egli ha altre due partner che vede un paio di volte al mese e ne sta attivamente cercando altre. Nick ha detto a Celeste di amarla occasionalmente con un po’ di imbarazzo, ma anche Celeste ha molti rapporti sessuali con altre persone, con un paio ha una relazione profonda. Nick e Celeste andranno a vivere insieme, quindi stanno cercando di dare un nome alla loro relazione: sono compagni statisticamente significativi.

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

Politica

Mirko De Carli su green pass e lavoro

Domani in molti ritengono possa essere una giornata molto problematica per il paese: in un’intervista rilasciata al giornalista Gianluca Valpondi cerco di indicare una strada per evitare lo strappo definitivo tra istituzioni e paese reale. Serve il buon senso e come Popolo della Famiglia cerchiamo di usarlo per proporre vie d’uscita a uno scontro ideologico che potrebbe lasciare troppi cadaveri sul campo di battaglia. Buona lettura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano