Chiesa

di Nathan Algren

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’attuale disegno di legge si concentra esclusivamente sull’aborto come unica alternativa per le donne vittime di stupro e riduce l’essere umano concepito a un semplice prodotto senza alcun diritto”. Lo afferma il Consiglio della presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana in una lettera aperta ai membri dell’Assemblea Nazionale del Paese, riguardante il disegno di legge che garantisce l’interruzione volontaria della gravidanza a ragazze, adolescenti e donne in caso di violenza sessuale. Nel documento, i vescovi spiegano che la Corte costituzionale ha chiesto all’Ufficio del difensore civico e, successivamente, all’Assemblea nazionale, di stabilire “le condizioni e i requisiti affinché vi sia un adeguato equilibrio tra la tutela della vita fin dal concepimento e i diritti costituzionali delle donne vittime di stupro”. Tuttavia, venerdì scorso, la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale ha proseguito la discussione sul disegno di legge per stabilire, in particolare, se l’aborto, in caso di violenza sessuale, possa essere applicato entro un periodo massimo di 28 settimane di gestazione (sette mesi) nel caso di maggiorenni e senza limiti di tempo nel caso di minori e donne con disabilità.

Per la Conferenza episcopale il disegno di legge si basa su due presupposti “infondati”, ovvero che l’aborto è un diritto e che la vita umana non inizia con il concepimento. Ricordando, poi, che la Costituzione ecuadoriana protegge la vita dal concepimento e che l’aborto non fa parte dei diritti sessuali e riproduttivi e della pianificazione familiare, i vescovi sottolineano che “nessuna norma internazionale o nazionale riconosce l’aborto come un diritto”.

Il Consiglio della presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana ribadisce che “la vita umana inizia dal concepimento, come dimostra la scienza medica, ed è soggettivo, arbitrario e contrario a ogni constatazione tecnico-scientifica indicare un’età gestazionale fino alla quale è possibile abortire”. Dopo il concepimento, qualsiasi intervento chirurgico, medico o chimico, pone fine in modo “sommario e arbitrario” alla vita di un essere umano. E così, osservano i vescovi, considerando anche il rischio per la salute e la vita della madre, l’aborto “non dovrebbe mai essere usato come giustificazione per uccidere un essere umano, anche se in caso di stupro non viene inflitta alcuna sanzione legale agli autori dell’aborto”.

Secondo la Conferenza episcopale, inoltre, lo stupro, come stabilito dal codice penale, è un crimine e un delitto, ma non viene denunciato e investigato a fondo, il che “favorisce il senso di impunità e incoraggia la reiterazione”. La denuncia - aggiungono i presuli - permette invece di avviare indagini e di adottare misure di protezione a favore delle vittime: senza denuncia, quindi, non c’è giustizia, lo stupratore resta impunito e la donna indifesa”.

I vescovi ecuadoriani ricordano, infine, ai membri dell’assemblea che i medici godono di un diritto umano e costituzionale che è l’obiezione di coscienza, e che quindi il personale medico “non dovrebbe essere costretto a praticare l’aborto contro le proprie convinzioni mediche, etiche e morali”, tanto meno sotto la minaccia di sanzioni come multe o detenzione. L’episcopato ecuadoriano conclude la lettera con un appello alla “ragionevolezza e buona volontà” ai membri dell’Assemblea nazionale, affinché nel disegno di legge “ci sia un adeguato equilibrio tra la protezione della vita dal concepimento e diritti costituzionali delle donne vittime di stupro”, come affermato dalla Corte Costituzionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ddl Cirinnà, ora serve una mobilitazione della Chiesa italiana

Il 7 maggio scade il termine per la presentazione degli emendamenti a una legge che introdurrebbe di fatto il matrimonio gay e legittimerebbe l’utero in affitto. Se saremo silenti, sarà approvata.

Leggi tutto

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Chiesa

Liberato padre Tom

Papa Francesco ha ricevuto in udienza privata Padre Tom Uzhunnalil, il salesiano rapito per diciotto mesi in Yemen e liberato pochi giorni fa. La Società di don Bosco ha deciso che nessun posto sarebbe stato adeguato e sicuro, per lui, quanto la casa salesiana in Vaticano. Il sacerdote si è prostrato a terra per baciare i piedi del vicario di Cristo, il quale ha baciato le mani del confessore

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano