Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Rawalpindi: cristiano accusato di blasfemia condannato a morte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È il prigioniero pachistano da più tempo in carcere per il reato di blasfemia: dal 22 luglio 2012 il cristiano Zafar Bhatti, 57 anni, che si è sempre proclamato innocente, si trova nel carcere di Adiala a Rawalpindi. Adesso però si teme anche per la sua stessa vita dopo che il 3 gennaio scorso il giudice Sahibzada Naqib Shehzad della locale Corte distrettuale ha deciso di commutare la sentenza all’ergastolo che stava scontando in una pena di morte.

Bhatti - che aveva fondato una piccola ong locale chiamata “Jesus World Mission” per l’assistenza ai poveri - fu arrestato con l’accusa di aver inviato messaggi blasfemi da un cellulare la cui scheda non era intestata a suo nome. Nel 2017 era stato condannato al carcere a vita ai sensi del famigerato articolo 295-c del codice penale pachistano, per “aver disonorato il profeta Mohammad”. In carcere avrebbe anche subito violenze. In un’udienza per la revisione della sentenza l’avvocato Naseeb Anjum il 16 dicembre aveva sollevato numerose obiezioni alle accuse, ma la reazione del giudice di Rawalpindi è stata la sentenza di condanna a morte.

“Bhatti è innocente ed è stato incastrato ingiustamente nel caso di blasfemia. Quando ho sentito la notizia della sentenza di morte per Zafar non potevo smettere di piangere e pregare Gesù”, commenta Nawab Bibi, la moglie dell’uomo. La donna osserva che ai veri criminali è offerta la possibilità di essere scarcerati su cauzione, mentre suo marito resta in carcere perché un tribunale pregiudizialmente ostile si rifiuta di liberarlo. “Hanno cercato più volte di convincerlo a convertirsi all’islam per ottenere la libertà - aggiunge Nawab Bibi - ma Zafar resta forte nella sua fede”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Prato si suicida, la società perde e si leva un peso di dosso

Un suicidio sospetto, avvenuto in seguito a un trasferimento inspiegabile: e tutti tirano il fiato

Leggi tutto

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Politica

Senza fallimento non si può vincere

Vince il sì al referendum sulla legalizzazione dell’aborto a San Marino. Secondo la tv locale Rtv, con 35 seggi scrutinati su un totale di 37, i sì arrivano al 77.31%, contro il 22,69% che si è espresso contro.

Leggi tutto

Chiesa

Al legislatore non chiedete “favori” ma proclamate diritti “

Al legislatore, spiega Francesco ai membri dell’Unione giuristi cattolici italiani che partecipano al loro 70.mo congresso nazionale, non chiedete “favori” ma proclamate diritti “che derivano dalla dignità umana

Leggi tutto

Società

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano