{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Niger - Dialogo islamo-cristiano

Storie

di Roberto Signori

Niger - Dialogo islamo-cristiano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Non è altro che un inizio ma faremo di tutto per renderlo una realtà di fatto”, comunica padre Rafael Marco Casamayor, dalla missione di Dosso, Niger. “Si tratta a mio parere di un piccolo segnale che ci riempie di speranza per il nostro futuro: il dialogo tra i cristiani e i musulmani qui a Dosso” spiega il sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA) in merito ad un recente incontro tenuto presso la missione con un gruppo di giovani islamo-cristiani.

Vi hanno preso parte un centinaio di giovani provenienti da Niamey, organizzati dalla Caritas diocesana. “Molti erano universitari – spiega p. Rafael - ma sono arrivati anche lavoratori e liceali: alcuni delle chiese protestanti, altri cattolici e altri musulmani che hanno saputo subito creare un’atmosfera rilassata e allegra, giovanile. Tra i relatori, un insegnante di Filosofia, musulmano, ha parlato della necessità di incontrarsi per conoscersi a fondo e così rispettare e apprezzare i valori e la spiritualità dell’altro. Si tratta di una ricchezza inestimabile che possiamo condividere – sottolinea p. Rafael -. La verità è che non ci conosciamo e, di solito, ci riferiamo a stereotipi ereditati o appresi senza alcun discernimento da parte nostra. Viviamo insieme, lavoriamo e spesso studiamo insieme, ma non ci conosciamo e non ci fidiamo l’uno dell’altro.”

Organizzato dal movimento denominato ‘Ephesia’, nato in Francia qualche anno fa con l’idea di facilitare il dialogo interreligioso e quello di costruire un mondo di pace attraverso il dialogo, l’incontro di Dosso ha avuto come tema “Gioventù tesoro divino”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/01/2022
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Quel Martedì Santo di 35 anni fa

Una storia dimenticata di sangue versato da cattolici italiani che cercavano di costruire dialogo, per ricordarci che dobbiamo sempre costruire ponti, anche se costa caro

Leggi tutto

Media

Candiard: dal dialogo alla tolleranza

A fronte del rischio della strumentalizzazione della religione, l’apprezzato islamologo, residente al Cairo dove è membro dell’Institut dominicain d’études orientales, propone di superare la tolleranza per abbracciare la categoria del dialogo autentico quando si parla della relazione tra le differenti fedi.

Leggi tutto

Società

Muro o ponte, convegno o manifestazione: caro don Mauro, #dialoghiamone

Le polemiche previe alla grande festa di sabato rischiano di travolgere il bel risultato conseguito dalla piazza (da cui speriamo frutti concreti in Parlamento) in un inasprito scontro di campanili. Per scongiurare il rischio che ciò avvenga abbiamo invitato ieri don Mauro Leonardi a esporre la sua critica alla mobilitazione. Il dibattito si è avviato – questa risposta lo mostra – e speriamo resti aperto

Leggi tutto

Storie

NIGER - La croce pasquale portata da un popolo che soffre

“Noi, cristiani di Dosso, formiamo una piccola, piccolissima comunità minoritaria all’interno di una società prevalentemente islamizzata. Felici di essere ma fragili di fronte alla varietà e densità di colori dei nostri fratelli”.

Leggi tutto

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Storie

NIGER - “Non mi sono mai pentito di essermi convertito al cristianesimo”

Non è facile essere cristiani in Niger oggi, e ancor più dopo il jihadismo alimentato da movimenti come Al Qaeda o Boko Haram, presenti nel Paese” scrive padre Rafael Casamayor, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA), dalla missione presente a Dosso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano