Chiesa

di Stefano Di Tomassi

ORTODOSSI CATTOLICI EVANGELICI A OSTIA PER PREGARE INSIEME

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pregheranno insieme i cristiani, Venerdì prossimo alle 19, presso la chiesa Stella Maris, in Viale dei Promontori 113 Ostia Lido.

Questo affinché si compiano le parole:

«Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri».

Sono le parole chiarissime, semplici, di Gesù quando fa l’identikit dei cristiani ‘credibili’ quelli che, potremmo dire, è possibile riconoscere “da lontano”. E chi si ama si incontra, prega insieme, prepara una mensa per condividere una Cena – come ci diceva Papa Francesco a Ostia quel 3 Giugno 2018 “I discepoli, dice ancora il Vangelo, prepararono la Cena dopo essere «entrati in città». Il Signore ci chiama anche oggi a preparare il suo arrivo non rimanendo fuori, distanti, ma entrando nelle nostre città. Anche in questa città, il cui nome – “Ostia” – richiama proprio l’ingresso, la porta. Signore, quali porte vuoi che ti apriamo qui?

Venerdì si aprirà una “porta”. La neo Commissione Cultura della Prefettura di Ostia, la XXVI della diocesi di Roma, riunisce per la prima volta i cristiani cattolici ortodossi e le chiese riformate, gli evangelici, del Territorio lidense. Lo scorso anno il primo annuncio pubblico del Vescovo mons. Dario Gervasi aveva dato il via all’iniziativa in maniera ufficiale, attività che era già praticata negli anni precedenti in ordine sparso.

Venerdì saranno presenti diverse famiglie ortodosse, i fratelli delle comunità evangeliche, l’apostolo e pastore Mario Basile. Le preghiere saranno accompagnate dai canti dei giovani dei cori ortodosso, cattolico – con il maestro Andrea Collacciani – dei ragazzi di equipers evangelici.

Questa giornata, che si inserisce nella più ampia settimana universale di preghiera per l’unità dei cristiani, che si celebra in Roma, è chiaramente un momento di celebrazione; il grande del percorso però. verso l’unità, avviene nella prossimità, nella quotidianità, come ci ricorda il reverendo don Franco Nardin che della Prefettura di Ostia, commissione cultura, è il responsabile per ecumenismo e dialogo religioso. In questi anni si intrecceranno relazioni vere, significative, con le quasi 15 chiese riformate del territorio lidense, nell’unità addirittura più numerose di quelle cattoliche. Già da anni invece è vicino il cammino con le chiese ortodosse ed è in via di costituzione un’ufficiale chiesa ortodossa russa che si poggerà per i primi tempi ad una chiesa cattolica del territorio, vivendo sotto lo stesso tetto.

In effetti da molto tempo la continuità e la coerenza dell’azione pastorale ecumenica è itinerante, pellegrina, e senza dubbio ha mosso i primi passi a Ostia con l’indimenticabile e indimenticato Vescovo mons. Clemente Riva e che ha trovato nuovo vigore e slancio con l’ora Cardinale mons. Augusto Paolo Lojudice, poi con il Vescovo di Civitavecchia, Fiumicino mons. Gianrico Ruzza, e oggi con il degno successore mons. Dario Gervasi.

L’appuntamento è quindi Venerdì prossimo alle 19. Si raccomanda l’obbligatorietà della mascherina FFP2 e di raggiungere la chiesa con anticipo essendo riservati solo 165 posti distanziati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/01/2022
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il lato oscuro della violenza religiosa

“Ipocriti”. Sul Lido di Roma, chi si scandalizza dopo lo scoop derivato dalla folle violenza alla giovane islamica nega da almeno dieci anni un tavolo del dialogo tra le culture e le religioni con al centro i “Padri” del territorio, i referenti dei culti

Leggi tutto

Storie

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

Leggi tutto

Storie

“Alcuni” sacerdoti ed i gay

Interessante presa di posizione della giornalista Costanza Miriano sui social. Ecco il suo breve ma ficcante scritto

Leggi tutto

Chiesa

PAPA - Le intenzioni di preghiera di Gennaio

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di gennaio, diffuso dalla Rete Mondiale di Preghiera, e dedicato agli educatori, Francesco propone di aggiungere alle materie d’insegnamento la fraternità, “anziché la competizione”

Leggi tutto

Storie

I cristiani siriani sono vicini alla gente che soffre in Terra Santa

“Siamo vicini alla gente che soffre per la violenza e per la guerra in Terra Santa. Non possiamo che pregare per la pace. Ci uniamo spiritualmente e concretamente a tutti i fedeli che il 17 ottobre e nei giorni successivi vivranno giornate e momenti di preghiera e digiuno per la pace. Desideriamo la pace per la Terra Santa, come il bene più grande, come dono di Dio”, dice monsignor Mounir Saccal, Vicario generale dell’eparchia siro-cattolica di Aleppo e Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Siria.

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano