Società

di Luigi Ercolani

La vernice variopinta di Hollywood

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’ipocrisia del mondo liberal succede anche questo: si produce una serie tv che narra di Anna Bolena e si sceglie un’attrice afroamericana per interpretare la protagonista. Questo bias storico, perpetrato in ossequio alla rappresentatività radicale che ormai viene bruscamente sbattuta sul volto di chi vorrebbe solo godere di una narrazione piacevole, viene giustificato dicendo che si tratta semplicemente della persona giusta per il ruolo, non dell’aspetto” giusto.

Ora, a parte il maldestro tentativo di negare l’evidenza, sorge spontanea una domanda: visto che gli episodi di cosiddetto blackwashing stanno diventando sempre più frequenti, perché i legittimi tentativi di dare una maggiore rappresentatività alle minoranze, in una Hollywood che troppo spesso è stata terreno di caccia dei soli maschi bianchi (e questo è altrettanto innegabile) non vengono ridiretti a favore di racconti misconosciuti, magari coinvolgendo anche le realtà cinematografiche non-statunitensi meno ricche, piuttosto che di riscritture forzate della storia o della società?

Per fare un esempio pratico: invece che una Anna Bolena di colore, che oltre a essere un errore macroscopico anzitutto dal punto di vista storico è stata anche rappresentata diverse volte, non sarebbe stato meglio raccontare la storia di Ellen Johnson Sirleaf, ventiquattresima presidente della Liberia e prima donna a ricoprire tale ruolo? Oppure quella di Sylvie Kinigi del Burundi, pur se il suo fu solo un governo ad interim di sei mesi? O, se volessimo spostarci di continente, la storia di Sirimavo Bandaranaike, che nel 1960 diventò la prima donna al mondo ad ottenere la carica di primo ministro di uno stato (Ceylon allora, oggi Sri Lanka)?

In tutti e tre i casi si tratta di personalità interessanti, su cui sarebbe interessante proporre un edutainment, ovvero un intrattenimento che allo stesso tempo possa essere una gustosa lezione di storia. Eppure a Hollywood nessuno si è posto il problema: viene il sospetto che in realtà la rappresentatività da quelle parti interessi il giusto, e che l’unico scopo di questa tendenza sia dare una mano di vernice variopinta (l’espressione corretta è “di bianco”, ma in questo caso suonerebbe alquanto ironica) su storie già conosciute per creare polemica, e allo stesso tempo fare in modo che, nelle stanze dei bottoni, resti tutto com’è, compreso il punto di vista anglo-centrico.

“Cambiare tutto perché non cambi nulla”, insomma: non che quella gattopardiana sia una strategia nuova, ci mancherebbe, ma bisogna ammettere che la tenacia e l’aggressività con cui si è fatta strada questa escalation erano largamente inimmaginabili. Volendo prendere a prestito (absit iniuria verbis) il pensiero di Immanuel Kant si potrebbe affermare che i board hollywoodiani stiano cercando di cambiare i valori del fenomeno (ciò che appare, quindi i prodotti) lasciato inalterato il noumeno (loro stessi).

Un’operazione che però, alla lunga, potrebbe finire con l’avvelenare gli animi. Le premesse in questo senso non sono ottime: è successo, ad esempio, che nell’edizione degli Oscar del 2018, che ha visto premiati diversi afroamericani ci sia stata un’attrice che si è lamentata per la scarsità di presenza femminile. Insomma, tira la coperta da una parte, tira dall’altra, alla fine è sempre corta e qualcuno rimane scontento.

Il desiderio di vedere sullo schermo (piccolo o grande che sia) qualcuno che ha le stesse caratteristiche non solo morali, ma anche etniche, è sacrosanto. Il problema sorge quando questo desiderio diventa diffuso e sistematico, di fatto creando quasi una richiesta di “quote” che potrebbe, alla lunga, espellere dal quadro chi ha competenze per svolgere una mansione, ma non le giuste caratteristiche fenomeniche, per tenere buono l’amico Kant. Crinale delicato, sicuramente: l’acquisizione di risorse umane è già difficile di per sé, e diventa impervia quando si tratta di impieghi creativi, invece che meramente esecutivi. Dunque è difficile dare una risposta corretta al problema, che sicuramente, però, non si risolve con le forzature storiche o con le lamentele ad hoc sui social per aumentare la propria buona reputazione. Occorre equilibrio, buon senso e onestà intellettuale: è chiedere troppo?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Politica

Andrea Turco nuovo coordinatore giovani regionale Lazio per il Popolo della Famiglia

ANDREA TURCO NOMINATO COORDINATORE GIOVANI REGIONALE DEL LAZIO DEL PDF, PESCATO NELLE SEGRETERIE DELLA D.C.

Leggi tutto

Storie

La storia di Cinzia Sacchetti

Una storia di rinascita professionale, di reinventarsi positivamente con quel che si ha. Potrebbe essere uno stimolo per tanti giovani che in questi due anni hanno perso il lavoro e sono scoraggiati e delusi. Ed è anche la presa di coscienza che in ogni ambito sono necessarie umanità e spiritualità, che anzi sono elementi imprescindibili l’uno dall’altra. Perché se sei in ricerca (spirituale), il lato umano si risveglia e con esso la consapevolezza dell’altro. Nonostante tutto, sta avvenendo una rinascita spirituale in questo mondo impazzito e vale la pena raccontarla.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli insegnamenti del Concilio

Nella Basilica vaticana, dove 60 anni fa prese il via l’assise conciliare, Francesco presiede una solenne celebrazione eucaristica alla presenza di altre comunità cristiane.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano