Società

di Luigi Ercolani

La vernice variopinta di Hollywood

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’ipocrisia del mondo liberal succede anche questo: si produce una serie tv che narra di Anna Bolena e si sceglie un’attrice afroamericana per interpretare la protagonista. Questo bias storico, perpetrato in ossequio alla rappresentatività radicale che ormai viene bruscamente sbattuta sul volto di chi vorrebbe solo godere di una narrazione piacevole, viene giustificato dicendo che si tratta semplicemente della persona giusta per il ruolo, non dell’aspetto” giusto.

Ora, a parte il maldestro tentativo di negare l’evidenza, sorge spontanea una domanda: visto che gli episodi di cosiddetto blackwashing stanno diventando sempre più frequenti, perché i legittimi tentativi di dare una maggiore rappresentatività alle minoranze, in una Hollywood che troppo spesso è stata terreno di caccia dei soli maschi bianchi (e questo è altrettanto innegabile) non vengono ridiretti a favore di racconti misconosciuti, magari coinvolgendo anche le realtà cinematografiche non-statunitensi meno ricche, piuttosto che di riscritture forzate della storia o della società?

Per fare un esempio pratico: invece che una Anna Bolena di colore, che oltre a essere un errore macroscopico anzitutto dal punto di vista storico è stata anche rappresentata diverse volte, non sarebbe stato meglio raccontare la storia di Ellen Johnson Sirleaf, ventiquattresima presidente della Liberia e prima donna a ricoprire tale ruolo? Oppure quella di Sylvie Kinigi del Burundi, pur se il suo fu solo un governo ad interim di sei mesi? O, se volessimo spostarci di continente, la storia di Sirimavo Bandaranaike, che nel 1960 diventò la prima donna al mondo ad ottenere la carica di primo ministro di uno stato (Ceylon allora, oggi Sri Lanka)?

In tutti e tre i casi si tratta di personalità interessanti, su cui sarebbe interessante proporre un edutainment, ovvero un intrattenimento che allo stesso tempo possa essere una gustosa lezione di storia. Eppure a Hollywood nessuno si è posto il problema: viene il sospetto che in realtà la rappresentatività da quelle parti interessi il giusto, e che l’unico scopo di questa tendenza sia dare una mano di vernice variopinta (l’espressione corretta è “di bianco”, ma in questo caso suonerebbe alquanto ironica) su storie già conosciute per creare polemica, e allo stesso tempo fare in modo che, nelle stanze dei bottoni, resti tutto com’è, compreso il punto di vista anglo-centrico.

“Cambiare tutto perché non cambi nulla”, insomma: non che quella gattopardiana sia una strategia nuova, ci mancherebbe, ma bisogna ammettere che la tenacia e l’aggressività con cui si è fatta strada questa escalation erano largamente inimmaginabili. Volendo prendere a prestito (absit iniuria verbis) il pensiero di Immanuel Kant si potrebbe affermare che i board hollywoodiani stiano cercando di cambiare i valori del fenomeno (ciò che appare, quindi i prodotti) lasciato inalterato il noumeno (loro stessi).

Un’operazione che però, alla lunga, potrebbe finire con l’avvelenare gli animi. Le premesse in questo senso non sono ottime: è successo, ad esempio, che nell’edizione degli Oscar del 2018, che ha visto premiati diversi afroamericani ci sia stata un’attrice che si è lamentata per la scarsità di presenza femminile. Insomma, tira la coperta da una parte, tira dall’altra, alla fine è sempre corta e qualcuno rimane scontento.

Il desiderio di vedere sullo schermo (piccolo o grande che sia) qualcuno che ha le stesse caratteristiche non solo morali, ma anche etniche, è sacrosanto. Il problema sorge quando questo desiderio diventa diffuso e sistematico, di fatto creando quasi una richiesta di “quote” che potrebbe, alla lunga, espellere dal quadro chi ha competenze per svolgere una mansione, ma non le giuste caratteristiche fenomeniche, per tenere buono l’amico Kant. Crinale delicato, sicuramente: l’acquisizione di risorse umane è già difficile di per sé, e diventa impervia quando si tratta di impieghi creativi, invece che meramente esecutivi. Dunque è difficile dare una risposta corretta al problema, che sicuramente, però, non si risolve con le forzature storiche o con le lamentele ad hoc sui social per aumentare la propria buona reputazione. Occorre equilibrio, buon senso e onestà intellettuale: è chiedere troppo?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

SCUOLA – NO INQUISIZIONE SULLO STATO VACCINALE DEGLI STUDENTI

Soddisfazione per l’emanazione della nota Miur sulla tutela dei dati personali riguardo lo stato vaccinale di bambini e ragazzi a scuola . *Siamo soddisfatti di quanto ottenuto* in termini di pronunciamento pubblico, prima da parte del Garante della Privacy, e subito dopo dal Miur, sulla protesta sollevata dalla nostra associazione *Non si Tocca la Famiglia.*

Leggi tutto

Società

Erbil: Maria, 20 anni, uccisa dai parenti per la conversione al cristianesimo

La giovane aveva decine di migliaia di follower sui social, dove promuoveva battaglie a favore dei diritti e delle libertà. Appena 12enne era stata costretta dalla famiglia musulmana a sposare un uomo da cui si era separata quattro anni più tardi.

Leggi tutto

Politica

USA. I Democratici vogliono legalizzare l’aborto fino alla nascita

Venerdì scorso i Democratici hanno infatti approvato alla Camera un disegno di legge radicalmente pro-aborto che costringerebbe gli stati a legalizzare l’uccisione dei bambini non ancora nati per praticamente qualsiasi motivo fino alla nascita, il tutto a spese dei contribuenti.

Leggi tutto

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano