Società

di Giuseppe Udinov

USA in marcia contro l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono trascorsi 49 anni dalla Roe v. Wade che nel 1973 ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti, poco meno due mesi dall’approdo alla Corte Suprema del caso Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization che potrebbe ribaltarla.

Anche per questo la Marcia per la Vita che si è svolta ieri a Washington ha avuto una eco speciale: «L’accesso all’aborto non è mai stato così minacciato», ha dichiarato Ianthe Metzger, portavoce di Parenthood Federation of America alla vigilia della manifestazione oceanica contro l’aborto che si tiene ogni anno nell’anniversario della decisione della Corte Suprema del 1973.
Eppure «l’uguaglianza inizia nel grembo materno» è il tema scelto per la 49esima edizione, ha ribadito Jeanne Mancini, presidente del Fondo March for Life Education and Defense: «La cultura della vita riconosce la verità che ogni essere umano è dotato di una dignità ed è un dono per il nostro mondo indipendentemente da età, razza, sesso o disabilità».
Citofonare a Katie Shaw per comprendere dove vadano a finire tutte le battaglie divampate in America per le vite che contano o meno degli ultimi due anni davanti a un test prenatale: circa il 70 per cento dei bambini come lei, cioè con una «vita meravigliosa» davanti come la sua, tutta «sport, maratone, diploma, libri, uscite con gli amici e volontariato», e con la sindrome di Down, non ha cittadinanza nell’America consacrata all’uguaglianza e alla lotta alle discriminazioni.

Così oltre il 60 per cento degli americani: secondo il tradizionale sondaggio del Marist Institute for Public Opinion di New York commissionato dai Cavalieri di Colombo, la maggioranza dei cittadini si dichiara anche quest’anno favorevole a introdurre delle restrizioni sostanziali all’aborto, il 44 per cento ritiene che la Corte Suprema dovrebbe lasciarne la giurisdizione ad ogni singolo stato, e il 17 per cento vorrebbe che i giudici lo dichiarassero illegale. Inoltre, se il 55 per degli intervistati si considera pro-choice e il 40 pro-life, solo il 17 per cento delle persone a favore della libertà di scelta ritiene che l’aborto dovrebbe essere possibile in qualsiasi momento della gravidanza.

Viceversa, l’83 per cento degli intervistati ritiene che l’aborto debba essere possibile e legale solo entro certi limiti, il 63 per cento è assolutamente contrario alle regole federali che consentono di effettuare interruzioni di gravidanza tramite le pillole acquistate online, il 54 per cento di si oppone all’uso dei soldi dei contribuenti per finanziare aborti, il 73 per cento al finanziamento del servizio in altri paesi. Ancora: il 71 per cento degli intervistati difende l’obiezione di coscienza e l’81 per cento desidera più norme a tutela di madri e bambini, non solo dei diritti delle donne.

Dal canto suo il presidente Biden con l’obiettivo di codificare la sentenza Roe v. Wade in legge federale, è riuscito a negare tutto quello che da sedicente “cattolico adulto” ha sostenuto e professato per anni, a cominciare dal fatto che “la vita”, a far data dalla sua elezione, non inizia più al momento del concepimento. Il presidente che da sostenitore dell’emendamento Hyde (che dal 1973 vieta l’utilizzo di fondi federali per finanziare l’aborto a meno che la vita della madre sia in pericolo o la gravidanza sia frutto di stupro o di incesto) e della definizione di aborto come «tragedia» («penso che dovrebbe essere raro e sicuro, e penso che dovremmo concentrarci su come limitarne il numero»), è finito a chiamarlo «diritto umano», «scelta» da difendere, e l’emendamento Hyde una «ingiustizia» da affossare. L’opposto di Trump, il primo presidente degli Stati Uniti d’America a parlare alla Marcia per la Vita.

Scrive il Nyt che tra i manifestanti di Washington, non meno di cinquantamila, riuniti sulla spianata del National Mall, era tutto un ripetere che il 2022 potrebbe essere «l’anno buono», portare «un cambiamento storico». Lo scrive con malcelato disprezzo verso il tema “l’uguaglianza inizia nel grembo materno” con il quale i relatori hanno voluto paragonare «la loro causa» a Black Lives Matter e alla lotta per l’uguaglianza di genere, e verso Jeanne Mancini, che ha definito la Marcia «la più grande manifestazione per i diritti umani al mondo» e l’aborto «l’ultima forma di discriminazione».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Chi ha paura del medico obiettore?

Scandalizza solo chi osa il proibito: ricordare che sin dal concepimento si è in presenza di un essere umano, unico e irripetibile, e che ucciderlo significa fare il male

Leggi tutto

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

Politica

DOPO L’OMOFOBIA TOCCA ALLA DROGA LIBERA E ALL’EUTANASIA

Possiamo vincere le battaglie sulle questioni essenziali che sono alla base del nostro impegno civile: quanto accaduto durante il voto sul ddl Zan al Senato della Repubblica dimostra che le minoranze ben organizzate e convinte sul piano valoriale possono sconfiggere maggioranze ideologiche e supponenti.

Leggi tutto

Società

Piemonte: è allarme nascite

Solo 27 mila neonati nel 2020, mai così pochi. Negli anni Sessanta superarono la soglia dei 60 mila

Leggi tutto

Politica

Cile: allarme su aborto e sessualità

L’ONG ‘Comunidad y Justicia’  ha avvertito che l’articolo approvato favorisce “l’aborto libero”, cioè “non è più la depenalizzazione, né la legalizzazione, ma una norma costituzionale”. L’articolo costituzionale approvato “ha eliminato l’obiezione di coscienza personale e istituzionale”, “approva, garantisce e assicura l’aborto libero” e “i mezzi per abortire” e “apre le porte alle tecniche di riproduzione assistita, senza limiti, come l’utero in affitto”. Inoltre “approva l’educazione sessuale completa (ESI) ed elimina il diritto preferenziale dei genitori all’educazione sessuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano