Storie

di Roberto Signori

Svizzera: si dichiara donna e riscuote la pensione in anticipo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un “mi sento donna”, è stato sufficiente per riscuotere una pensione con un anno di anticipo. Almeno, questo è quanto riporta Tgcom24 sulla bizzarra vicenda, avvenuta in Svizzera.

Il cittadino svizzero in questione ha cambiato sesso all’anagrafe, ottenendo così la pensione di vecchiaia con un anno di anticipo. Questo perché in Svizzera la pensione viene elargita per le donne a 64 anni, contro i 65 degli uomini. Ma come è possibile? Nella confederazione, dal primo gennaio 2022 è possibile cambiare sesso presso la pubblica amministrazione, e in modo anche rapidissimo: appena 10 minuti di colloquio e si stabilisce una presunta “capacità di discernimento” del soggetto richiedente. Con 75 franchi svizzeri il gioco è fatto.

La possibilità di cambiare sesso “sulla carta” e di dichiararsi un po’ ciò che si desidera è ovviamente un bello spunto per chi, magari più scaltro dei fini ideologi Lgbt, vuole approfittarsi della situazione. Con questa magia tutta progressista si potrebbe addirittura evitare – nei paesi in cui è previsto – il servizio militare maschile, oppure ottenere un anno di pensione in più, come in questo caso. Per ora, la pubblica amministrazione svizzera tace. Anche perché, secondo la stampa locale, l’accusa di transfobia è come le tasse: sempre dietro l’angolo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il 20 giugno in piazza per la famiglia

Alle 15.30 di sabato 20 giugno si terrà a Roma in piazza San Giovanni una manifestazione convocata dal comitato “Da mamma e papà” a tutela dei diritti dei bambini e della famiglia

Leggi tutto

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Storie

Pallavolista licenziato con l’accusa di omofobia

Una mossa costatagli caro non solo per la reputazione ma anche per la carriera. Quando Mauricio Souza, stella della pallavolo mondiale, ha postato lo scorso 12 ottobre una foto del nuovo Superman, Jon Kent - che nei prossimi numeri del celebre fumetto si rivelerà bisessuale - mentre bacia un altro ragazzo. Il suo commento “Ah, è solo un cartone, non è un grosso problema. Vai a vedere dove andremo a finire…” ha sollevato un polverone mediatico. Un caso costatogli alla fine il licenziamento da parte del suo club, il Minas.

Leggi tutto

Politica

PDF al rettore: “Il gender non esiste, ritiri il Gep”

Pisa; lettera aperta a Mancarella: “Quel documento demolisce le basi antropologiche della nostra civiltà”

Leggi tutto

Società

Inghilterra - Ideologia trans nelle scuole, ignari i genitori

In Inghilterra l’ideologia transgender è già molto diffusa nelle istituzioni scolastiche e molti genitori stanno iniziando a lanciare l’allarme, denunciando le ingerenze di professori e presidi.

Leggi tutto

Politica

Brigitte Macron contro la lingua gender.

La professoressa del presidente impugna la penna rossa. E nel friabile dibattito sui generi «fluidi», Brigitte Macron la usa come un piccone per abbattere l’ipocrisia del vocabolario politicamente corretto; che a Parigi sta prendendo piede tanto nella pubblica amministrazione quanto nelle università d’élite. Infatti, dalla Sorbona al Comune della capitale francese, i nomi su alcuni documenti vengono già declinati con genere neutro: per non offendere nessuno, si usa «iel», contrazione tra «il» ed «elle». Via maschile e femminile, con buona pace della letteratura d’Oltralpe.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano