Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il potere di finanza e big tech è davvero grande, al punto che, come avevo da tempo preannunciato, molte opposizioni meramente ideologiche, intellettualiste, sono state da esso fagocitate come mostra in Italia il parlamento uniformato, dove ormai le principali formazioni fuori della compagine governativa sono solo specchietti per le allodole per non lasciare occupare da altri quelle caselle.

La ragione astratta mostra di portare al termine del suo percorso ad uno svuotamento in cui restano solo il potere e il denaro. Si formano nuove classi sociali: i poteri forti suddetti con lo stuolo di esecutori degli apparati, della comunicazione, della cultura e la classe dei manipolati, svuotati e spogliati di tutto. Ma a ben vedere gli stessi dominatori sono dominati dal tecnicismo, il robot che prende il sopravvento sull’uomo che lo ha creato. È interessante su queste scie osservare la parabola dei media delle opposizioni ideologiche per i quali dopo il parlamento uniformato tra l’altro il papa tanto aspramente e ideologicamente criticato ora riceve altrettanto ideologiche parole di stima.

La vera opposizione può, nei tempi e nei modi adeguati, costruirsi solo sul favorire, fin dalla scuola, la libera formazione alla luce della identità religiosa-filosofica cercata e nel solo allora autentico scambio con gli altri. Oggi il potere domina e schiavizza attraverso la formazione e l’informazione: la democrazia è restituirle alla scelta del popolo, di ciascuno.

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Ma la cultura razionalista è radicata persino in tanta opposizione. Dove per esempio si parla di fede e ragione finisce per prevalere la ragione. Si da’ scarsa importanza ad una sinodalità di fatto ridotta ad intellettualismo. Gesù ha invece trasmesso la via della crescita dell’uomo nello Spirito che scende a misura, come una colomba e in mezzo agli altri, nella storia. Una maturazione che orienta a scoprire ogni cosa in modo sempre nuovo.

Cosa significano le parole di Maria a Fatima, “Alla fine il mio cuore immacolato trionferà”? La pervicace, spesso inconsapevole, ubris, superbia, della ragione astratta sarà superata solo attraverso un crollo che sembra avvicinarsi sempre più rapidamente? O per esempio nella Chiesa ci si aprirà ad una sinodalità non di facciata, con una nuova vera e libera, vivificante, partecipazione anche negli apparati e nei media cattolici? Quali ostacoli incontrerebbe un tale rinnovamento a causa del sistema che tiene in mano il mondo? Sarà necessario imparare a riconoscere e affrontare il vario martirio ad opera della comunicazione a senso unico?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Chiesa

Il mercoledì delle Ceneri

Concluso il carnevale con festeggiamenti in modo minore causa covid, da oggi inizia il tempo di Quaresima con il mercoledì delle Ceneri. Andiamo a rivisitare la storia di questo giorno che avvia un periodo di conversione di 40 giorni sino alla grande festa della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano