Storie

di Roberto Signori

Honduras: alla ricerca di un dialogo sincero

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un comunicato dal titolo “Non mettiamo in pericolo lo stato di diritto”, l’Episcopato honduregno ha invitato il presidente Castro e i membri del Congresso nazionale, dopo l’elezione del Consiglio di amministrazione dell’Assemblea legislativa, al dialogo, sottolineando che quest’ultimo “deve avere come obiettivo la ricerca e la realizzazione del maggior bene possibile ed equo di tutti gli honduregni e non gli interessi di individui, gruppi o partiti”.

Inoltre i vescovi hanno spiegato come, dopo le elezioni generali del 28 novembre, ci sia stato nel Paese “un clima di pace e serenità che ha dato a tutti noi la speranza di un futuro migliore”. Tuttavia, negli ultimi giorni “purtroppo”, si sono svolte due “sessioni parallele” del Congresso Nazionale per “adempiere al dovere di eleggere le autorità di tale Potere dello Stato” e, secondo gli esperti di diritto nazionale e internazionale consultati, si teme che le procedure adottate possano essere nulle e possano mettere in pericolo un processo che si è svolto in pace e nel rispetto della legge. Alla vigilia del passaggio di consegne del governo, il 27 gennaio, - affermano - non dovrebbe esserci una crisi politica come quella che il Paese sta vivendo attualmente. “Le delegazioni invitate all’inaugurazione vengono come rappresentanti di uno Stato verso un altro Stato, non di una persona – precisano -, se lo stato di diritto non è rispettato, questa stessa transizione democratica è in pericolo”.

A tal scopo, i vescovi chiedono “un dialogo sincero e aperto il più presto possibile tra il presidente eletto e i rappresentanti dei due gruppi che aspirano alla presidenza del Congresso, affinché possano raggiungere un accordo e trovare una soluzione che rispetti la legge, ripristini la serenità e la pace per celebrare con gioia l’inizio di un nuovo governo”. L’Episcopato ricorda infine che la violenza di qualsiasi tipo, sia fisica che verbale, deve essere bandita dalla cultura honduregna, perché porta all’odio e al dolore. Essendo tutti figli dello stesso Padre, e quindi fratelli e sorelle, il pensare diversamente non ci rende nemici l’uno dell’altro. Quindi, si legge ancora nel testo, “il bene comune deve prevalere sugli interessi individuali”. Per concludere, la CEH ha annunciato che questo martedì inizierà la novena in onore della Vergine di Suyapa, patrona dell’Honduras, e ha esortato i fedeli a pregare “intensamente la Madonna e a chiedere con fede che questa crisi possa essere superata al più presto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

Don Minzoni e il tema del metodo

La questione del “concordare in sostanza ma non condividere il metodo” ha infiammato la diatriba infra-cattolica, nei giorni scorsi, a partire dalla presa di distanza del cardinale Parolin rispetto al WCF di Verona. Un vero e proprio “magistero di metodo”, per l’azione politica, si trova nella grande e lunga vicenda popolare italiana, che ha costruito uno stile umile e moderato, ma insieme radicale

Leggi tutto

Media

IL CORRIERE DELLA SERA DA BOBBIO A FEDEZ

Quando una volta i politici dovevano formarsi e studiare, lo facevano sui libri di Bobbio. Ancora oggi non sono in grado di fornire una distinzione più chiara e lucida di destra e di sinistra di quella regalataci nel piccolo ma fondamentale libro del pensatore piemontese intitolato appunto: “Destra e sinistra”. Oggi non si legge più, meno che mai testi di filosofia della politica. Chi avesse interesse a farlo parta da quel libro.

Leggi tutto

Politica

Green pass: oltre 591 milioni di certificati

Mentre proseguono le proteste in tutta Europa contro il Green pass l’Unione Europea va per la sua strada

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano