Storie

di Roberto Signori

Zelinskyy: “Porto la luce di Cristo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non è facile essere cappellano militare in Ucraina quando spirano violenti venti di guerra. “La nostra missione è quella di stare accanto ai soldati e portare a loro un pezzo di Cielo in modo che non sia pregiudicata la loro capacità di scegliere il bene, di cercare la verità, di proteggere la giustizia e perfino di contemplare la bellezza”, sussurra padre Andriy Zelinskyy.

Lui, sacerdote gesuita della Chiesa greco-cattolica ucraina, prova profondo dolore per la tempesta che si agita nei cuori di quei ragazzi che imbracciano un fucile, spaventati da un’escalation della tensione al confine orientale del Paese. Da quando, nel 2014, sono iniziati i primi scontri armati, ha cercato di portare conforto e amore nelle zone più colpite, come quella di Pisky, di Scerokino, di Avdiyivka e di Vodiane. “In otto anni, abbiamo perso 14.000 persone. Questa può essere davvero definita una guerra ibrida, una guerra che, di fatto, già è in corso ma che in molti hanno voluto ignorare” spiega padre Zelinskyy.

C’è un osservatorio privilegiato dal quale padre Zelinskyy riesce a comprendere meglio il vero valore della vita umana: le trincee. Quei fossati, scavati dai soldati ucraini per resistere agli attacchi dei nemici, si rivelano postazioni preziose per sondare le profondità del cuore umano. “Nel tempo – racconta il cappellano militare- proprio qui ho capito che non ci sono risposte facili da dare a chi ha perso un fratello, un amico, un compagno, in un conflitto che il mondo non riesce a vedere. Bisogna saper ascoltare e cercare di far incontrare il Signore della pace attraverso la preghiera comune”.

Il timore per un allargamento del conflitto ha spinto la Chiesa greco-cattolica ucraina ad intensificare gli aiuti anche nei confronti delle famiglie dei militari fornendo assistenza materiale e spirituale: ad esempio, le madri che hanno perduto un figlio condividono il loro dolore attraverso momenti di orazione mentre i bambini che hanno perso i loro padri in battaglia vengono integrati in momenti di svago e ricreativi. “La fede- dice padre Zelinskyy- aiuta a trovare la strada nelle tenebre della violenza. Anche nella guerra, la Parola di Dio può accendere una luce di speranza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/01/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

“Io ritornerò”: pubblicate le lettere di Eugenio Corti dalla Russia

Sulla scorta dei ricordi personali (l’autore ha avuto il privilegio di conoscere e frequentare familiarmente Corti), vengono presentate le “lettere dalla Russia 1942-1943”, a cura di Alessandro Rivali

Leggi tutto

Società

Ucraina - I frati francescani: “La grazia di Dio ha salvato la città”

“Attualmente la città di Konotop è sotto assedio e a tutti gli ingressi ci sono posti di blocco russi che vietano ai civili di lasciare la città e non consentono la consegna di cibo e medicine. Pertanto, a causa di queste privazioni, c’è una grande carenza di carburante, medicinali e generi alimentari

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Ucraina e Siria unite dal dolore

In una lettera inviata ai partecipanti al Convegno “La Chiesa come casa di carità - Sinodalità e coordinamento”, iniziato a Damasco, il Papa ricorda che nessuno dimentica la sofferenza della nazione mediorientale e che la sinodalità porta ad amare la Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina: la guerra allontana le chiuese ortodosse

La situazione delle Chiese ortodosse tra Ucraina e Russia era già complessa ma la guerra scatenata da Vladimir Putin rischia di compromettere a lungo termine il dialogo tra realtà ecclesiastiche che già presentavano dei distinguo importanti.

Leggi tutto

Storie

Libano: grave pericolo mancanza d’acqua

Nel Paese dei cedri evitato il collasso delle infrastrutture, ma i servizi di approvvigionamento rimangono precari.

Leggi tutto

Storie

Kosovo: i soldati italiani donano apparati odontoiatrici

Si è concluso nei giorni scorsi, nella municipalità di Istok, un progetto di Cooperazione Civile e Militare che ha visto impegnati i soldati italiani del Regional Command West (RC-W) in Kosovo, nella donazione di materiali sanitari per cure odontoiatriche.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano