Politica

di Giuseppe Udinov

Ue 175 milioni in aiuti umanitari per i Paesi dell’Africa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L‘Unione Europea riafferma la propria solidarietà alle persone vulnerabili nei paesi dell’Africa occidentale e centrale, destinandovi 175 milioni di aiuti umanitari nel 2022. I finanziamenti saranno assegnati a progetti umanitari in otto paesi: Burkina Faso (23,5 milioni), Camerun (16 milioni), Repubblica centrafricana (17 milioni), Ciad (26,5 milioni), Mali (25 milioni), Mauritania (8,5 milioni), Niger (24 milioni) e Nigeria (34 milioni).

“Una crisi umanitaria complessa continua a colpire le popolazioni dell’Africa occidentale e centrale, dove si verificano sistematicamente violazioni gravi nei confronti di minori, violenza di genere, rapimenti e aggressioni, arresti arbitrari ed esecuzioni extragiudiziali”, ricorda Il Commissario per la Gestione delle crisi Janez Lenarcic. “Le esigenze umanitarie sono ulteriormente aggravate da una crisi alimentare senza precedenti, da catastrofi naturali, dai cambiamenti climatici e dalla pandemia di COVID-19. L’assistenza dell’UE sarà utilizzata per alleviare le esigenze sul campo, anche attraverso la fornitura di cibo, assistenza sanitaria e protezione e un migliore accesso all’acqua potabile”.

I finanziamenti umanitari dell’UE ai paesi dell’Africa occidentale e centrale hanno l’obiettivo di fornire assistenza di primo soccorso alle persone colpite dal conflitto e alle comunità che ospitano gli sfollati; garantire protezione alle persone vulnerabili e promuovere il rispetto del diritto internazionale umanitario e dei principi umanitari; finanziare misure per affrontare le crisi alimentari e la grave malnutrizione che interessa i bambini di età inferiore ai 5 anni; migliorare la risposta immediata per quanto riguarda i servizi di base destinati alla popolazione più vulnerabile, in particolare per quanto riguarda l’assistenza sanitaria per tutti o l’istruzione per i bambini vittime di crisi umanitarie; e rafforzare la preparazione delle comunità fragili ad affrontare crisi quali gli sfollamenti di massa o crisi ricorrenti, come quelle alimentari o climatiche.

L’assistenza rientra nel più ampio sostegno fornito dall’UE alla regione, anche attraverso i contributi di Team Europa alla risposta globale al coronavirus, il sostegno agli interventi per la distribuzione dei vaccini attraverso lo strumento COVAX e altre azioni volte a fornire un sostegno a lungo termine per rafforzare i sistemi sanitari fragili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/01/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Consuelo Nespoli intervista il coordinatore nazionale del PDF Nicola Di Matteo

Leggi tutto

Politica

PDF: delegazione campana ha partecipato alla manifestazione di Roma

Una delegazione Campana” – annuncia Massimiliano Esposito, Coordinatore regionale del Popolo della Famiglia – “diversi mezzi a Roma ha partecipato, sabato 5 marzo, dalle ore 15 a piazzale Ugo La Malfa, per manifestare contro il governo Draghi che viola la Costituzione”.

Leggi tutto

Politica

Pakistan: situazione politica nel caos

La crisi politica che mette in stato di attenzione i cristiani è partita da una “mozione di sfiducia” contro Imran Khan, presentata dai partiti politici dell’opposizione il 7 marzo 2022. Un voto sull amozione era prevista per domenica 3 aprile 2022

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - I cristiani: No a raduni politici su terreni della Chiesa

Il governo dell’ex Primo ministro Imran Khan, che di recente ha perso la maggioranza nel Parlamento del Pakistan (vedi Fides 4/5/22), ha iniziato a organizzare incontri pubblici nelle varie città del Pakistan come campagna elettorale, invitando il governo e la Commissione elettorale del Pakistan a indire elezioni anticipate in Pakistan.

Leggi tutto

Politica

Speranza deve andare a casa

Chi vuole essere ucciso, può stare sereno: non deve pagare. O meglio, è giusto che al suo posto paghino tutti. Lo ha dichiarato apertamente nelle scorse ore il Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Una volta che la procedura di verifica del rigoroso rispetto delle condizioni individuate dalla Consulta sia stata completata», ha detto parlando con La Stampa, «le strutture del servizio sanitario nazionale non possono assumere atteggiamenti ostruzionistici, né è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente».

Leggi tutto

Politica

Quarta dose over 60 e fragili

Dopo almeno 120 giorni dal primo richiamo o dall’ultima infezione successiva al richiamo, si raccomanda. Speranza: “Inviata circolare alle Regioni”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano