Politica

di la redazione

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA SI RIORGANIZZA A ROMA E NEL LAZIO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia (PdF) ha avviato una riorganizzazione a Roma e nel Lazio in vista dei prossimi appuntamenti elettorali a Ciampino e Viterbo. Nei giorni scorsi, si è infatti tenuta una riunione del coordinamento regionale e cittadino di questo movimento politico di ispirazione cristiana nato dall’esperienza dei Family Day. Vi hanno partecipato il presidente nazionale Mario Adinolfi, il vicepresidente e coordinatore nazionale Nicola Di Matteo e una trentina di dirigenti da tutta la regione. Durante la riunione, sono stati ufficializzati i nuovi incarichi direttivi, votati all’unanimità, tra cui: Massimo Boschi è stato confermato coordinatore regionale del Lazio, affiancato dal vice-coordinatore regionale Angelo De Santis; Claudio Ridolfi è stato nominato coordinatore provinciale di Roma, affiancato dal vice-coordinatore provinciale Mauro Rotunno; Paolo Baldassarri è stato nominato coordinatore provinciale di Viterbo; Eleonora Antonucci è stata nominata responsabile romana per le Pari Opportunità.

“La crescita del consenso per il nostro movimento anche a Roma e nel Lazio ci ha sollecitati a predisporre una nuova squadra che possa impegnarsi sul territorio per le nostre tradizionali battaglie a favore delle famiglie, dei bambini, degli anziani e di tutti coloro che, anche a causa delle recenti disposizioni vessatorie del governo per la pandemia, siano oggi in particolare difficoltà”, ha dichiarato il coordinatore nazionale del PdF, Nicola Di Matteo, al termine della riunione. “Inoltre, inizieremo da subito a lavorare in vista delle elezioni amministrative a Ciampino e Viterbo della prossima primavera, che ci vedranno certamente schierati con nostre liste e nostri candidati per fornire anche in queste importanti città un contributo politico di ispirazione cristiana a difesa della vita e della famiglia”.

Il coordinatore nazionale PDF

Nicola Di Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Politica

I sofismi pindarici dell’elettore cattoleghista

Poiché la “prima proposta” di Matteo Salvini – la riapertura dei bordelli – è il primo nervo scoperto del rapporto tra Lega e fedeli cattolici, non pochi cattolici legati ai circuiti del Carroccio stanno in queste settimane scomodando padri e dottori della Chiesa per troncare e sopire le loro coscienze…

Leggi tutto

Politica

La prossima volta votate Popolo della Famiglia

Al Popolo della Famiglia era stata rimproverata la dispersione di voti “utili”. Il soggetto politico autonomo aveva a sua volta ribattuto che votare centrodestra significava votare inciucio. E proprio
i peggiori paventati dai cattoleghisti: quello con l’avaloriale Pd e quello con il laicistico M5S. Si sta verificando in questi giorni l’ipotesi più temuta e più ardita: la facile profezia del PdF sia di lezione

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano