Chiesa

di Nathan Algren

Canizares: “Le parole di Macron su aborto sono strada verso l’inferno”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«La società laica che esiste oggi è, in realtà, laicista e comporta un pensiero unico, che considera la difesa della vita umana in tutte le fasi della sua esistenza come un’imposizione morale, qualunque sia la sua dimensione o il numero di cellule che lo compongono». Con queste parole il cardinale di Valencia, Antonio Cañizares, che quando lavorava nella curia romana era detto «il piccolo Ratzinger», ha affermato ancora una volta il valore non negoziabile della vita umana.

«La ragione da sola diventa fredda e perde i suoi criteri. Diventa crudele perché non ha nulla sopra di essa. La limitata comprensione dell’uomo ora decide da sola come continuare a trattare la creazione, chi dovrebbe vivere e chi dovrebbe essere rimosso dalla mensa della vita. La scienza senza coscienza si rivolta contro l’uomo e lo distrugge. Vediamo allora che la strada per l’inferno è aperta. Le parole del presidente francese sull’aborto non sono una strada aperta verso l’inferno?».

Il riferimento del cardinale riguarda le recenti parole del presidente francese Emmanuel Macron sull’accesso all’aborto come diritto da inserire nella Carta dei diritti fondamentali dell’Europa. E nello stesso senso Canizares ha ricordato come la legge del governo spagnolo che punisce con il carcere «coloro che informano o pregano per la vita» in prossimità delle cliniche abortiste è «un oltraggio con gravissime conseguenze».

Proposte come quella di Macron o quella del governo spagnolo derivano, secondo il porporato spagnolo, dalla «crisi della cultura occidentale» fondata «nel tentativo dell’essere umano di volare solo con l’ala della ragione, e dimenticando l’ala della fede», secondo la metafora usata da papa Giovanni Paolo II nell’apertura della sua enciclica Fides et Ratio (1998). «Le conseguenze di ciò sono tragiche. In assenza di Dio, nasce una società in aperto fallimento morale e umano, che ha perso i suoi riferimenti e i suoi valori morali, la sua conoscenza del bene e del male».

«Chi dimentica Dio», ha concluso Canizares, «distrugge l’umanità dell’uomo. Questo è il grande problema del nostro tempo».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Eutanasia, parole radicali

Il radicale pro-eutanasia Cappato contro addirittura la normativa sulla sedazione terminale in Francia: “Bisogna somministrare una sostanza letale”

Leggi tutto

Società

Demografia, ecco il vero terrore

Lo Stato Islamico ha rivendicato la strage che a Manchester ha causato 22 morti e 59 feriti, prevalentemente tra i giovani e i giovanissimi che erano andati a seguire il concerto della cantante Ariana Grande. Tra i morti anche una bambina di 8 anni. Nel comunicato di rivendicazione l’Isis afferma: «Uno dei soldati del Califfato ha posizionato ordigni esplosivi in mezzo a un raduno di crociati.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Società

UE: il “no” di Strasburgo alla sorveglianza di massa

Per combattere la discriminazione e garantire la privacy, servono “forti salvaguardie” quando gli strumenti di intelligenza artificiale sono utilizzati dalle forze dell’ordine. È quanto sostiene il Parlamento europeo che oggi – con 377 a favore, 248 contro e 62 astenuti – ha adottato una risoluzione in cui si sottolinea il rischio di “pregiudizi algoritmici” nelle applicazioni che usano l’Intelligenza Artificiale (IA).

Leggi tutto

Storie

Macron ha cambiato il blu della bandiera nazionale francese

Incredibile ma vero!  Il blu cobalto della bandiera francese che sventola sugli edifici della presidenza della Repubblica è stato sostituito da un blu marine: lo ha voluto il presidente Emmanuel Macron

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano