Chiesa

di Giampaolo Centofanti

L’uomo succube del robot

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo in un sistema che ha spogliato la gente dei valori, dei risparmi, del lavoro (tra l’altro imprese svendute a Francia e Germania, finanza e big tech), della vita sociale. Ma avendo in mano cultura e informazione (ormai grigia ripetizione dei codici del potere) ancora vi è chi lo ringrazia e lo vota. Al punto che, compreso alfine il culturalmente prevedibile andamento delle cose, anche molte opposizioni sono entrate al governo o altre ne sono restate fuori solo per non lasciare la casella libera per più profondi movimenti di critica. Il capolavoro della dittatura delle apparenze. Non è davvero il colmo che la crisi pandemica sia gestita di fatto dai suddetti potenti del virtuale che di essa stanno ampiamente beneficiando, conducendo tutto verso il virtuale stesso?

Sviluppi prevedibili perché qui conduce la parabola del razionalismo. Lo pseudotecnicismo tende, attraverso varie fasi, a svuotare, omologare, manipolare a piacimento, le persone, a renderle meri individui consumatori persi in una massa anonima. Gli stessi potenti sono in realtà schiavi di questo meccanismo. L’uomo diventa succube del robot da lui creato. Restano il denaro ed il mero potere a guidare le sorti del mondo.

La democrazia autentica favorisce, fin dalla scuola, la maturazione delle persone nella identità spirituale, filosofica, liberamente cercata e, in momenti adeguatamente distinti e complementari, nel solo allora autentico scambio. Senza tale salto di qualità qualsiasi opposizione prima o poi viene, come dicevo, inglobata dal sistema che ingenuamente vorrebbe cambiare.

La stessa cultura è regolata da astratte competenze prive della suddetta crescita profonda di ciascuno. La ricerca del vero è sostituita da codesti formalismi istituzionali o da altri fasulli prodotti del sistema come la notorietà teleguidata o il mero ruolo. Eppure vi è chi, formato in tale mentalità, non si avvede di nulla. Non avverte la drammatica distorsione delle parole: la differenza tra una solidarietà frutto dell’autentica crescita sopra descritta ed una solidarietà omologata ad uso del potere, tra un femminismo inteso come valorizzazione di ogni persona e la cooptazione di soggetti utili al sistema, tra un’obiezione di coscienza che dia spazio ad un sano pluralismo ed una che condanna persone sincere ed esalta chi persegue anche fuori della legge i desiderata dell’apparato…

Apparenze senza sostanza così come con estrema arroganza e con minacce un potere che sta conducendo verso un tragico crollo stabilisce ad hoc chi tirare su e chi gettare giù, talora con accuse quando vere, quando false, ma comunque sempre mirate. Che, pur distruggendo ogni cosa, i dominatori siano tutti santi?

Per noi cristiani la fiducia è, con Maria, nel Dio del Magnificat, che conduce la storia con la collaborazione dei piccoli. È nel sempre più profondo tornare ai vangeli, scoprendo il discernere concreto, divino e umano, di Gesù. Il suo amore meraviglioso e liberante.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se l’ignoranza ribolle negli atenei

Ormai è un cane che si morde la coda: le scuole insegnano sempre più cose sempre più
superficialmente, così che i ragazzi sanno sempre meno su sempre più (e l’esito è sapere niente su
tutto), i docenti universitari si sono ritrovati intrappolati in scatole a metà tra licei statali e scuole
serali. Il ministro ha la terza media, millanta lauree e fa errori nelle proprie lettere. Piscis capite fetit

Leggi tutto

Media

La scuola buona descritta da un prof. in un romanzo

Roberto Contu è un docente atipico che scrive un libro atipico: sulla propria professione/vocazione/missione e su tutto ciò attraverso cui essa spazia. Ad esempio le vite e le speranze dei giovani.

Leggi tutto

Politica

Obbligo vaccinale: come evitare le sanzioni

Come avvengono i controlli per la vaccinazione Covid-19?

Leggi tutto

Storie

La lettera di suor Rosalina a Mario Draghi

La ferma lettera di Suor Rosalina a Mario Draghi contro l’invio di armi in Ucraina

Leggi tutto

Politica

LUPO TANTI AGNELLI NIENTE DENTI. CHE PECCATO

La percentuale dei cattolici che non si reca agli scranni elettorali è spaventosamente alta, con un trend in ascesa ad ogni consultazione. La contaminazione dei partiti pronosticata dal Cardinal Ruini è stata un fallimento clamoroso e persino quei pochi eletti nelle file del centro destra contano praticamente nulla. La divisione però è il male maggiore da tempo. A mio modo di vedere è necessario ora più che mai avere un partito valoriale non catalogato in categorie storiche superate da tempo (destra, sinistra, centro), ma arroccato ad un sano popolarismo di sturziana memoria, con radici che succhiano alla linfa essenziale dei valori non negoziabili. Avremmo davvero tutte le forze per contare davvero qualcosa nell’agone politico ed essere l’ago della bilancia.

Leggi tutto

Politica

LA SFIDA DEL DISARMO NUCLEARE

“Il nostro futuro su questo pianeta, esposto com’è al rischio dell’annientamento nucleare, dipende da un solo fattore: l’umanità deve attuare un rivolgimento morale. Nell’attuale momento storico ci deve essere una mobilitazione generale di tutti gli uomini e donne di buona volontà. L’umanità è chiamata a fare un ulteriore passo in avanti, un passo verso la civiltà e la saggezza” ebbe a dire San Giovanni Paolo II incontrando scienziati e rappresentanti dell’Università dell’Onu a Hiroshima il 25 febbraio 1981.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano