Società

di Roberto Signori

L’ONU non condanna l’aborto selettivo dei bimbi disabili in Islanda

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

‘Islanda è stata esaminata dagli altri Stati membri delle Nazioni Unite sul rispetto dei diritti umani. Il paese nordico è stato messo sotto scrutinio per il suo tasso estremamente alto di aborti selettivi di bambini con sindrome di Down. L’esame si è però concluso in un nulla di fatto e la stragrande maggioranza dei paesi alla fine non ha condannato questa pratica discriminatoria.

L’Islanda aveva attirato l’attenzione dei giornali internazionali nel 2017 quando CBS News aveva riferito che l’Islanda era vicina allo “sradicamento delle nascite di bambini con sindrome di Down”. L’indignazione che ne era derivata aveva spinto il governo della nazione a rilasciare una dichiarazione in cui chiariva che non esisteva una politica del governo per eliminare la sindrome di Down. Tuttavia i dati mostrano che quasi il 100% dei bambini con questa diagnosi viene abortito.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/02/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Media

Volo solo chi osa farlo

in questi giorni l’autrice dell’articolo ho trovato questo libro ed ha pensato di parlarcene In un tempo dove il più grande punto interrogativo sono i giovani, la scuola, questo libro di Michele Smecca è la certezza che il nostro sguardo deve essere rivolto a questi ragazzi e al loro potenziale.

Leggi tutto

Società

Thailandia - un freno alla maternità surrogata illegale

Su ventimila richieste il governo ha registrato 584 bambini nati da fecondazione assistita in maniera legale. Decine i neonati venuti alla luce nel periodo pandemico e ancora tenuti in custodia.

Leggi tutto

Società

Salute: nuovo trattamento battericida per succhi di frutta

Consigli per la famiglia

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano