{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Società

di Nathan Algren

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il brutale attacco ai Pastori anglicani, avvenuto a Peshawar il 30 gennaio, ha scosso l’intera comunità cristiana in Pakistan. Condanniamo fermamente la brutale uccisione del Rev. William Siraj . Tutti noi cristiani in Pakistan siamo uniti alla Chiesa Anglicana del Pakistan e ai familiari del defunto pastore William Siraj, e del Pastore Patrick Naeem, ferito in questo attacco”, dichiara monsignor Benny Mario Travas, Arcivescovo di Karachi.

Due uomini non identificati su una motocicletta hanno aperto il fuoco sui Pastori anglicani della Chiesa di Tutti i Santi di Peshawar, mentre lasciavano la Chiesa dopo la liturgia domenicale. Il Pastore William Siraj, viceparroco, è s morto sul colpo e il pastore Patrick Naeem è rimasto ferito da un proiettile, ed è ora fuori pericolo.

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

L’Arcivescovo Benny Travas, insieme a padre Asher Liaquat, direttore dell’ufficio della Commissione nazionale per la giustizia e la pace (NCJP) a Karachi, in una dichiarazione congiunta, hanno dichiarato: “Questo incidente ha provocato disordini tra i cristiani e ha turbato la pace e l’armonia religiosa in Pakistan. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze ai membri della comunità, ai nostri fratelli cristiani e ai familiari in lutto”. P. Asher Liaquat aggiunge: “Chiediamo che tutte le persone coinvolte in questo brutale attacco siano arrestate e processate affinché la giustizia possa prevalere”.
Centinaia di persone provenienti da varie città del Pakistan hanno partecipato al funerale del defunto pastore William Siraj tenutosi il 31 gennaio presso la Chiesa di Tutti i Santi. Gruppi ecclesiali e organizzazioni sociali in Pakistan e all’estero hanno condannato il violento attacco ai leader religiosi cristiani e hanno espresso solidarietà alla comunità cristiana di Peshawar. La Ong “Voice of Justice” ha organizzato una manifestazione pacifica e una veglia di preghiera a Karachi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

MYANMAR - Ucciso un Pastore battista

Le violenze e la vendetta dell’esercito bimano si abbattono sui civili innocenti in tutto il territorio della nazione. Cung Biah Hum, Pastore cristiano di confessione battista, che cercava di domare le fiamme, è stato colpito a morte. Il Pastore battista, mentre si adoperava per spegnere gli incendi, pregava il Signore perché mandasse forti piogge sulla città. E’ stato ucciso in quel frangente, mentre pronunciava preghiere

Leggi tutto

Società

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Solo nel 2021 ci sono state 84 accuse. Le principali vittime sono i musulmani. La stragrande maggioranza dei casi si registrano nel Punjab. Un rapporto appena pubblicato dal Centre for Social Justice evidenzia come l’intolleranza parta dal sistema educativo.

Leggi tutto

Società

MYANMAR - Amnesty International: gravi violenze sui civili

La violenza negli Stati birmani di Kayah e Kayin si è riaccesa dopo il golpe del febbraio 2021 ma si è intensificata dal dicembre scorso al marzo 2022: il risultato è l’uccisione di centinaia di civili e la presenza di 150.000 sfollati.

Leggi tutto

Storie

Afghanistan: continuano i crimini dei talebani

In Afghanistan continuano le violenze nel disinteresse della NATO

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Leggi tutto

Storie

Pakistan: insegnante accusata “in sogno” di blasfemia

Delitto in una madrassa della città di Dera Ismail Khan. Tre donne hanno sgozzato un’altra giovane docente per un comando “ricevuto in sogno dal Profeta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano