Politica

di Nathan Algren

Costa Rica: appello dei vescovi in vista delle elezioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con l’avvicinarsi dalle elezioni generali del 6 febbraio, la Conferenza Episcopale del Costa Rica ha diffuso un nuovo appello perché “dopo il processo elettorale, si lavori per il bene comune”. I Vescovi già si erano espressi sull’importanza dell’appuntamento elettorale nazionale e sulla situazione del paese, in diverse circostanze. Nel messaggio del 27 settembre 2021 i Vescovi riflettevano sulla realtà del paese e sulle crisi di diverso tipo che i cittadini si trovano ad affrontare, auspicando l’elezione di persone che abbiano la capacità di “ricostruire e consolidare le basi della nazione, alla ricerca del bene comune e dello sviluppo integrale delle persone”. In un secondo messaggio di pochi giorni fa (vedi Fides 24/01/2022) hanno invitato “a riflettere sul momento decisivo che il nostro Paese sta attraversando”, e “a votare e ad assumersi la responsabilità che, come cittadini, tutti noi abbiamo, in quanto è vitale per rafforzare la nostra democrazia”.

Nel nuovo comunicato dal titolo “Una famiglia unita”, i vescovi ribadiscono gli insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica (nn.1906,1908), l’importanza di votare e di apprezzare “il sacro diritto del suffragio”, ponendo particolare attenzione che gli eletti “lavorino per il bene del Costa Rica”.

I Vescovi confidano nel rafforzamento della democrazia, basata sui principi che hanno portato all’indipendenza 200 anni fa, e si ponga al centro la famiglia, come cellula fondamentale della società, “perché il benessere e lo sviluppo integrale sia possibile per tutti nella nazione, senza escludere nessuno”. In particolare, a quanti saranno eletti, i Vescovi chiedono di mettere da parte gli interessi particolari in nome del bene comune, assicurando ad ognuno ciò di cui ha bisogno per una vita autenticamente umana.

Il 6 febbraio 3,5 milioni di cittadini del Costa Rica saranno chiamati ad eleggere il Presidente, due Vicepresidenti e 57 deputati del Congresso, che resteranno in carica per un quadriennio. La rielezione alla Presidenza è consentita in Costa Rica ma non per mandati consecutivi. Per vincere al primo turno è necessario ottenere almeno il 40 per cento dei voti validi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/02/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Report risultati elettorali liste Popolo della Famiglia

Alle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 il Popolo della Famiglia è stato protagonista con il proprio simbolo in trentanove liste presentate su tutto il territorio nazionale, partecipando a regionali, comunali, municipali e circoscrizionali con un reticolato organizzativo mai così fitto.

Leggi tutto

Politica

Suicidio assistito di un paraplegico: è come la pena di morte

“Non si ammazza un uomo senza una legge” Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, denuncia una forzatura dell’iter che porterebbe nelle Marche al suicidio assistito di un paraplegico: “I portatori della cultura della morte segnano un altro punto in questa surreale battaglia che vuole per forza uccidere Mario, tetraplegico marchigiano.

Leggi tutto

Politica

Jesi amministrative PDF: riportare i valori in comune

Ecco le dichiarazioni di Gabriele Cinti, jesino, vice-coordinatore regionale e capolista del Popolo della Famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano