Politica

di Mario Adinolfi

Lettera aperta a Giuliano Amato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Signor presidente della Corte Costituzionale, prof. Giuliano Amato, in vista della decisione che siete chiamati a prendere il 15 febbraio prossimo, è necessario che io le racconti brevemente una storia. Risale a questa estate, le spiagge anche siciliane erano piene dei banchetti di Marco Cappato e Fedez che raccoglievano le firme per “l’eutanasia legale”. Ogni mercoledì raccontavano di essere sempre più vicini al milione di firme, chiusero a settembre dichiarandone un milione e trecentomila. Il solito imbroglio su numeri truccati che i giornali riportano senza controllare. In Cassazione in realtà ne consegnarono ottocentomila e la Corte ne ha validate solo 543.213. La notizia non è stata mai riportata da nessuno. Mentre in quell’estate imbrogliavano gli italiani con i falsi numeri sul falso referendum per “l’eutanasia legale”, che lei signor presidente sa bene che mai potrebbe essere imposta per referendum essendo in Italia l’istituto referendario solo abrogativo di leggi già esistenti, a Porto Empedocle un ragazzo di 26 anni si aggirava disperato sulla spiaggia. Era il 25 agosto sera e la disperazione di Mirko La Mendola era dovuta al fallimento in un concorso pubblico. L’idea era di farla finita. Non avendone il coraggio Mirko si fece raggiungere sulla spiaggia di Punta Grande, tra Porto Emoedocle e Realmonte, da un giovane “amico”. Il quale prese una pistola e sparò alla tempia sinistra di Mirko, uccidendolo. Il 21 gennaio 2022 il gup di Palermo, Maria Pino, ha rinviato a giudizio il ragazzo detenuto dal 13 dicembre con l’accusa di omicidio di consenziente, articolo 579 del codice penale. E su cosa hanno raccolto le firme, su cosa hanno battuto la grancassa con numeri falsi, su cosa hanno imbrogliato gli italiani Cappato e Fedez? Ebbene sì, sull’articolo 579 del codice penale. Ci chiedevano la firma per “l’eutanasia legale”, in realtà sul modulo c’era scritto che vogliono depenalizzare l’articolo 579. Vogliono far sì che quel che è accaduto a Punta Grande diventi perfettamente legale, privo di conseguenze. Sparare in testa a un ragazzo di 26 anni potrà essere prassi normale in un momento di sconforto. L’orrore, la barbarie, legalizzata.

Signor presidente Amato, so bene che con la sua guida la Corte Costituzionale guarderà con favore all’introduzione dell’eutanasia in Italia. Lei sbaglia, ma non mi attarderò a provare a convincerla. Le chiedo però di essere intellettualmente onesto e conseguente alla dottrina Costituzionale italiana in materia di referendum, che come lei ben sa impedisce l’accoglimento di quesiti che non siano immediatamente autoapplicativi, aprendo “vacatio legis”. Il vento mediatico e politico soffia tutto a favore di Cappato, non c’è un solo partito, se non il nostro piccolo Popolo della Famiglia, che guardi al 15 febbraio cercando di illuminare gli ovvi motivi per cui il quesito che vuole depenalizzare l’articolo 579 del codice penale debba essere rigettato dalla Corte Costituzionale da lei presieduta. Le è chiaro che un suo via libera aprirebbe le porte a un vero e proprio inferno, con persone che potrebbero essere uccise nelle modalità più violente e strampalate, senza alcun controllo, basta ottenerne uno straccio di “consenso”. L’Italia, che ha un ordinamento giuridico che complessivamente valuta la vita umana come un bene di cui non si può disporre, sarebbe consegnata a un cortocircuito giuridico privo di senso e dalle conseguenze pesantissime.

Signor presidente della Corte Costituzionale, rigetti il quesito di Marco Cappato e lo ammonisca il 15 febbraio 2022 a non operare più con imbrogli giuridici, mediatici e numeri falsificati ai danni dei diritti degli italiani, primo tra tutti il diritto alla vita. Mirko La Mendola, 26 anni, non merita un’ulteriore pistolettata alla tempia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Politica

Renzi perde, il PDF vince

I recenti riscontri elettorali hanno sancito la crisi del renzismo e la crescita del PDF. Ora è necessario andare avanti per conquistare i giusti traguardi ed esautorare chi dimostra di interessarsi soltanto a pochi a danno di molti

Leggi tutto

Società

Perchè aggrediscono il PDF

Noi siamo fatti oggetto di violenza continua, dai profili social imbavagliati agli spettacolini come quelli di Novara, dagli insulti sanguinosi alle quotidiane vere minacce, perché non ci siamo rassegnati ad un generico e sterile borbottio, ma l’abbiamo trasformato in azione sociale e politica. Questo proprio non ce lo perdonano. E poiché a Novara come la sera dopo a Torino come quella precedente a Terni, l’OCOM tour fa segnare solo sale piene e sold out, allora hanno alzato il livello di intimidazion

Leggi tutto

Politica

Quale governo dopo il voto? L’Italia attende!

Matteo Salvini cerca voti a sinistra e torna a cercarli; Di Maio si frega le mani sperando di restare all’opposizione; il Pd non vuole risolvere guai alla Lega. Quattro le possibilità che si prospettano.

Leggi tutto

Politica

Alcuni passaggi importanti

#PdF verso una svolta di qualità Per la storia del Popolo della Famiglia si apre una nuova fase, che non è più fatta solo di aspri contrasti col fuoco amico o con le lobby ideologizzate, ma di conquista concreta di un nuovo mercato elettorale. Non più solo reattività indotta dagli avversari, ma proattività dei temi del Popolarismo nella costruzione di una realtà italiana ed europea fondata sulle radici cristiane della nostra cultura.

Leggi tutto

Politica

Destra e sinistra

Ho imparato da piccolo che chi mi dice “rossi e neri sono tutti uguali” dice una bugia. E ho sviluppato una idiosincrasia alla semplificazione e alla banalizzazione, sia di destra che di sinistra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano