Chiesa

di Giuseppe Udinov

Haiti: il Paese sull’orlo dell’abisso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La nostra cara Haiti sta attraversando una fase difficile della sua storia. Chi fermerà la sua discesa agli inferi? Il popolo haitiano non ce la fa davvero più. Le persone sono stanche, sfinite, esauste”. Le parole dei vescovi di Haiti sono cariche di sofferenza e allo stesso tempo sono una denuncia di quello che ogni giorno si vive sull’isola, ostaggio delle bande armate, della violenza che imperversa, di una condizione di emergenza ormai diventata perenne.

La nota che scrivono ad Aiuto alla Chiesa che soffre arriva nel giorno in cui il mandato del presidente Jovenel Moïse, assassinato nella notte tra il 6 e il 7 luglio 2021, sarebbe dovuto finire. Al suo posto, dopo l’assassinio, c’è Ariel Henry ma i presuli temono che proprio in questo giorno possano nascere nuove fiammate di volenza.

“Il momento che stiamo vivendo – scrivono - è estremamente serio e particolarmente decisivo in questa svolta irreversibile della nostra storia. È in gioco il nostro presente e il nostro futuro, e quindi la nostra stessa esistenza come popolo, come nazione, come Stato. Dobbiamo prendere decisioni coraggiose ed efficaci”. Negli ultimi mesi, il Paese ha visto aumentare i crimini legati alla droga e anche i rapimenti, lo scorso agosto si è verificato un terremoto di magnitudo 7,2 che è costato la vita ad oltre mille persone e ha fatto precipitare la popolazione in uno stato di maggiore povertà. Proprio Aiuto alla Chiesa che soffre ha risposto con aiuti come tende, cibo, acqua potabile, medicine e supporto per la riparazione urgente di case parrocchiali e per altri 600 edifici. Nel 2022 è stato assicurato un secondo pacchetto di aiuti per sostenere la ricostruzione.

In conclusione i vescovi lanciano un appello all’unità, ai politici perché arrivino ad un consenso ampio, perché facciano di tutto “per ristabilire l’ordine, la pace, la sicurezza e il rispetto della vita” e perché si esca dalla crisi. Non è tempo, aggiungono, “per la divisione, la disunione, il disaccordo, la discordia e le lotte fratricide per il potere, per la ricerca incontrollata e spudorata di interessi personali, egoistici e meschini”. L’invito è di “lavorare insieme per salvare e trasformare il nostro Paese, che si trova sull’orlo di un abisso”. L’appello è anche ai gruppi armati e alle bande che operano rapimenti “nella più completa impunità” seminando “violenza, paura, morte, lutto, desolazione e angoscia”, i vescovi chiedono che “depongano le armi, rinuncino alla violenza e ai rapimenti e smettano di spargere il sangue delle loro sorelle e dei loro fratelli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/02/2022
0506/2023
San Bonifacio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano