Società

di Antimo Ceparano

Gli avvoltoi della morte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Marco Cappato esulta alla notizia che la Regione Marche ha dato il via libera alla somministrazione di un farmaco per porre la parola fine alla vita del quarantaquattrenne Mario, camionista, restato tetraplegico in seguito a un incidente.

Mi fa piacere l’impegno del Cappato che va oltre ogni logica umana: del resto la società mortifera ha i suoi sacerdoti che come avvoltoi si lanciano su aspiranti cadaveri.

Premesso che l’eutanasia non è legge di Stato e che qualcuno dovrebbe fermare questo obbrobrio, pena il legiferare ad personam e demandato a chiunque voglia ottenere qualcosa paventandolo di un vestito legale ( ad esempio un carcere che voglia giustiziare qualcuno mascherando il tutto dietro una sofferenza fisica). Dicevo premesso ciò è opportuno ricordare che la sofferenza è patrimonio di molti e che solo una sparuta minoranza ( in questo caso un’unità) giunge a richiedere il proprio suicidio, che non è altro che un omicidio verso se stesso (credo che uccidere un tetraplegico sia la stessa cosa che uccidere una persona qualsiasi o dobbiamo depenalizzare l’omicidio dei disabili?).

Se l’omicidio non è permesso allora non è permesso nemmeno il suicidio, generato spesso dalla solitudine e dalla mancanza di condivisione della propria condizione da parte del sofferente.

In verità sono molti i punti oscuri che si nascondono dietro questo dramma: le cliniche specializzate allo scopo, le associazioni sorte per la gestione di questa problematica , l’aspetto ideologico che preme da settori particolari.

La lunga scia ideale che proviene dalle storture ideologiche dei partiti dittatoriali del secolo scorso (nazismo, comunismo) ha di fatto sdoganato nelle coscienze e nei meandri della finta pietas e dell’umanesimo più deteriore, il concetto di abolizione della sofferenza con quello di abolizione del soggetto sofferente. Nei campi di sterminio nazista ci finivano anche i disabili! Per cui invece di farsi carico della problematica sorta intorno alla sofferenza preferiscono lorsignori sopprimere la causa della problematica stessa. Tutto ciò odora di morte e dell’indurre il concetto di morte.

Se facciamo una carrellata e un’indagine nel mondo della sofferenza (e auspico che il nostro giornale proceda in questo senso al più presto) possiamo notare l’abbandono delle Istituzioni verso un mondo già di per se doloroso e ridotto all’abbandonarsi alla sofferenza senza speranza alcuna: spesso il disabile non ha gli strumenti atti a difendere il proprio diritto alla salute e i propri familiari vivono un dimensione onirica che ricorda loro che gli incubi sono anch’essi dei sogni, solo che in questo caso non vi è il risveglio.

Abbiamo bisogno di rifondare l’Uomo dalle fondamenta e questo presuppone una battaglia lunga e tenace: noi ci siamo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/02/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Radicare il seme del cambiamento sul territorio

Domenica 20 novembre a Bologna si è svolta la prima Festa Nazionale de La Croce Quotidiano. In un AEmilia Hotel stracolmo di persone provenienti da tutt’Italia si è celebrata una giornata di festa
e di impegno. La Croce Quotidiano, da quando è nata il 13 gennaio 2015, è diventata per tanti italiani l’unico “foglio” capace di leggere ciò che accade andando oltre il politicamente corretto e rimanendo sempre leale e fedele allo spirito delle buona battaglia a difesa della vita e della famiglia.

Leggi tutto

Società

Noemi la ragazza assassinata due volte

La propaganda sui femminicidi ha raggiunto livelli di ipocrisia mai visti: a parole le istituzioni sono pronte a dare un braccio per la difesa delle donne, ma poi si limitano ad azioni di facciata tanto ridicole quanto ininfluenti (tipo le iniziative parolaie della Boldrini, le sue rimozioni di busti maschili dalle sale del parlamento, le sue dichiarazioni di indignazione a singhiozzo). Quel che serve per proteggere una donna sotto la minaccia della violenza maschile è un intervento netto e deciso, fisico, materiale: un foglio di carta di diffida non protegge, un ammonimento verbale non fa desistere, un’indagine in corso che dura mesi non previene. Se è vero che anche i colpevoli hanno diritto ad un percorso di recupero, che esso sia vero ed efficace: ci sono stalker che si fanno qualche mese di galera e poi, quando tornano in libertà, si rimettono a perseguitare la propria vittima tale e quale a prima.

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne.

Leggi tutto

Società

KAZAKHSTAN - Abolita la pena di morte

Papa Francesco si è più volte espresso per l’abolizione della pena di morte, ritenuta “contraria al Vangelo”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano