Società

di Nathan Algren

Malawi: è emergenza diritti umani e bisogni primari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Siamo profondamente preoccupati per le popolazioni dei distretti delle regioni meridionali e centrali del paese devastate dalla recente tempesta tropicale Ana” ha detto il Presidente della Conferenza episcopale del Malawi (ECM), Mons. Thomas Msusa, in una dichiarazione a nome dei Vescovi del paese.

“I poveri sono i più colpiti, alle prese con bisogni primari da soddisfare a causa delle difficoltà socio-economiche. Molte persone sono rimaste senza casa e hanno perso bestiame, proprietà e fattorie sottolinea l’ Arcivescovo metropolita di Blantyre. Rivolgendosi al Presidente della Repubblica del Malawi, Lazarus McCarthy Chakwera, Mons. Msusa lo ha ringraziato per aver rapidamente dichiarato che si tratta di un disastro nazionale e ha auspicato che questa dichiarazione favorisca il supporto dai partner donatori.

“Il ciclone ha provocato il caos e aggravato le condizioni di indigenza di tanti. I racconti delle persone colpite nei due campi che abbiamo visitato sono piuttosto angoscianti” ha sottolineato padre Ted Chigamba, responsabile della Direzione Sociale della ECM. “Dobbiamo occuparci con urgenza dei bisogni immediati delle persone, cibo, acqua, vestiti e articoli per l’igiene. Allo stesso tempo, dobbiamo anche affrontare le avversità a lungo termine nei settori dell’istruzione e del benessere sociale”, ha affermato padre Chigamba.

Secondo le prime stime, il ciclone ha colpito 20 distretti su 28, provocando danni ingenti a più di 870.000 persone e provocando così lo sfollamento di circa 100.000 persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

Malawi - I Vescovi contro il cancro della corruzione che dilaga nel Paese

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Storie

Detenuti e docce comuni

Il quotidiano 4W ha parlato con tre ex-carcerate che hanno denunciato la censura, le intimidazioni e le ritorsioni subite all’interno delle strutture carcerarie femminili dell’UK che ora ospitano anche uomini transgender.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano