Politica

di Consuelo Nespoli

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Eccoci con la mini intervista del circolo del Popolo della Famiglia di Seriate. Buongiorno a Nicola di Matteo Coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia. Anche a lei come a Mario Adinolfi vorremmo fare una piccola intervista.

Cinque domande poste da: uno studente, una coppia marito e , una pensionata, un giovane imprenditore e un militante del Popolo della Famiglia, riguardanti questi ultimi due anni di pandemia e non.

Studente - Come studente non vaccinato, mi viene negata la possibilità di poter salire su un autobus per poter frequentare la scuola, i miei genitori hanno dovuto contattare volontari per il trasporto, mi viene negato di poter svolgere lo stage in hotel o ristoranti. È giusto tutto questo? Torneremo mai alla normalità?

Rispondo allo studente - Questa classe politico-parlamentare ha sempre sostenuto che investire sui giovani ed il loro futuro è di primaria importanza. Ma ad oggi i fatti sono ben poco tangibili, e tu ne sei testimonianza. Aver deciso di obbligare la comunità studentesca al vaccino, nonostante nessuna pandemia - anche con tassi di mortalità più alti - abbia mai portato un governo a tale scelta, e per giunta contro la dottrina Costituzionale la quale sancisce termini così drastici solo ed esclusivamente per le guerre. Pertanto non lo ritengo affatto giusto da cittadino, padre, rappresentante politico, popolare. Sono certo che i tempi sono duri, ma per contrastare questa folle classe dirigente abbiamo la necessità del sostegno popolare e della denuncia sociale di un disagio, che deve essere portato all’attenzione pubblica attraverso le piazze.

Coniugi - Oggi la politica, le forze dell’ordine, i sindacati, i giuristi e i giornalisti sono allineati a servizio di un disegno ormai chiaro. Perché sono così disinteressati al popolo e ai suoi bisogni? Vogliono forse togliere la sovranità al popolo?

Rispondo ai coniugi - La sovranità popolare, e quindi l’anima della democrazia è da tempo contrastata dai poteri forti e dalle grandi lobby che, a nostra insaputa cambiano mazziere e carte in tavola al fine esclusivo di rendere la partita dalla più facile vittoria. Sarò forse drastico, ma devo ripeterlo per senso di responsabilità, l’Italia ha bisogno di una rivoluzione moderata che si anima dalla bellezza delle piazze e quindi delle famiglie. Coloro che costituzionalmente non solo sono anima della Democrazia rappresentativa, ma che la sorreggono con ardui sacrifici.

Pensionata - Guardo i miei nipoti e attraverso loro ai giovani di questo tempo e mi chiedo come si può fare ad interessarli oggi alla politica e al bene comune dato che sembrano piuttosto indifferenti all’impegno, diciamo anche solo sociale?

Rispondo alla pensionata - Carissima Signora risponderò con brutalità: Non si possono affascinare i giovani senza avere delle ideologie forti su cui erigerli; non si possono affascinare i giovani senza tornare indietro nel tempo, a quei valori a quel rispetto che purtroppo sono andati scemando.

Imprenditore - Come tutti sappiamo stiamo vivendo tempi duri sia a livello umano che a livello lavorativo, cosa possiamo fare, anzi, cosa deve fare la politica per incentivare i giovani ad aprire nuove attività ed investire per il proprio futuro ? Io, che sono un giovane imprenditore, mi sento un po’ abbandonato a me stesso in questo periodo, pochi incentivi e poche motivazioni per continuare…. Mi dia il suo punto di vista !

Rispondo al giovane imprenditore - Vede c’è qualcosa che va oltre l’interesse economico e in Politica si definisce etica, morale. In grammatica dittongo. Nella vita cooperazione. Questo è l’elemento che deve essere assimilato dai giovani imprenditori. In poche parole devono affidarsi alla esperienza dei grandi. Per quanto riguarda il governo, ovviamente deve inserire maggiori investimenti anche per voi e soprattutto degli enti formati a reperirli nel migliore dei modi attraverso idee (business plan).

Militante Pdf - Si sta assistendo, a mio parere, ad una ulteriore polverizzazione del sistema politico italiano, con il rischio concreto che l’anti politica la faccia da padrone e l’astensionismo giganteggi. Non crede che sia necessario ora più che mai la costruzione di un area moderata, né di destra né di sinistra, ancorata ai valori non negoziabili, che eviti divisioni su questioni marginali e sia un baluardo per l’eccessiva estremizzazione di ogni evento cui, a mio avviso, stiamo andando incontro?

Rispondo al militante del PDF - Non possiamo sapere cosa accadrà domani. Ciò che sostieni è sotto gli occhi di tutti. L’agire politico dipenderà anche dalla volontà popolare e dallo spirito di servizio verso la Politica. Il pdf ha già fatto, attraverso il presidente, la proposta di un’area vasta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/02/2022
2611/2022
San Leonardo da Porto Maurizio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

Storie

NEL NOME DI MINO

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Leggi tutto

Politica

Green pass, Mattarella ha firmato

Probabile la proroga dell’obbligo di Green pass per i sanitari. Anche se resta una norma pro tempore. Continuano ad infuriare le polemiche seppur i media remino quasi tutti dalla stessa parte.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano