Chiesa

di Giampaolo Centofanti

L’uomo concreto libera la società

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

De Andrè cantava che non esistono poteri buoni, oggi che vediamo usare ogni mirato mezzo per dirigere la storia dove vogliono gli interessi di pochi possiamo chiederci quanto ci sia di vero in quella icastica affermazione.

Se si aspetta che il potere favorisca la libera maturazione e partecipazione delle persone si rischia di cadere talora in un inganno. Il Magnificat è un limpido esempio di una società non costruita da mere strutture, dai dominatori, ma da Dio con la collaborazione di persone vive, i piccoli.

Certo le persone possono tendere a rinnovare, vivificare, le istituzioni ma è sempre la linfa dei cuori concreti che può tenere accese queste ultime. Anche per esempio ordini religiosi nati da profonde storie di conversione possono ripiegarsi su sé stessi, prendere pieghe che non lasciano adeguatamente sviluppare il carisma originario.

È un grande dono cercare le vie di una crescita a partire da ciascuno. Ecco che allora ci si può avvedere più chiaramente di certi problemi che ostacolano anche per esempio una più autentica democrazia. La cultura imperante fondata su un’astratta ragione lascia ai margini un’anima allora disincarnata, un resto emozionale-pratico dell’uomo e lo Spirito in cui esiste e cresce.

La spiritualità dunque si rinchiude in un cielo variamente staccato dalla terra. Pensiamo alla scuola, dove in fondo anche tante realtà cattoliche trasmettono lo stesso svuotante e omologante razionalismo solo con in più una patina dunque per alcuni versi poco incisiva di preghiera. Motivo per cui non si avverte tutto questo bisogno di lasciare libera la formazione alla luce dell’identità ricercata ed in momenti distinti e complementari del solo allora più autentico scambio.

Su queste scie la sinodalità può rischiare di diventare artefatta trasmissione di imput dall’alto. Anche se è via talmente decisiva da non condurre ad escludere che la potenza del seme possa qua e là travalicare le intenzioni di chi vorrebbe incanalarla.

Una cultura vivisezionata spegne la vita. Forse tra tante sofferenze anche drammatiche e tragiche nella cristianità possono via via germogliare e svilupparsi qua e là i semi di una spiritualità incarnata, a misura della specifica persona. Un venire l’uomo portato tutto intero, vivo, non astrattamente, in frammenti formali, nel mistero della realtà.

Tale maturazione orienta a rinnovare tutta l’esistenza e di qui anche la società. Pensiamo a genitori che dialogano con i figli sui loro studi scolastici. Evidenziando la svuotante e omologante formazione attuale e quella vivificante accennata sopra. Stimolando dunque nei giovani una viva ricerca a tutto campo e in momenti distinti e complementari un vivo scambio con gli altri ed anche un rinnovato incontro tra generazioni.

Pensiamo a parrocchie, santuari, e via discorrendo, che diventano sempre più vivi luoghi di cammino nella fede e incontro anche umano, attenti ai bisogni specifici delle persone, del territorio. Non è stato questo che ha fatto rinascere le popolazioni dalle ceneri dell’impero romano?

Pensiamo a tale maturazione gradualmente sempre più personalizzata che favorisce nuove consapevolezze dei laici, delle donne e dunque nuova partecipazione. Per esempio nuove loro responsabilità formative.

Pensiamo ad una rinnovata comprensione del dono fontale dei sacramenti. Come la grazia di una riconciliazione dove incontrare Gesù vivo che ti ascolta, gioisce e soffre insieme a te, ti aiuta a dipanare i nodi della tua vita reale, a scoprire vie nuove in ogni cosa. Non un astratto parlare di peccati, per certi aspetti alimentando discernimenti riduttivi e distorcenti che possono complicare, appesantire, la vita spirituale. Anche se la potenza del sacramento agisce.

L’uscita dalle sagrestie non è un mero fare. E nasce invece da un più profondo ritorno alla vita spirituale. Gesù risorto ha detto ai suoi discepoli di tornare in Galilea, “là mi vedranno”. Ripercorrere portati da lui il cammino dei vangeli fino a Gerusalemme significa lasciarsi condurre in un cammino tendenzialmente personale e comunitario di fede verso la verità tutta intera, una vita liberata, resuscitata, nel suo amore meraviglioso.

Ho citato solo alcuni tra i mille possibili esempi di una rinascita che certo spera sempre anche in un rinnovamento delle strutture ma intanto semina la vita vera, senza la quale nessun cambio istituzionale ha più autentiche possibilità di avvenire e di svilupparsi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/02/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

A Roma quel telo che inquieta e dà speranza

Non nel senso che la Sindone sarebbe in questo momento nella capitale (l’ultima) d’Italia – sta sempre nella prima – però l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione con il Centro internazionale di Sindonologia e con il Centro diocesano di Sindonologia “Giulio Ricci” di Roma, ha organizzato e ospitato il Convegno internazionale “Vide e credette”. Non solo la questione dell’autenticità del telo, ma un’occasione divulgativa e persino didattica

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Chiesa

Al via a Budapest il Congresso Eucaristico Internazionale

Con la Messa del cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, si è aperto il congresso eucaristico internazionale, l’evento che chiama tutta la Chiesa a riflettere sul tema: “Sono in Te tutte le mie sorgenti”.

Leggi tutto

Chiesa

Signore, insegnami i tuoi sentieri (Sal 25)

Nella registrazione del video indicato qui sotto sono saltate per un problema tecnico poche ultime frasi. Avrei sottolineato che il padre spirituale lo si può trovare nella preghiera, nella sequela di Gesù, nel tempo e anche attraverso vari tentativi.

Leggi tutto

Politica

PDF: “Mobilitazione contro il razzismo verso i bianchi”

Il Popolo della Famiglia Sardegna facendo coro al suo presidente Adinolfi, vuole rimarcare con forza che all lives matter, ossia tutte le vite contano, al di là del colore della pelle, delle appartenenze politiche, etniche o religiose. Perché così è giusto che sia. Sempre”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano