Politica

di Nathan Algren

Monsignor Visvaldas Kulbokas prega per l’Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il nunzio apostolico, monsignor Visvaldas Kulbokas, rilancia l’appello del Pontefice ed esorta a non frenare il dialogo tra le parti.

Tre settimane fa abbiamo fatto un’intervista con lei, cosa è cambiato da allora, cosa è cambiato da quel momento, qual è lo stato della situazione in Ucraina?
Certamente la situazione era tesa già tre settimane fa, ma lo è diventata ancora di più. Ciò che sto rilevando è che tra la gente c’è una preoccupazione molto alta, c’è anche paura. Tuttavia devo dire che, in generale, gli ucraini stanno dimostrando anche una grande resilienza. Questo perché il conflitto nei territori orientali è già in corso da quasi otto anni, quindi vi è anche una certa capacità umana di confrontarsi con le situazioni di emergenza. La paura è grande, la tensione è alta ma ciò nonostante il popolo resiste abbastanza bene.

Certo si può dire che l’attenzione è grande perché è come se si sentisse l’odore della guerra, il che preoccupa tutti. Preoccupa chi ha bambini, chi vive con anziani, le donne incinte, ma qui il governo cerca di calmare la popolazione. E, secondo me, anche questa è una parte della missione della Chiesa cattolica e in generale delle chiese e delle comunità religiose, di infondere almeno una calma relativa pure nelle situazioni di emergenza.

Come la Chiesa Cattolica in Ucraina interpreta la situazione in corso?
Mi ha fatto molto piacere sentire tante omelie incoraggianti. Ciò che si è notato è che la preghiera per la pace è stata piena di fervore in questi giorni. Si sente la preoccupazione dei fedeli che vengono nelle parrocchie, ma si sente anche una preghiera profonda perché sappiamo benissimo che la preghiera non è un elemento qualsiasi, la preghiera ha una forza enorme per cambiare i cuori, per cambiare anche il corso della storia.

Il dialogo trova ostacoli adesso. Succede ciò che accade nelle famiglie quando nasce qualche conflitto, che non nasce in quell’attimo, ma ci sono cause pregresse che hanno dato origine a quelle incomprensioni. Questo è un aspetto… Quando il dialogo si inceppa la colpa è di tanti, secondo me, non soltanto di alcuni direttamente coinvolti. Il secondo aspetto, molto positivo, è che la Chiesa riscopre la bellezza della propria vocazione perché, nel dialogo politico, scegliere la strada della pace significa avere grande coraggio. Quindi quando preghiamo per la pace, preghiamo anche per il coraggio dei politici. La missione della Chiesa è quella di guardare a tutti come fratelli, quindi quando parliamo del dialogo e quando preghiamo per il dialogo, come Chiesa sappiamo che abbiamo la missione di illuminare il dialogo. Quando prego io personalmente, quando prego per la pace so benissimo che in qualsiasi istante il nostro Signore Gesù è capace di illuminare l’uno o l’altro politico, l’uno o l’altro militare, e cambiare diametralmente le decisioni. Basta veramente poco, basta cambiare la prospettiva da quella di parte a quella aperta all’altro, come fratello, e le decisioni cambiano. Quindi anche se la situazione è molto tesa, molto difficile, umanamente parlando, per la Chiesa è un modo di riscoprire la propria missione. Si può aggiungere ancora che, come comunità di credenti, siamo invitati a contribuire per la costruzione della società, delle nazioni, dei Paesi, ma questo costruire non significa mai andare contro qualcuno, significa soprattutto costruire noi stessi, l’unità, la comprensione. Costruire anche una maggiore intesa tra le chiese perché, quanto siamo più uniti, più siamo forti dentro e maggiormente capaci di dare una testimonianza di Vangelo agli altri.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/02/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La via stretta tra fatalismo e interventismo

Dopo il massacro di cristiani in Kenya e le parole forti di Papa Francesco, ora la parola è alla comunità internazionale. Ma scegliere la strada giusta è una sfida che riguarda prima di tutto la Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: uniti per il futuro

All’udienza generale il Papa dedica la catechesi al viaggio apostolico a Budapest e in Slovacchia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita”.

Prima della preghiera mariana Papa Francesco ha commentato il Vangelo di questa domenica e l’incontro di Gesù con l’uomo ricco, che è “un test sulla fede” anche per noi.

Leggi tutto

Politica

Biden a Roma

Rafforzato di 5.296 unità la presenza delle forze dell’ordine a Roma. Scuole chiuse dalle 16 di oggi. Ripristinati i controlli delle frontiere interne fino alle 13 di lunedì. Arrivato nella notte a Roma il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Oggi gli incontri con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il premier Draghi e Papa Francesco

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano