Società

di Nathan Algren

Guatemala - I Vescovi: “Ci ferisce la disuguaglianza”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Desideriamo, nel nome di Gesù, rilanciare l’appello a lavorare per il bene comune, ad annunciare Dio presente e operante tra noi, a denunciare la mancanza di impegno e l’indifferenza…La costruzione del bene comune appare sempre più irraggiungibile di fronte alle domande spontanee di tante persone della nostra società che vivono impoverite ed escluse”. Così inizia il Messaggio della Conferenza Episcopale del Guatemala, pubblicato al termine dell’Assemblea Plenaria Annuale, tenuta dal 7 all’11 febbraio, in cui i Vescovi hanno riflettuto sulla realtà del paese e sulla missione della Chiesa.

Vedendo le necessità delle comunità, i Vescovi sono solidali con quanti hanno maggiormente sofferto le conseguenze della pandemia e gli altri mali che li affliggono. “Ci ferisce la disuguaglianza sociale, la cattiva gestione delle risorse e la corruzione dilagante” affermano, rilevando che “nella maggior parte del nostro popolo è evidente il desiderio di superare gli ostacoli”, nonostante molti siano prostrati dalla miseria e dall’assoluta mancanza di opportunità, sono tanti infatti quelli che lottano trovando ispirazione nella fede. “Il nostro popolo possiede una riserva umana piena di speranza molto importante – scrivono -, che afferma la sua dignità e cerca di andare avanti. Incoraggiamo i principali responsabili del bene comune e tutti a continuare a fare il possibile per costruire un Guatemala migliore.”

Ricordando le parole di Papa Francesco sui principi ispiratori della politica, i Vescovi insistono sulla necessità di “lavorare instancabilmente per un’architettura giuridica e un’amministrazione della giustizia che risponda alle esigenze della popolazione e al rispetto dei diritti umani per tutti”. Sollecitando quindi l’elezione dei magistrati della Corte Suprema di Giustizia, che dovrebbero essere stati rimpiazzati due anni fa (vedi Fides 27/7/2021), proseguono: “È necessario costruire la pace attraverso un dialogo sincero e fecondo nel nostro paese, che riprenda gli Accordi di Pace, uno dei frutti migliori del recente passato, che però ancora non sono stati applicati interamente”.

La pandemia ha acuito i problemi del passato: nel campo sanitario, la malnutrizione infantile, il mancato sviluppo delle zone rurali, la disoccupazione, l’emigrazione e l’immigrazione… Secondo stime dell’Onu, la sanità, il lavoro, la casa e il benessere umano di base sono ad un livello molto basso per la maggioranza della popolazione, rileva il messaggio. Particolare attenzione dovrebbe poi essere prestata al settore dei bambini e dei giovani, che costituiscono la percentuale più alta della popolazione guatemalteca.

“Come Pastori che camminano in questa tappa sinodale con tanti laici e laiche, vogliamo ascoltare e imparare gli uni dagli altri. Per questo esortiamo ad unire risorse, mezzi e sforzi per adempiere alla nostra missione evangelizzatrice” esortano ancora i Vescovi, ricordando gli stretti legami tra evangelizzazione e promozione umana sottolineati da San Paolo VI.

Durante l’assemblea i Presuli hanno affrontato anche alcuni temi intraecclesiali, viene ricordato nel messaggio: hanno incontrato i rappresentanti della vita religiosa, riflettuto sul ministero dei catechisti e “sul servizio eroico, insostituibile e incondizionato che prestano all’evangelizzazione”; hanno analizzato la situazione dei seminari evidenziando la necessità di formatori ben preparati; si sono soffermati sulla realtà delle Pontificie Opere Missionarie, sulla pastorale familiare particolarmente importante per la trasmissione della fede alle giovani generazioni, sulla realtà dei settori più vulnerabili, come bambini, giovani, donne, migranti…

“In questi momenti decisivi della storia del Guatemala – esortano -, siamo chiamati come credenti ad adempiere agli insegnamenti di Gesù, che ci ha mostrato che l’opzione per i poveri è il cuore del discepolato, e che le nostre opere di carità devono manifestarsi anche nella dimensione politica, che privilegi il bene comune al di sopra di qualsiasi altro interesse particolare”.

Il messaggio si chiude implorando la protezione e l’intercessione della nostra Madre Maria, invocata con il titolo di Vergine di Lourdes, ricordando i malati e il personale sanitario che si prende cura di loro, e invitando nuovamente l’intera popolazione a vaccinarsi perché è uno dei mezzi più efficaci per evitare morti e danni gravi. “Confidiamo nella provvidenza di Dio che non ci abbandona mai”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/02/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Politica

Covid: nuove regole nelle scuole

Al via in tutta Italia le nuove regole la gestione dei positivi al Covid-19 a scuola, con l’obiettivo di mantenere il più possibile le lezioni in presenza.

Leggi tutto

Storie

Brescia, farmaci letali ai pazienti Covid

In Corte d’Assise il processo nei confronti di Carlo Mosca, ex primario di Montichiari, accusato di triplice omicidio

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

In un comunicato congiunto i presuli dei due Paesi esprimono preoccupazione per il fallimento dei negoziati tra Mosca e l’Occidente e per le truppe e le armi russe ammassate al confine.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano