Politica

di la redazione

Andrea Turco nuovo coordinatore giovani regionale Lazio per il Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una nuova ed importante nomina nel Popolo della Famiglia è quella di Andrea Turco nuovo coordinatore giovani regionale Lazio per il Popolo della Famiglia

Ecco come di suo pugno ci racconta la sua storia…..

Non mi sento di appartenere ai millenial comuni, pur avendo ventiquattro anni, nel 2017 aderii con ferma convinzione alla Democrazia Cristiana ( quello che ne é rimasto); attraverso la passione politica, la caparbietà, la franchezza nell’agire e la trasparenza riuscii ad arrivare nel coordinamento della Segreteria Politica della Stessa.

Acqua passata? Tutt’altro: vita vissuta e di cui non mi pento affatto. Poiché ieri ho capito che quella vita ha comportato una maturazione personale e politica non indifferente agli occhi di molti, e ne sono felice prima da persona, poi da dirigente politico.

Dobbiamo ripartire nel Lazio ed in Italia dando spazi e soprattutto voce in capitolo alle idee dei giovani. Io mi prodigherò per insegnarvi tutto ciò che mi hanno insegnato in termini politici.

Analizzeremo il tema delle fatiscenti scuole italiane non adeguatamente pronte per lanciare i giovani sulle ‘piazze del lavoro’, poiché il numero delle ore dei tirocini e dei laboratori tecnici-professionali: risultano insufficienti. Dobbiamo valorizzare attraverso l’aumento del numero di ore indirizzate alla pratica della professione il lavoro e per giunta non sottopagato. Noi giovani non possiamo essere sfruttati in eterno solo poiché la nostra istruzione fa spesso acqua da tutte le parti e risulta, quindi, insufficiente.

Dobbiamo anche verificare la possibilità di inserire i giovani in contesti sociali e di lavoro pertinenti alle qualità personali, oltre che al solo titolo di studio; seguendo e perseguendo sogni e richieste degli stessi. Per questo motivo nel Lazio promuoverò attività imprenditoriali di un certo spessore e serietà, che vogliono investire sul futuro delle nuove generazioni per ridare dignità ai ragazzi che hanno voglia di crescere e di generare famiglie stabili.

Ho fermamente nel cuore i valori della Dottrina Sociale della Chiesa, essendo anche cresciuto in un Istituto di Suore ( S. Anna). Ricordo perfettamente i loro insegnamenti che hanno fatto di me unna persona forse migliore, diversa, educata, cristiana, che ama le forme democratiche quali il confronto leale, un confronto schietto e una risoluzione che si collochi al centro delle esigenze degli estremi, e cosi possiamo definirli.

La regione ha bisogno di novità sia sotto il profilo politico, sia sotto il profilo del tessuto connettivo economico. Per questo ho deciso questa mattina, di accettare la nomina conferitami dagli organi di competenza Nazionale rappresentati da Mario Adinolfi e Nicola Di Matteo; ma anche dalle dirigenze del Lazio e di Roma che hanno mostrato sin da subito grande riconoscenza ed entusiasmo.

Spero di essere un rappresentante popolare e di racchiudere nelle parole tutti i sogni, tutte le aspettative e tutte le richieste dei giovani e meno giovani che hanno a cuore non solo i valori non negoziabili della Vita e della difesa del Creato, ma anche e soprattutto le aspettative che riguardano un qualcosa che riguarda l’Uomo e la Sua Casa Terrena.

Nel cogliere questa occasione dico spassionatamente ai giovani di rendersi liberi dai padroni che li vorrebbero vedere schiavi del sistema e del effimera economia, schiavi dei mass media che spesso pescano fake-news e, di essere sempre alla ricerca del bene comune, della verità, dei principi sani poiché la Storia é composta da corsi e ricorsi e questo é il momento giusto per fare un passo a favore di chi per quei principi ne ha fatto una ragione di vita e politica. Questi non possono che essere attribuiti al Popolo Della Famiglia; spesso in conflitto con la massa, ma decisamente e fermamente controcorrente per realizzare il bene dell’Italia e di chi si sente di appartenervi.

Coordinatore Regionale Giovani Lazio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La riforma fiscale

La riforma fiscale, per cui si attende a fine settembre la legge delega al Governo, che già doveva essere approvata entro luglio, non conterrà alcuna modifica sostanziale del regime tributario della tassazione sui redditi (I.R.P.E.F.) in un modo più favorevole alla famiglia, nel senso più volte indicato dalla Corte costituzionale e da decenni perseguito dalle associazioni familiari.

Leggi tutto

Politica

Pensioni, salta lo “scalino”

Dopo lo scalone nel passaggio tra Quota 100 e la legge Fornero in versione integrale, salta anche lo “scalino” di Opzione donna. L’intenso pressing della maggioranza e dei sindacati, ha indotto il governo a un rapido ripensamento sui requisiti per accedere a Opzione donna, che sarà prorogata per il 2022 così come l’Ape sociale in versione estesa a nuove categorie di lavori gravosi.

Leggi tutto

Storie

La Svizzera e la situazione delle famiglie

La pandemia ha aumentato i carichi di lavoro preesistenti: soprattutto le persone con compiti di cura considerano che sia stato più difficile del solito conciliare attività retribuita, famiglia e lavori domestici. Indipendentemente dal tipo di economia domestica, le donne sono maggiormente colpite.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco battezza 16 bimbi

“Questo è il vostro lavoro durante la vostra vita: custodire l’identità cristiana dei vostri figli”, così Papa Francesco nell’omelia alla Messa con il rito del Battesimo celebrata stamattina

Leggi tutto

Società

CARI FIGLI VI SCRIVO, LETTERA A DEI RAGAZZI ADOLESCENTI

La lettera di un padre ad i ragazzi di oggi

Leggi tutto

Politica

AMARE L’OCCIDENTE, TEMERE PER L’OCCIDENTE

L’occidente si può amare oppure temere…...

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano