Storie

di Roberto Signori

Per chi tifano i politici italiani?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi andiamo a scoprire per quali squadre si tifa nel mondo della politica e scopriamo che ci sono derby e divisioni per tutti i gusti.

il presidente del Consiglio Mario Draghi non ha mai tradito la sua passione per la Roma. Non a caso, nel suo governo è riuscito a coinvolgere diversi altri tifosi della Roma: dal ministro delle Infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini, al ministro della Salute Roberto Speranza.

Meno spazio per i campioni d’Italia dell’Inter, che vantano però una tifosa molto importante: l’ex campionessa di scherma Valentina Vezzali, oggi sottosegretario di Stato con delega allo sport. Non mancano i milanisti come il ministro dell’Innovazione tecnologica Vittorio Colao e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Tra i tifosi della Juventus vanno segnalati il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e il ministro della Giustizia Marta Cartabia.

Non sembrano esserci tifosi della Lazio, nel governo a guida Draghi, ma non mancano gli outsider: dal ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio, napoletano doc, al fiorentino Andrea Orlando, ministro del Lavoro e politiche sociali.

Sostiene la Spal il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ma il più originale di tutti è sicuramente il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti: la sua squadra del cuore è il Southamtpon.

Uscendo dal governo attuale, non mancano comunque i grandi tifosi. Se la Juventus è la squadra più tifata in Italia, non è una sorpresa che anche in Parlamento vanti molti sostenitori. riunitisi tra l’altro in un vivace Juventus Club Parlamento. Si va dall’ex premier Paolo Gentiloni a Pier Luigi Bersani, passando per Veltroni, Fassino, Tajani e anche il leader del Popolo della Famiglia Mario Adinolfi..

Non mancano anche i milanisti, dall’ex presidente Silvio Berlusconi al leader del Carroccio, Matteo Salvini, senza dimenticare Boschi, Maroni e gli ex premier Enrico Letta e Mario Monti.

Tifoso sfegatato dell’Inter è Ignazio La Russa, coadiuvato dall’ex sindaco di Milano Letizia Moratti e dall’attuale primo cittadino della città meneghina, Beppe Sala. Tra i sostenitori del Napoli spicca invece Roberto Fico, presidente della Camera, oltre al senatore Gaetano Quagliariello.

Non mancano poi i derby capitolini in Parlamento. Sono molti i tifosi noti della Roma, da Giuseppe Conte a D’Alema, Gasparri, Meloni e Zingaretti, attuale presidente della Regione Lazio. Biancocelesti sono invece i cuori di due ex sindaci della Capitale, Rutelli e Alemanno, oltre che dell’ex 5 stelle Di Battista. E mentre Renzi non ha mai nascosto il suo tifo per la Fiorentina, sono bolognesi doc Romano Prodi e Pier Ferdinando Casini.

Infine il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella pur essendo siciliano e orgoglioso delle sue origini, il Capo dello Stato ha sempre avuto una simpatia speciale per una squadra l’Inter.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

Politica

Green pass, Mattarella ha firmato

Probabile la proroga dell’obbligo di Green pass per i sanitari. Anche se resta una norma pro tempore. Continuano ad infuriare le polemiche seppur i media remino quasi tutti dalla stessa parte.

Leggi tutto

Politica

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Il ddl Zan ha perso tra l’applauso del Senato, di quella parte della politica fiera di aver seguito la battaglia de Il Popolo della Famiglia ed aver salvato l’Italia da una legge violenta e liberticida. Avremmo tutti applaudito con vigore se fossimo stati li in quel momento.

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

Società

Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Il Parlamento è ora chiamato a fissare la data in cui questo Codice della Famiglia sarà votato in un referendum, che si terrà nell’arco dei prossimi dodici mesi

Leggi tutto

Storie

MAMMA ANNA E RICCARDO, DUE VITE TENUTE LONTANE DAL GREEN PASS

Dalla Sardegna a storia di Anna e Riccardo, mamma e figlio che per diversi mesi sono stati lontani l’una dall’altro in quanto Anna era sprovvista di green pass e non le era consentito visitare Riccardo, ospite in una struttura privata e affetto da tetra paresi spastica.
Con questa breve intervista, vogliamo evidenziare quanto ingiusta sia una misura discriminatoria come il super green pass che il nostro governo ha, purtroppo, difeso a spada tratta sino a oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano