Politica

di la redazione

PDF Modena: subito aiuti contro il caro bollette

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Proporre a Hera ogni possibile azione per sostenere nell’immediato i soggetti che si trovano maggiormente in difficoltà nel pagare le bollette, e chiedere al Governo di ampliare ulteriormente il fondo per contenere i rincari, mettendo in campo interventi immediati, concreti e consistenti. Sono le principali richieste contenute nei due ordini del giorno sugli impegni per fronteggiare la crisi energetica e sostenere famiglie e imprese approvati dal Consiglio comunale di Modena I due ordini del giorno sono stati presentati rispettivamente dal Movimento 5 stelle (approvato con voto unanime) e da Pd, Sinistra per Modena, Europa verde-Verdi, Modena civica (approvato con voto a favore anche di M5s e Modena sociale; astenuti Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Lega Modena, tranne i consiglieri Prampolini e Santoro, contrari).

Nella stessa seduta, l’assemblea consiliare ha respinto altri tre ordini del giorno sul tema delle azioni contro i rincari energetici: due presentati da Piergiulio Giacobazzi (Forza Italia), uno da Stefano Prampolini (Lega Modena). I due ordini del giorno di Forza Italia chiedevano all’Amministrazione di sollecitare la Regione Emilia Romagna a sospendere l’addizionale regionale all’accisa sul gas naturale, cosa che avrebbe “effetto positivo immediato sull’economia delle famiglie e delle imprese” (voto a favore anche di M5s, Lega Modena, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Modena sociale; contrari i gruppi di maggioranza), e di utilizzare, in via straordinaria, l’indennizzo ambientale del termovalorizzatore per mitigare i rincari delle bollette (a favore anche M5s, Lega Modena, Modena sociale; astenuto Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia; contrari i gruppi di maggioranza). L’ordine del giorno di Lega Modena chiedeva al Comune di farsi parte attiva con Hera per ottenere il congelamento, almeno provvisorio, delle bollette; la verifica dei comportamenti di Hera rispetto alle informazioni date agli utenti; la modifica dei contratti e la possibilità per gli utenti di rescinderli immediatamente. Il documento è stato respinto con il voto contrario dei gruppi di maggioranza; a favore anche M5s, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, Modena sociale.

Nel dettaglio, l’ordine del giorno del Movimento 5 stelle, illustrato da Giovanni Silingardi, oltre, appunto, a invitare il Comune, nella sua qualità di azionista, a far valere la governance pubblica del Gruppo Hera per introdurre ulteriori politiche e interventi per aiutare i soggetti più fragili, chiede anche di prevedere, in vista del Bilancio 2022-2024, risorse da destinare a interventi diretti per sostenere le famiglie e i soggetti più in difficoltà, e di sollecitare formalmente il Governo e i parlamentari del territorio affinché siano accelerati gli investimenti strutturali per lo sviluppo di energie rinnovabili, “in modo da ridurre la dipendenza del Paese da dinamiche internazionali non controllabili”.

L’ordine del giorno sottoscritto dai gruppi di maggioranza, chiede anche di verificare e rafforzare le agevolazioni già esistenti per i nuclei familiari più poveri e fragili, utilizzando scontistiche e risorse pubbliche nazionali o regionali; di monitorare la ricaduta dell’aumento dei costi dell’energia sulle famiglie modenesi, di richiedere al governo di poter utilizzare le risorse residue del Fondo funzioni fondamentali Covid per far fronte alle maggiori spese dovute al costo dell’energia. Invita, inoltre, l’Amministrazione a promuovere tutte le azioni e gli investimenti per migliorare l’efficientamento energetico e l’impatto ambientale, riducendo la spesa pubblica che grava sul bilancio comunale, oltre a farsi promotore di un piano regionale e nazionale di efficienza energetica che coinvolga imprese, abitazioni private ed edifici pubblici, per aumentare il risparmio energetico. Chiede, infine, di incrementare le attività di comunicazione istituzionale per rendere più trasparente il funzionamento del mercato libero dell’energia e per consolidare le buone pratiche di risparmio energetico e monitoraggio dei consumi sia per i privati sia per le imprese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/02/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

ATTENTI, VOGLIONO SDOGANARE LA PEDOFILIA

Ieri sera a Dritto e Rovescio mi sono sentito dare del “comunista prestato al cattolicesimo” da un tale che fa il gigolò e (dice lui) è andato con 50 preti gay. Poi un sacerdote si è messo a sbraitare e a prendermi a parolacce (questa la sua pagina fb https://www.facebook.com/DonPatrizioCoppola/ ma il suo vescovo non ha nulla da dire su comportamenti televisivi così indegni dell’abito che porta?) perché contestavo le parole anticattoliche di un “padre” di una confessione cristiana inesistente

Leggi tutto

Politica

Rimini - Popolo della Famiglia: “Non condividiamo le dichiarazioni di De Vita”

I tre rappresentanti: “Il Popolo della Famiglia è e resta free vax, preoccupato solo da una economia che va a rotoli”

Leggi tutto

Politica

Cuneo: il PDF a sostegno della coalizione per Lauria Sindaco

Amministrative 2022, Cuneo: il Popolo della Famiglia a sostegno della coalizione per Lauria Sindaco

Leggi tutto

Politica

M’INNAMORO DEGLI IRREGOLARI

La prima regola di questa politica, figlia di una comunicazione falsata per addomesticare il libero pensiero del cittadino, è apparire quello che non si è: mettersi in giacca e cravatta tutti i giorni senza averlo mai fatto per una vita intera, cercare approvazione da “quelli che contano” mentre per anni li perculavi al bar sotto casa e immaginare di avere potere sapendo benissimo di non poter mai ottenere la libertà di esercitarlo con piena autonomia di pensiero. Questa categoria di classe dirigente, che potremmo catalogare come i cosiddetti “colletti bianchi” (farlocchi), domina nei partiti tradizionali grazie al consenso consapevole e strumentale di leader che la cercano come le pepite d’oro per scongiurare ogni possibile dissidio interno.

Leggi tutto

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano