Politica

di la redazione

Lettera aperta ai giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pubblichiamo la lettera del nuovo coordinatore giovani Lazio del PDF. L’appello è chiaro: agire per il bene ed il bello comune.

Cari coetanei, care coetanee

mi chiamo Andrea Turco (25 anni) e, vorrei potervi far riflettere sul motivo per cui ho deciso di scendere convintamente in piazza il giorno 5 marzo definita ‘BASTA APARTHEID’.

É forte l’immagine che si vuol dare a questa piazza, ma parliamoci francamente: quanti di noi sono stati costretti a farsi il vaccino per proseguire gli studi o per sopravvivere nel lavoro?

Allora mi viene spontaneo da persona civile chiedervi un piccolo sacrificio, che sicuramente molti possono fare per un bene più grande: la libertà. Ebbene si! Dobbiamo riconquistare la libertà come nel dopoguerra, nella segretezza delle urne; dando un voto a chi si batte affinché essa sia di nuovo al centro della politica e che ripristini la democrazia rappresentativa, ampiamente denigrata, derisa, che ha vissuto enormi soprusi.

Complice di questo vi sono i buonisti di sinistra che - tutto va bene - ma non in casa loro che si permettono anche di ridere in TV dimenticando che la politica é serietà, ma oramai, é divenuta anche per noi fonte di pettegolezzi. Motivo di denigrare l’altro e non di sviluppare confronti tematici che consentano di elevare un pensiero base e renderlo più articolato.

Tutto questo accade da oltre 10 anni secondo cui - Storia racconta - si sono susseguiti governi tecnici fra i migliori.

Ricordo Mario Monti e gli innumerevoli suicidi di imprenditori e dipendenti.

Ricordo Matteo Renzi e la rettifica dell’art. 18 sulla costituzione che ha causato il precariato, anche e non solo nella pubblica amministrazione.

Allora mi chiedo sapendo determinate cose e aggiungendo che una parte del centrodestra sta sostenendo il governo, su indicazione di Mattarella (governo di larghe intese) come si possa non capire, e lo dico con chiarezza anche alle forze di governo del CDX, che é necessario staccare la presa e inserire figure che non scendano l’Italia, ma che ne preservino: cultura, Storia, religione, tradizioni.

Questi sono solo una parte di tanti soprusi che sono stati fatti ai danni dei giovani. Se non agiremo, continueremo sempre a lamentarci senza raggiungere nessun obiettivo di libertà e di bene comune.

Andrea Turco

Coordinatore Giovani Lazio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

Siamo al conto alla rovescia verso quel 4 Marzo nel quale il Popolo della Famiglia attende l’occasione per cambiare il mondo!

Leggi tutto

Politica

Un congresso che va difeso, non sostenuto

Il PDF lamenta alcune scelte concernenti l’evento veronese. Gli organizzatori del WCF2019 stanno pagando lo scotto per aver liberamente esposto la manifestazione su un piano politico che non le è connaturale

Leggi tutto

Società

Mario Adinolfi a Marco Cappato sull’eutanasia attiva

Spero che queste parole ti interroghino e interroghino i congressisti di Bari, che noi verremo a contestare con le nostre bandiere del Popolo della Famiglia e con i nostri militanti disabili che vogliono vivere e non morire, non vogliono sentirsi dire che diventano “dignitosi” solo se scelgono di suicidarsi. Continuiamo a credere che quello sconosciuto depresso che sale su un parapetto per buttarsi giù vada convinto a non farlo, non vada spinto di sotto per aiutare la sua “libera autodeterminazione”. E continuiamo a pensare che una società che organizza la sua libertà attorno all’idea di liberamente sballarsi, drogarsi, uccidersi sia una società malata che necessita di una cura.

Leggi tutto

Società

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

In questi giorni tutte le prime donne della nota lobby filomassonica si sono messe a piagnucolare per l’esito negativo della votazione al senato sul liberticida DDL Zan. Gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, non riescono a farsene una ragione. Ma non demordono e si sono messi alacremente a cannoneggiare smascherando i loro subdoli intenti. Abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra, occorre proseguire nella lotta.

Leggi tutto

Società

La famiglia al centro

In tv nel tempo in cui la famiglia “tradizionale” sembra essere odiata da tutti i teorici della sua distruzione, l’origine narrativa di ogni racconto da lì prende spunto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano