Società

di Roberto Signori

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’abuso delle leggi contro la blasfemia è ostinato e costante in Pakistan. Un recente rapporto pubblicato dal Centro per la giustizia sociale ha raccolto i dati sulle accuse di blasfemia da quando è entrata in vigore nel 1987 la modifica che impone anche la pena di morte, proponendo un focus sull’anno appena trascorso.

Nei primi quattro anni dall’entrata in vigore della normativa, introdotta durante il regime militare del generale Zia ul-Huq, non si sono registrati più di 18 casi in un anno. Le cose sono cambiate nei decenni successivi: i casi di accuse di blasfemia sono aumentati in maniera progressiva, fino ad arrivare a un massimo di 208 nel 2020 (v. infografica). Dal 2001 al 2010 ci sono stati 708 casi in tutto, saliti a 767 nell’ultimo decennio.

La maggior parte delle vittime è di fede musulmana e quasi tutti i casi si registrano nel Punjab. Prendendo come riferimento il 2020, nel 70% dei casi gli accusati sono musulmani sciiti, mentre i sunniti solo il 5%, gli ahmadi il 20%, i cristiani il 3,5%, gli indù l’1% e uno 0,5% di fede non identificata. Il trend si è riconfermato nel 2021, anche se i casi registrati sono stati “solo” 84: si è trattato di 45 musulmani, 25 ahmadi, 7 cristiani e 7 indù (v. infografica). Guardando alla totalità delle accuse dal 1987 al 2021, i musulmani rappresentano quasi la metà delle vittime, con il 47,6%, gli ahmadi il 33%, i cristiani il 14,4% e gli indù il 2,2%.

Percentuali simili riguardano le esecuzioni extragiudiziarie: considerando la totalità delle persone uccise in relazione ad accuse di blasfemia, cioè 84 dal 1987 al 2021, i musulmani sono stati la metà, 42, i cristiani 23, corrispondenti al 27%, gli ahmadi 14 e i rimanenti buddhisti, indù o non identificati.

Il maggior numero di casi, con oltre il 75%, è stato riportato in Punjab, seguito dal 18,4% in Sindh, 2,7% in Khyber Pakhtunkhwa e 1,5% a Islamabad. Anche in questo caso guardando solo al 2021, i dati sono in linea: 68 accuse sono state registrate nel Punjab, 7 nel territorio della capitale Islamabad, 5 nel Khyber Pakhtunkhwa, 3 nel Sindh e 1 nel Kashmir.

Per quanto riguarda le conversioni forzate, invece, il numero è salito ad almeno 78 casi nel 2021, un aumento del 50% rispetto al 2019 e dell’80% rispetto al 2020. Le vittime cristiane sono state 38; 39 invece gli hindù e una donna sikh. Ma il dato più allarmante riguarda l’età: nel 76% dei casi si è trattato di minori.

Sebbene il governo abbia riconosciuto il problema istituendo un Comitato parlamentare per la protezione delle 10 minoranze dalle conversioni forzate, a ottobre dell’anno scorso il Parlamento ha respinto un disegno di legge contro le conversioni forzate. Esistono poche altre leggi per la protezione delle minoranze, alle quali però ci si appella solo raramente.

Il Centro per la giustizia sociale denuncia il clima di intolleranza generale creatosi negli ultimi anni, a partire dal sistema educativo: nel 2021 è stato introdotto alle elementari un curriculum nazionale, ma l’approccio educativo della scuola pubblica “si è avvicinato a quello della madrasa”, la scuola religiosa islamica, spiega il rapporto. Le lezioni trattano solo dell’islam, mentre “gli studenti delle minoranze sono privati dello studio della propria religione”.

I libri di testo così violano l’articolo 22 della Costituzione, secondo cui “nessuna persona che frequenti un’istituzione educativa può essere obbligata a ricevere un’istruzione religiosa, o a prendere parte a una cerimonia religiosa, o ad assistere a un culto religioso, se tale istruzione, cerimonia o culto si riferisce a una religione diversa dalla propria”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/02/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Noemi la ragazza assassinata due volte

La propaganda sui femminicidi ha raggiunto livelli di ipocrisia mai visti: a parole le istituzioni sono pronte a dare un braccio per la difesa delle donne, ma poi si limitano ad azioni di facciata tanto ridicole quanto ininfluenti (tipo le iniziative parolaie della Boldrini, le sue rimozioni di busti maschili dalle sale del parlamento, le sue dichiarazioni di indignazione a singhiozzo). Quel che serve per proteggere una donna sotto la minaccia della violenza maschile è un intervento netto e deciso, fisico, materiale: un foglio di carta di diffida non protegge, un ammonimento verbale non fa desistere, un’indagine in corso che dura mesi non previene. Se è vero che anche i colpevoli hanno diritto ad un percorso di recupero, che esso sia vero ed efficace: ci sono stalker che si fanno qualche mese di galera e poi, quando tornano in libertà, si rimettono a perseguitare la propria vittima tale e quale a prima.

Leggi tutto

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

Società

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Fare di più per tutelare la libertà religiosa

La condizione della libertà religiosa in Pakistan desta preoccupazione: assistiamo a dozzine di episodi di violenza della folla, all’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, conversioni forzate e profanazione dei luoghi di culto

Leggi tutto

Storie

Strappò il velo a una musulmana sul bus: condannata una 23enne

Aggredì, su un autobus di linea a Torino, due passeggere musulmane strappando il velo dal volto di una di loro e, adesso, una 23enne torinese è stata condannata a 5 mesi e 10 giorni.

Leggi tutto

Storie

SIRIA - La guerra è guerra e basta

L’Amministratore apostolico di Aleppo: “la guerra non è ‘giusta’: è guerra e basta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano