{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Preghiera ortodossa per la pace del Donbass

Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Preghiera ortodossa per la pace del Donbass

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il metropolita ortodosso di Donetsk e Mariupol, Ilarion (Shukalo), della giurisdizione ucraina fedele al Patriarcato russo, ha rivolto un messaggio al clero e al popolo “del Donbass a Dio affidato”. Ilarion chiede di intensificare le preghiere per la pace di fronte al rinnovarsi del conflitto bellico su tutto il territorio della metropolia.

Nel testo si riflette l’angoscia “poiché di nuovo ci troviamo nella totale incertezza per il domani, che non promette nulla di buono. Quante volte in questi anni abbiamo dovuto subire questa assurda guerra crudele? Sono ancora aperte le ferite sanguinanti degli scontri bellici, ancora non sono state ricostruite le case della nostra povera gente, e neppure i santuari profanati della nostra diocesi”.

Ilarion spiega che la regione è nota in tutto il mondo per i suoi successi nel lavoro e nelle attività produttive, ma va lodata anche per la saldezza della sua fede: “Non a caso parliamo del Donbass ortodosso, che sa lavorare, ma anche pregare”. La gente del luogo ha dato prova di reciproca solidarietà, anche i monasteri si sono messi a disposizione degli sfollati e dei sofferenti.

Oltre alle minacce e ai bombardamenti, la situazione è aggravata dalla pesante situazione epidemiologica, con moltissime persone malate di coronavirus e un’assistenza sanitaria quanto mai precaria, che “dovremo compensare con una preghiera sempre più intensa. Non abbiamo la forza per cambiare la situazione, ma Dio Onnipotente può salvare e cambiare le cose in un battito di ciglia”.

Ilarion ricorda le parole del beato Efrem Siro, secondo cui “tutto viene da Dio, il bene, il dolore e la vergogna: il primo per grazia, il secondo per edificazione, e la terza per concessione”. Alla vigilia dell’inizio della Quaresima, queste parole e queste circostanze “spingono alla conversione più autentica. Cambiando noi stessi, saremo in grado di cambiare anche la triste realtà intorno a noi”.

I monasteri, esperti nell’ospitalità dei pellegrini, sono invitati ad aprire le porte a tutti i bisognosi, “che hanno necessità di un tetto, del cibo e della consolazione”. Invece tutti i fedeli “non devono rimanere indifferenti l’uno all’altro. Devono tendere la mano al prossimo e dimostrare con i fatti la propria appartenenza a Cristo”.

La preghiera del Donbass è “per tutta la comunità dell’unica Chiesa di Cristo, fatta da uomini di pace che si rivolgono a tutte le persone di buona volontà, e a coloro da cui dipendono le decisioni, che portino alla pace, alla custodia del bene comune e alla comprensione reciproca”.

Il metropolita conclude con parole di speranza: “Credo sinceramente che potremo vivere felicemente nel nostro bellissimo, unito e laborioso Donbass ortodosso! Gloria, onore e pace a tutti coloro che desiderano il bene (Rom 2,10)”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha ragione il Papa, dice frate Antenucci: «Il chiacchiericcio è peggio del Covid»

Il frate della Madonna del silenzio ci ricorda con le parole di Papa Francesco l’importanza di usare con attenzione le parole. «Tanta gente vive nel rumore perché nel silenzio emerge la coscienza, si evidenziano i problemi interiori. Nel silenzio non puoi nasconderti, costringe a pensare a chi sei veramente. E se insisti trovi Dio che è già nel tuo cuore e ti attende. Allora il silenzio, esercitato ogni giorno, diventa una ricarica, ti dona le parole da donare agli altri. Il silenzio cristiano non è mai vuoto, ma è la pienezza della presenza di Dio, è il suo respiro nella nostra anima. In questo senso il silenzio non è tecnica, ma un dono di Dio offerto a tutti. Un dono che libera e guarisce ».

Leggi tutto

Storie

Musei Vaticani e l’icona ucraina di Maria

Risalente al XVII secolo, la Madonna Odigitria ricevuta in dono da San Giovanni Paolo II nel suo viaggio a Leopoli nel 2001, è l’unico esempio di arte ucraina custodito dai Musei del Papa

Leggi tutto

Politica

Sara Reho (PDF): “Le donne non sono merce da allevamento intensivo

A Kiev non riescono a consegnare i 21 bambini nati con la maternità surrogata. Sara Reho (Popolo della Famiglia): “Le donne non sono merce da allevamento intensivo ed in Italia la GPA è ancora reato”

Leggi tutto

Storie

Kurdistan, padre Samir: Noi ostaggi della guerra di Erdogan

Dopo la strage di Zakho costata la vita a 9 turisti la testimonianza di un parroco che vive sulle montagne della regione dove avvengono i raid. “Ogni settimana ci sono persone che muoiono per questi bombardamenti.  Ankara deve essere fermata”.

Leggi tutto

Storie

La “Vigna di Rachele” in Russia per superare il trauma post-aborto

La partecipazione a questi seminari aiuta la persona ad affrontare il dolore della perdita e ad affidarlo a Dio, rielaborando la perdita di un bambino abortito, riconciliandosi con se stessi e con Dio“

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco incontra Macron

L’auto blindata con la bandiera blu, bianca e rossa è giunta in Vaticano, nel Cortile di San Damaso, intorno alle 10.20. Sorridente il presidente francese Emmanuel Macron, assieme alla moglie Brigitte e una delegazione di dieci membri, è stato accolto dal corteo di Guardie Svizzere e alcuni Gentiluomini di Sua SantitĂ , e dal reggente della Casa Pontificia, monsignor Leonardo Sapienza, che gli ha stretto la mano e lo ha poi accompagnato all’ascensore che ha portato il presidente nella Biblioteca apostolica. Lì, per la terza volta dall’inizio del suo mandato, ha incontrato Papa Francesco.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano