Società

di Tommaso Ciccotti

A maggio “la fiera sulla fertilità”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le date sono state fissate, per sabato 21 e domenica 22 maggio, mentre il luogo è ancora sconosciuto. Milano, come è stato comunicato alle famiglie che si sono iscritte alla newsletter per ricevere informazioni, ospiterà l’evento “Un sogno chiamato bebè“. Gli organizzatori, senza mai citare la pratica dell’utero in affitto, promettono un “vero luogo di scambio e condivisione”, dove “incontrare personalmente, in un ambiente discreto e sicuro, i principali attori globali della fertilità, medici ed esperti in medicina di talento, associazioni, con i quali scoprirai le diverse opzioni di trattamento disponibili nel mondo e una vasta gamma di soluzioni naturali, mediche e personalizzate”. L’evento, che per la prima volta viene organizzato in Italia dopo tappe in varie città europee, era finito sotto i riflettori lo scorso settembre, dopo che il quotidiano della Cei, Avvenire, aveva sollevato il caso.

Nel mirino la pratica dell’utero in affitto, che in Italia non è consentita, pubblicizzata durante la manifestazione parigina che contava tra i partner colossi internazionali della riproduzione assistita. Inizialmente la tappa milanese era stata fissata per il 20 e 21 novembre dell’anno scorso. Poi era slittata a data da destinarsi e, ora, è arrivata la conferma per maggio. Sul sito internet viene specificato che “questo evento è puramente informativo e non saranno effettuate consultazioni mediche”. Dietro la quinte ci sono gli stessi promotori del Salone della fecondazione assistita di Parigi, e di analoghe iniziative organizzate a Berlino, Colonia, Monaco e in Olanda. Il salone fieristico milanese sul “desiderio di un figlio“ era stato accolto, a settembre, con un pressing da parte di associazioni, mondo cattolico e partiti politici sul sindaco Giuseppe Sala per bloccare l’evento, “Un sogno chiamato bebè“.

Un fuoco di fila che aveva costretto il Comune a precisare che non è arrivata “nessuna richiesta” di spazi pubblici e “l’amministrazione non ha quindi concesso alcuna autorizzazione, patrocinio o altre forme di sostegno all’iniziativa”. Anche Fiera Milano Spa aveva specificato che l’iniziativa “non avrà luogo presso i quartieri fieristici e congressuali del Gruppo”. Gli organizzatori, pochi giorni dopo la bufera politica, avevano anche eliminato dal sito le date di novembre. Poi le acque si sono calmate, ed è sceso il silenzio. L’evento infine si farà e, come è stato comunicato anche sui social e sul sito internet, dove viene evitato qualsiasi riferimento a pratiche vietate in Italia, dovrebbe tenersi dal 21 al 22 maggio.

Nel frattempo è stato pubblicato anche un blog, che traduce e pubblica articoli di In Vitro Fertilisation Barcelona, una delle maggiori cliniche spagnole che offrono trattamenti di fecondazione assistita. Articoli su come “aumentare le possibilità di ottenere una gravidanza con una fecondazione in vitro”, informazioni sulla donazione di sperma o sulla riproduzione assistita. L’elenco dei “cinque migliori alimenti che aumenteranno la tua fertilità nel 2022” e “come l’esercizio fisico può influenzare la fertilità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Francesco & Kirill: una nuova geopolitica ecumenica

Storico incontro con la firma di un importante documento condiviso: Europa e mondo, famiglia e matrimonio, vita umana dal concepimento alla morte naturale sono solo alcuni dei temi di un testo decisivo. E poi tra il Patriarca e il Papa c’è stato un fitto colloquio privato, di due ore. Trump e l’America (wasp e liberal) osservavano preoccupati da sopra l’isola caraibica. Forse facevano bene

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano