Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Paletti all’oltre di Gesù

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Solo Cristo porta verso la pienezza anche dell’umano. Tante oscillazioni della cultura sono dovute ai riduzionismi delle visuali terrene.

Si possono dunque riscontrare dei paletti che ostacolano non di rado un’apertura all’oltre di Gesù, Dio e uomo, in non poche guide cristiane. Ne cito alcuni.

Cristo insegna cose spirituali ma la cultura è andata avanti. Non ha parlato di fede e ragione perché non erano piste del suo tempo. Invece Gesù sta sulla via delle impostazioni fondamentali più equilibrate. In realtà è avanti, non solo indietro, rispetto a noi. L’uomo vede ogni cosa in modo sempre nuovo maturando nello Spirito che scende su di lui a misura, come una colomba e non in una vita spirituale che finisce per essere ingabbiata in un’astratta ragione. Il punto dunque è essere aperti ad una vissuta crescita nel discernimento integrale.

Una persona che non ha studiato può intuire in questo sempre nuovo cammino mille cose capaci di sviluppare tutta la vita e la cultura. Un errore ascoltare solo chi ha titoli e ruoli. Si finisce in un vuoto formalismo e si esclude l’autentica e partecipata ricerca del vero, la profezia. Si tratta qui di una conseguenza del citato finire per mettere in varia misura la cultura terrena sopra Gesù, Dio e uomo. Tra l’altro la cultura occidentale è tutta vivisezionata e dominata da regole d’apparato.

Certe cose non competono direttamente alla vita spirituale, bisogna lasciarle alla scienza. Ma, come visto, fuori del cammino di cui sopra la scienza viene vista in modo riduttivo e distorcente. Una guida si può fermare alle soglie della vita concreta, proprio lì dove lo Spirito entra rinnovando ogni sguardo.

Inutile teorizzare, la vita si capisce vivendola. Ma Gesù non ha centrato la sua pastorale sull’ascolto, sul dialogo, alla luce della Parola? Che errore rinchiudersi nelle proprie strutturazioni disinteressandosi della condivisione, dell’imparare sempre nuovamente dal vangelo e dagli altri.

Ormai sappiamo ciò che Gesù ha detto. Bisogna viverlo. Ma Cristo non ha affermato che lo Spirito ci condurrà alla verità tutta intera ricordandoci la sua vita terrena in mezzo agli altri? Egli è una miniera sempre da scoprire. Lasciandosi portare oltre il nostro Gesù per discernere sempre più quello vero.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano