Chiesa

di Giuseppe Udinov

CEI - Bassetti: conosciamo bene il flagello della guerra

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono giornate attraversate dalle preoccupazioni per quanto sta accadendo in Ucraina. Dal Palazzo Vecchio della città, scrigno di storia e bellezza, il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nella sua introduzione all’Assemblea congiunta di Vescovi delegati e Sindaci delle città del Mediterraneo, è tornato ancora una volta a citare l’ex sindaco di Firenze Giorgio La Pira: “Il Mediterraneo torni ad essere quello che fu”.

Le armi non hanno mai risolto i problemi. Questo il cuore del messaggio di Bassetti che ha precisato quanto il momento “è davvero drammatico. Non possiamo non guardare al conflitto in corso ed esprimere tutta la preoccupazione e lo sgomento per quanto sta avvenendo”. “Conosciamo bene questo flagello – ha aggiunto - per questo abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere la pace. Ogni conflitto è una ‘inutile strage’, come affermò Benedetto XV nel pieno della Prima Guerra Mondiale. Il presente non può che essere racchiuso in una parola che diventa invocazione: pace!”, ha ancora scandito il porporato. Il capo dei vescovi italiani si è fatto portavoce in sostanza dell’avvio di un processo “non semplicemente ideale, di fratellanza e di conoscenza delle diversità che sono una grande ricchezza. La bellezza del mosaico di tradizioni e culture, violata dai drammi che vivono molti nostri popoli – ha concluso - è imperativo perché il Mare Nostrum torni ad essere crocevia di storie e tradizioni e non più doloroso cimitero”. Si intende portarlo ai leader internazionali, a capi di Stato e di governo per ribadire al mondo - come è scritto - che ‘siamo per la pace’. Bassetti stamattina ha raccontato ai giornalisti di essere stato profondato turbato dalle immagini dall’Ucraina di un carro armato enorme che inghiottiva una macchina piccolina. “Ha vinto quella persona che invocava la pace, non ha vinto il carro armato”, ha detto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/02/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Chiesa

Francesco secondo Valli, vaticanista inquieto

A sorpresa, Aldo Maria Valli ha dato alle stampe un libro su Papa Bergoglio che ha spiazzato tutti: il numero uno di Rai Vaticano, storico martiniano e già entusiasta sostenitore del papato argentino, cambia idea. I media ostili al Pontefice enfatizzano “266.” come un trofeo. Ciò che sembra di evincere dalla dolorosa confessione raccolta nel libro è che il pontificato si avvia a un declino che potrebbe forse sfociare in una dura restaurazione. Ne parliamo con lui

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Limiti e criterî di discernimento dell’“aggiornamento”

Leggi tutto

Media

Nuovo libro di monsignor Lucio Bonora, giudice del Tribunale ecclesiastico

I gioielli custoditi nella chiesa parrocchiale di Caerano di San Marco sono i protagonisti dell’ultimo libro di monsignor Lucio Bonora. “Caerano di San Marco. Piccola guida alla chiesa parrocchiale” è il titolo dell’opera che sarà illustrata alla presenza dell’autore ieri pomeriggio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano