Chiesa

di Nathan Algren

Ucraina - Orionini e Salesiani, impegnati nell’accoglienza dei profughi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le Suore di Don Orione sono a Korotycz, nelle vicinanze di Charkiv, insieme a più di 40 mamme e bambini. Purtroppo, non sono riuscite a spostarsi e vivono con loro questo momento di grande tensione, delle volte anche in ambienti allestiti come rifugio. Hanno manifestato, però, grande fiducia nella protezione divina e hanno chiesto le nostre preghiere”. È quanto scrivono in un appello congiunto, il direttore generale dei Figli della Divina Provvidenza, padre Tarcisio Vieira, e la superiora generale delle Piccole Suore Missionarie della Carità, madre Mabel Spagnuolo, sulla situazione in Ucraina dove sono presenti sia le religiose che i religiosi della Famiglia Carismatica orionina,

“Oltre al piccolo gruppo di ragazzi disabili – sottolineano - che risiede all’interno della nostra struttura, i nostri confratelli di L’viv, già da tempo, svolgono un lavoro di sostegno per molte famiglie povere della zona. Ora, pur nella difficoltà del momento, stanno accogliendo i rifugiati che arrivano dalle altre città dell’Ucraina”. “Per andare incontro alle loro necessità, nelle attuali circostanze- aggiungono - l’aiuto più immediato e diretto è partecipare alla campagna di raccolta fondi organizzata dalla Fondazione Don Orione Onlus (www.fondazionedonorione.org) a beneficio delle due realtà orionine in Ucraina”.
Nell’attuale realtà che sta vivendo l’Ucraina, i Salesiani presenti nel Paese fanno tutto il possibile per i giovani e per la popolazione bisognosa. “Purtroppo, la situazione continua ad essere tragica. Prepariamoci a tempi ancora più duri – comunica ad ANS don Mykhayl Chaban, Superiore della Visitatoria “Maria Ausiliatrice” dell’Ucraina di rito greco cattolico (UKR) -. Non sappiamo quanto a lungo continuerà questa guerra, e allora dobbiamo essere pronti per un periodo anche lungo”.
“Ci sono tante vittime tra i soldati, ma anche tra la gente civile – prosegue -. Il mondo intero attende decisioni immediate per fermare l’aggressore. In tutta l’Ucraina c’è pericolo di bombardamenti. Oggi soffre molto la nostra capitale, Kiev, e anche le zone che confinano con la Russia. La gente sta scappando dalle proprie case”.
I Salesiani sono presenti nelle grandi città del Paese: Kiev, Leopoli, Zhytomyr, Dnipro, Odessa, così come a Korostyshiv, Peremyshlany e Bibrka, e restano vicini alla popolazione cercando di dare speranza. Attualmente i Salesiani stanno già accogliendo un centinaio di minori nei loro rifugi, dando la priorità ai bambini degli orfanatrofi, e si prevede possano ospitarne altre centinaia a Leopoli con l’arrivo dei primi profughi dall’est del Paese. “Vi chiedo anzitutto di pregare per l’Ucraina e anche di essere accoglienti se arriveranno profughi nel vostro Paese. Vi ringrazio per ogni vostro aiuto e sostegno” conclude don Chaban.
Don Marcin Kaznowski, Superiore dell’Ispettoria “San Giacinto” di Polonia-Cracovia (PLS), che conta delle opere in Ucraina, ha comunicato: “Lo scoppio della guerra in Ucraina è un grande dramma che ha colpito la società locale e tutta l’Europa. I nostri confratelli Salesiani sono tra coloro la cui vita è a rischio. I confratelli sono consapevoli dei pericoli che ci possono essere, ma sono sereni e fiduciosi nella Provvidenza di Dio. Tutti mi hanno informato di essere pronti a rimanere lì per accompagnare i loro fedeli e i giovani a loro affidati in questo momento difficile”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/03/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

StorieChiesa

India-Orissa, famiglie cacciate dal villaggio perché cristiane

L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar mons. John Barwa: “Un trattamento discriminatorio, crudele, inumano e degradante”. “Dopo tutti gli sforzi che sono stati fatti qui per riportare la pace è doloroso e vergognoso che niente riesca a fermare l’aggressione e la minaccia contro i cristiani.

Leggi tutto

Società

Germania: cristianesimo in numeri

Attualmente, secondo gli esiti della ricerca, il 28% della popolazione dichiara di aderire alla Chiesa evangelica e il 27% a quella cattolica. Nel 1995 i dati davano il 37% per la prima e il 36% per la seconda. L’allontanamento personale del cristianesimo si è velocizzato negli ultimi anni, con la probabilità che nel giro di breve tempo l’appartenenza alle due grandi Chiese cristiane del paese non coprirà più la maggioranza della popolazione.

Leggi tutto

Società

Ucraina - I frati francescani: “La grazia di Dio ha salvato la città”

“Attualmente la città di Konotop è sotto assedio e a tutti gli ingressi ci sono posti di blocco russi che vietano ai civili di lasciare la città e non consentono la consegna di cibo e medicine. Pertanto, a causa di queste privazioni, c’è una grande carenza di carburante, medicinali e generi alimentari

Leggi tutto

Storie

Vicini all’Ucraina, lontani dal prossimo

Sotto gli occhi di tutti Mariek era morto da 48 ore. Ma ci s’imbarca verso Kiev per i profughi.

Leggi tutto

Storie

Ucraina - La metà dei 7,1 milioni di sfollati sono bambini

“Sono oltre 7,1 milioni le persone sfollate a causa della guerra in Ucraina. La metà sono bambine e bambini”:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano