Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace. Salutando i polacchi Francesco ricorda che, per prima, questa nazione ha sostenuto l’Ucraina, aprendo confini a chi viene dalla guerra.

È la preghiera il solco fertile in cui seminare lo spirito di pace anche tra gli orrori della guerra. Le parole di Papa Francesco, dopo la catechesi, sono rivolte al popolo dell’Ucraina che soffre, fugge e muore tra strade polverizzate dalle bombe e dalla paura.

In questo 2 marzo, Mercoledì delle Ceneri, la giornata di preghiera e digiuno per la pace si intreccia con quelle strade e con quei cuori che implorano la fine della guerra. Si intreccia anche con quanti aiutano e assistono i profughi. Ai polacchi, in particolare, il Pontefice rivolge queste parole:

Saluto cordialmente tutti i Polacchi. Voi, per primi, avete sostenuto l’Ucraina, aprendo i vostri confini, i vostri cuori e le porte delle vostre case agli ucraini che scappano dalla guerra.
State offrendo generosamente a loro tutto il necessario perché possano vivere dignitosamente, nonostante la drammaticità del momento. Vi sono profondamente grato e vi benedico di cuore.

Il Papa ricorda anche che i suoi saluti in polacco sono stati letti da un frate francescano ucraino. I suoi genitori in questo momento, afferma Francesco, sono in rifugi sotterranei per difendersi dalle bombe in una località vicino a Kiev. Questo frate, aggiunge, è qui con noi. “Accompagnando lui accompagniamo tutto il popolo che sta soffrendo dei bombardamenti, i suoi genitori anziani e tanti anziani che sono nel sotto terra per difendersi. Portiamo nel cuore il ricordo di questo popolo”.
La Quaresima e la pace sono il binomio che accompagna le parole del Papa nei saluti dopo la catechesi. “La nostra preghiera e il digiuno saranno una supplica per la pace in Ucraina - afferma il Papa salutando i fedeli di lingua francese - ricordando che la pace nel mondo inizia sempre con la nostra conversione personale, alla sequela di Cristo”. “A tutti auguro che il cammino quaresimale, che oggi iniziamo con la preghiera e il digiuno per la pace in Ucraina - aggiunge Francesco salutando i pellegrini di lingua inglese - ci porti alla gioia della Pasqua con il cuore purificato e rinnovato dalla grazia dello Spirito Santo”. “Iniziamo questa Quaresima in spirito di penitenza e di preghiera - aggiunge il Papa salutando i fedeli di lingua tedesca - per implorare la misericordia di Dio su di noi e la pace per il mondo intero”. Salutando i fedeli portoghesi, il Santo Padre esorta a chiedere intensamente al Signore “il dono della pace”.
Più di 450 mila persone – riferiscono fonti governative polacche - sono finora sono entrate in Polonia dall’Ucraina. Altri Paesi particolarmente impegnati nell’assistenza agli ucraini, in questi giorni drammatici, sono Romania, Moldova, Slovacchia e Ungheria. Le Caritas di questi Paesi sono in prima fila nell’organizzazione dell’accoglienza. I flussi sono composti soprattutto da donne, bambini e anziani. In Polonia le Caritas diocesane hanno messo a disposizione 2.500 posti letto e attivato volontari per sostenere le famiglie accolte nei centri predisposti dalle autorità pubbliche. Le Chiese cattolica e ortodossa in Romania sono accorse in aiuto ai rifugiati sin dal primo giorno della guerra. Al fine di ospitare i profughi, nella Repubblica di Moldova la Caritas ha aperto 3 centri per 500 posti letto. Anche la Slovacchia ha accolto migliaia di profughi: “Ad arrivare in Slovacchia – ha riferito il ministero dell’Interno slovacco - sono principalmente donne e bambini, poiché gli uomini dai 18 ai 60 anni sono soggetti alla mobilitazione generale, e dunque all’obbligo di restare in Ucraina per combattere”. Il governo ungherese, infine, ha annunciato fin dal primo momento la propria disponibilità ad accogliere tutti i profughi in arrivo dall’Ucraina. Fino a ieri più di 100 mila persone, provenienti dal territorio ucraino, sono arrivate in Ungheria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/03/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi francesi: la tutela dei minori deve essere la priorità

Alla prossima Plenaria della Conferenza episcopale francese, in programma dal 3 all’8 novembre, i vescovi lavoreranno insieme, sulla base del Rapporto Ciase, “sulle misure e le riforme da perseguire e intraprendere” riguardo alla questione degli abusi.

Leggi tutto

Chiesa

Apertura 75ª Assemblea Generale Straordinaria della CEI

Il Papa è arrivato all’Ergife poco prima delle 16 e nel dare inizio alla conversazione privata con i vescovi CEI ha fatto avere loro un biglietto con l’immagine del Buon Pastore e il testo delle “Beatitudini del Vescovo”, fa sapere la Sala Stampa della Santa Sede.

Leggi tutto

Politica

Papa accetta la rinuncia dell’arcivescovo di Parigi

Monsignor Aupetit aveva rimesso il proprio mandato nelle mani di Francesco dopo le vicende che lo avevano coinvolto nei giorni scorsi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano