Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace. Salutando i polacchi Francesco ricorda che, per prima, questa nazione ha sostenuto l’Ucraina, aprendo confini a chi viene dalla guerra.

È la preghiera il solco fertile in cui seminare lo spirito di pace anche tra gli orrori della guerra. Le parole di Papa Francesco, dopo la catechesi, sono rivolte al popolo dell’Ucraina che soffre, fugge e muore tra strade polverizzate dalle bombe e dalla paura.

In questo 2 marzo, Mercoledì delle Ceneri, la giornata di preghiera e digiuno per la pace si intreccia con quelle strade e con quei cuori che implorano la fine della guerra. Si intreccia anche con quanti aiutano e assistono i profughi. Ai polacchi, in particolare, il Pontefice rivolge queste parole:

Saluto cordialmente tutti i Polacchi. Voi, per primi, avete sostenuto l’Ucraina, aprendo i vostri confini, i vostri cuori e le porte delle vostre case agli ucraini che scappano dalla guerra.
State offrendo generosamente a loro tutto il necessario perché possano vivere dignitosamente, nonostante la drammaticità del momento. Vi sono profondamente grato e vi benedico di cuore.

Il Papa ricorda anche che i suoi saluti in polacco sono stati letti da un frate francescano ucraino. I suoi genitori in questo momento, afferma Francesco, sono in rifugi sotterranei per difendersi dalle bombe in una località vicino a Kiev. Questo frate, aggiunge, è qui con noi. “Accompagnando lui accompagniamo tutto il popolo che sta soffrendo dei bombardamenti, i suoi genitori anziani e tanti anziani che sono nel sotto terra per difendersi. Portiamo nel cuore il ricordo di questo popolo”.
La Quaresima e la pace sono il binomio che accompagna le parole del Papa nei saluti dopo la catechesi. “La nostra preghiera e il digiuno saranno una supplica per la pace in Ucraina - afferma il Papa salutando i fedeli di lingua francese - ricordando che la pace nel mondo inizia sempre con la nostra conversione personale, alla sequela di Cristo”. “A tutti auguro che il cammino quaresimale, che oggi iniziamo con la preghiera e il digiuno per la pace in Ucraina - aggiunge Francesco salutando i pellegrini di lingua inglese - ci porti alla gioia della Pasqua con il cuore purificato e rinnovato dalla grazia dello Spirito Santo”. “Iniziamo questa Quaresima in spirito di penitenza e di preghiera - aggiunge il Papa salutando i fedeli di lingua tedesca - per implorare la misericordia di Dio su di noi e la pace per il mondo intero”. Salutando i fedeli portoghesi, il Santo Padre esorta a chiedere intensamente al Signore “il dono della pace”.
Più di 450 mila persone – riferiscono fonti governative polacche - sono finora sono entrate in Polonia dall’Ucraina. Altri Paesi particolarmente impegnati nell’assistenza agli ucraini, in questi giorni drammatici, sono Romania, Moldova, Slovacchia e Ungheria. Le Caritas di questi Paesi sono in prima fila nell’organizzazione dell’accoglienza. I flussi sono composti soprattutto da donne, bambini e anziani. In Polonia le Caritas diocesane hanno messo a disposizione 2.500 posti letto e attivato volontari per sostenere le famiglie accolte nei centri predisposti dalle autorità pubbliche. Le Chiese cattolica e ortodossa in Romania sono accorse in aiuto ai rifugiati sin dal primo giorno della guerra. Al fine di ospitare i profughi, nella Repubblica di Moldova la Caritas ha aperto 3 centri per 500 posti letto. Anche la Slovacchia ha accolto migliaia di profughi: “Ad arrivare in Slovacchia – ha riferito il ministero dell’Interno slovacco - sono principalmente donne e bambini, poiché gli uomini dai 18 ai 60 anni sono soggetti alla mobilitazione generale, e dunque all’obbligo di restare in Ucraina per combattere”. Il governo ungherese, infine, ha annunciato fin dal primo momento la propria disponibilità ad accogliere tutti i profughi in arrivo dall’Ucraina. Fino a ieri più di 100 mila persone, provenienti dal territorio ucraino, sono arrivate in Ungheria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Società

Greenwahing e Greta Thunberg

Il greenwashing è solo una moda, che per qualche oligarchia nasconde interessi finanziari, e certamente è impensabile che una leadership come quella di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, possa reggersi in piedi da sola. Tuttavia l’attacco alla sua persona è due volte miope: perché colpisce una ragazzina e perché sembra non vedere le verità indicate dalla sua voce.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Storie

Arrestato per pedopornografia il direttore della Caritas di Benevento

Bimbi violentati. Migliaia di file dai contenuti definiti «raccapriccianti» dagli inquirenti, sono stati sequestrati dalla polizia postale nell’ambito dell’operazione “meet up” diretta dalla procura di Torino

Leggi tutto

Storie

Utero in affitto in offerta speciale Black Friday

Maternità surrogata scontata in occasione del Black Friday. L’iniziativa parte dall’Ucraina.

Leggi tutto

Politica

Guatemala, un presidente cattolico che protegge la vita

Il presidente del Guatemala ha dichiarato il suo Paese diventerà la capitale pro-vita dell’America Latina sin dall’inizio del prossimo anno 2022, mentre Biden nomina abortisti in ruoli nevralgici della sua Amministrazione e nell’Unicef. E proprio per questo sta isolando il Guatemala, diffamandolo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano