Politica

di la redazione

PDF Sardegna-Barbara Figus: “Paese di ‘pacifinti’ “.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Presidente del Popolo della Famiglia, Mario Adinolfi, è molto chiaro sull’argomento. Le azioni del Governo Draghi in riferimento alla guerra in Ucraina, si stanno caratterizzando per un elevato tasso di incostituzionalità: “Prima con il Consiglio dei ministri e poi con il discorso in Senato di Mario Draghi, poi con la risoluzione votata dall’Europarlamento, Italia ed Unione Europea hanno sostanzialmente dichiarato guerra alla Russia schierandosi con sanzioni, uomini e mezzi. Questa scelta bellicista è folle e incostituzionale”.

Una conclusione condivisibile alla luce dell’articolo 11 della Carta Costituzionale del nostro Paese, per il quale “l’Italia ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali’. In altre parole, un chiaro passaggio fondamentale che fissa le regole e i principi posti a fondamento dell’intero ordinamento giuridico italiano, che nessuno può violare, nemmeno “l’infallibile” Governo Draghi. Ma, allargando il campo di analisi anche al Parlamento – specialmente ai ‘pacifisti’ partiti di sinistra -, l’assenza di un minimo contraddittorio sul tema dell’invio di materiale bellico in Ucraina (agito di concerto con l’Unione Europea), dovrebbe far riflettere circa l’aderenza dell’azione di Governo al dettato costituzionale e, ancora, sull’integrità della sovranità nazionale italiana.
“Ancora una volta – prosegue Adinolfi – la Costituzione viene lesa causando un innalzamento del livello di violenza e rendendo sempre meno praticabile la via della pace. Proteggiamo i civili ucraini dai folli che li stanno mandando a fronteggiare i tank russi armandoli con molotov e fucili. Basta massacri!”.

“Da italiana e sostenitrice della Pace – ha aggiunto Barbara Figus, coordinatrice della sezione sarda del Popolo della Famiglia – non mi ritrovo assolutamente nelle scelte del Governo Italiano. Ci si riempie la bocca di pacifismo, ma nella realtà si fa tutto il contrario. Con queste scellerate decisioni governative, anche il nostro è, oramai, da considerare un Paese di ‘pacifinti’”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/03/2022
2903/2023
San Secondo martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

SUD SUDAN -  Nasce una radio per diffondere la pace e proclamare il Vangelo

“Vogliamo creare un centro di produzione che tenga vive le tradizioni del teatro e della musica del Sudan del Sud. Dato che siamo già ben collegati con molte tribù, possiamo benissimo preservare e valorizzare l’eredità culturale del Paese” ha dichiarato p. Tamil Selva, salesiano della comunità di Tonj

Leggi tutto

Storie

Caro energia: consiglio Bolzano chiede ora legale permanente

Il consiglio provinciale di Bolzano ha approvato con 19 sì, 4 no e 9 astensioni un voto dell’opposizione (Pd e M5s) con il quale si chiede a impegnare il parlamento e il governo ad introdurre a partire dal 2023 l’ora legale per tutto l’anno

Leggi tutto

Società

Amnesty; non esiste solo la crisi Ucraina

Presentato il rapporto sui diritti umani 2022-23. Dal ritorno della guerra in Europa alle proteste di piazza represse nel sangue in 30 Paesi, l’ong sottolinea l’inadeguatezza della comunità internazionale

Leggi tutto

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Politica

ALTRIMENTI CI INCENERISCA

La linea politica dell’autonomia del Popolo della Famiglia, ribadita all’assemblea nazionale del 28 gennaio al teatro Eliseo, sta facendo crescere davvero un “bambino” libero che sta imparando a camminare con le proprie gambe. Non era facile, non era scontato, la tentazione del vendersi al migliore offerente in politica è sempre dietro l’angolo, ma tra noi (con l’eccezione di alcuni sporadici casi) quella tentazione non ha attecchito. Siamo legati alla nostra idea di autonomia perché sappiamo che solo questa autonomia ci consentirà di difendere davvero la vita, la famiglia naturale, i soggetti più deboli, i principi non negoziabili ribaltando le priorità di una politica che nel centrodestra come nel centrosinistra sembra aver dimenticato la cura del bene comune, puntando su uno sciocco principio di autodeterminazione che è solo libertà fuori dalla verità, dunque libertà zoppa e malsana.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano