Politica

di Roberto Signori

USA - Ecatombe di aborti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Impossibile dimenticare che lo scorso mese di dicembre, con una decisione dell’Amministrazione Biden, la vendita delle pillole abortive era stata completamente liberalizzata e da poco più di due mesi le ragazze americane possono riceverle direttamente a casa loro per posta o corriere espresso, senza alcuna particolare prescrizione medica, né consulto. I pericoli della scelta di Biden erano stati denunciati da tutti i movimenti pro life del Paese e, da qualche giorno, possiamo dire che quelle denunce erano ben fondate. Infatti, come riportato dal The Guardian e dal NY Times, più della metà degli aborti statunitensi sono stati compiuti con le pillole al posto della chirurgia.

Una tendenza, dunque, al rialzo, che ha avuto un picco durante la pandemia con l’aumento della telemedicina. Nel 2020 le pillole hanno rappresentato il 54% di tutti gli aborti statunitensi, dal 44% circa del 2019, ma i dati del 2021 e di quest’anno vedranno una crescita ancor più marcata. I numeri di questo dramma sono stati presentanti dall’abortista Guttmacher Institute: l’uso delle pillole abortive è in aumento dal 2000, quando la Food and Drug Administration ha approvato il mifepristone, ovvero il principale farmaco usato negli aborti farmacologici.

Il nuovo aumento “non è sorprendente, specialmente durante Covid”, perché la pandemia ha provocato un aumento della telemedicina e un’azione della FDA che ha permesso di spedire le pillole per l’aborto in modo che le pazienti potessero far a meno delle visite mediche di persona per ottenerle.

Possiamo quindi solo immaginare cosa accadrà con la nuova decisione di completa liberalizzazione adottata da Biden nei mesi scorsi. Una ecatombe. Peccato che l’esultanza degli abortisti non consideri il numero di bambini uccisi, né le sofferenze, i ricoveri e i problemi di salute (talvolta anche la morte) che hanno interessato le donne che hanno fatto uso di questi medicinali.

I dati su questi ‘incidenti’ per decisione dell’amministrazione Obama, non sono raccolti dall’Agenzia del farmaco (FDA) e dunque, cancellando i rischi per le donne, si eliminano le contro indicazioni per la pillola.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/03/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Chiesa

Parlando con Papa Francesco di ritorno dalla Colombia

L’ l’incontro con il (primo) ministro Gentiloni è stato un incontro personale e non su questo argomento. È stato prima di questo problema, che è venuto fuori alcune settimane dopo. … Secondo: io sento
il dovere di gratitudine per l’Italia e la Grecia, perché hanno aperto il cuore sui migranti. Ma non basta aprire il cuore. Il problema dei migranti è: primo, un cuore aperto, sempre, anche per un comandamento di Dio, ricevere, perché “tu sei stato schiavo”, migrante, in Egitto. Ma un governo deve gestire questo problema con la virtù propria del governante, cioè la prudenza. Cosa significa?
Primo: quanti posti ho. Secondo: non solo ricevere, (ma) integrare. Ho visto esempi qui in Italia di integrazione bellissima. Sono andato all’Università Roma Tre, mi hanno fatto domande quattro studenti. Una, era l’ultima, la guardavo: ma questa faccia la conosco. Era una che meno di un anno prima è venuta da Lesbo con me in aereo, ha imparato la lingua, studiava biologia nella sua patria, ha fatto l’equiparazione (equipollenza), e ora continua. Questo si chiama integrare. In un altro volo, tornavamo dalla Svezia, ho parlato della politica di integrazione di quel Paese come un modello. Ma anche la Svezia ha detto con
prudenza: il numero è questo, più non posso, perché c’è pericolo di un eccesso.
Terzo: c’è un problema umanitario. Quello che lei diceva. L’umanità prende coscienza di questi lager, delle condizioni nel deserto? Ho visto delle fotografie, gli sfruttatori. Credo, ho l’impressione, che il governo italiano sta facendo di tutto per lavori umanitari di risolvere anche problemi che non può assumere. Ma: il cuore sempre aperto, prudenza e integrazione, e vicinanza umanitaria. E c’è un’ultima cosa che voglio dire e che vale soprattutto per l’Africa. C’è nell’inconscio collettivo nostro un motto, un principio: l’Africa va sfruttata. Oggi a Cartagena abbiamo visto un esempio di sfruttamento, umano in quel caso. Un capo di governo su questo ha detto una bella verità: quelli che fuggono dalla guerra è un altro problema; ma tanti che fuggono dalla fame, facciamo investimenti lì perché crescano. Ma nell’inconscio collettivo c’è che
ogni volta che tanti Paesi sviluppati vanno in Africa, è per sfruttare.Dobbiamo capovolgere questo. L’Africa è amica e va aiutata a crescere”.

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

Chiesa

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

L’interruzione di gravidanza non è un diritto ma un crimine. Così la presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana che invita la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale a rivedere il disegno di legge che consente l’aborto in caso di stupro, o a minori o donne con disabilità, perché si tuteli la vita e venga garantita l’obiezione di coscienza dei medici

Leggi tutto

Società

Guatemala: annullata la nuova legge che proibiva l’aborto

Fra le proteste dell’opposizione il nuovo provvedimento è stato sottoposto al voto ed approvato con 119 voti favorevoli.

Leggi tutto

Politica

USA - Midterm. Rieletto in Florida il governatore pro-life Ron DeSantis

Il repubblicano Ron DeSantis ha ampiamente vinto le elezioni con il 60% dei voti e rimarrà quindi governatore della Florida.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano