Chiesa

di Nathan Algren

Il Cardinale Bo e i Vescovi dell’Asia: No alla guerra nucleare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scongiurare in ogni modo il rischio di una guerra nucleare, promuovere il dialogo e portare una guarigione globale al mondo: è l’auspicio espresso in un appello lanciato dal Cardinale Charles Maung Bo, Vescovo di Yangon e Presidente della Federazione delle Conferenze Episcopali Asiatiche (FABC). “Il mondo si trova a un bivio esistenziale” afferma il Cardinale Bo in una dichiarazione diffusa a nome della FABC, intitolata “Resist the Risk of a Nuclear Winter, Rally for the Global Peaceful Spring”.

l Porporato si dice preoccupato per la spaventosa possibilità dello “scenario da incubo di un olocausto nucleare globale”: “Gli attacchi all’Ucraina e l’imminente minaccia dell’uso delle armi di distruzione di massa hanno portato il mondo sulla soglia dell’autoannientamento. Le scene strazianti degli attacchi in Ucraina hanno scioccato il mondo”, osserva.

Il Cardinale si unisce a Papa Francesco nell’appellarsi ai governanti della Russia e a tutti gli altri leader globali “che credono nel potere della violenza per risolvere i problemi del mondo”, affinché scelgano “mezzi pacifici e il dialogo” all’interno del consesso delle Nazioni Unite.
“Siamo rincuorati dalla risposta unita della comunità internazionale all’Onu, dove più di 140 Paesi hanno votato contro questa guerra di logoramento che minaccia di distruggere la sicurezza umana, il rispetto delle istituzioni globali”, recita il messaggio del Presidente della FABC.

“Esattamente un secolo fa - ricorda il testo - quando una spirale di pandemia strangolò il mondo, uomini megalomani scatenarono i demoni di due sadiche guerre mondiali. Più di 135 milioni di persone sono state uccise dalle guerre nel 20° secolo. Il ricordo dell’olocausto resta una ferita purulenta nella coscienza umana”. “L’umanità è il principale attore in questi giochi di guerra geostrategici. La storia è una maestra crudele”, prosegue la nota, rimarcando che “in quelle guerre non c’erano vincitori. La storia ha mummificato quegli uomini malvagi in tombe anonime come fossili della crudeltà umana”.

Da qui il messaggio accorato all’umanità: “Non lasciamo che la storia si ripeta nel 21° secolo. Il mondo ha sofferto molto, incontrando la crisi multidimensionale di una pandemia che ha ucciso milioni di persone infliggendo un duro colpo all’economia, impoverendo milioni di persone. Questo è il momento della guarigione globale, non del dolore”.

Il Cardinale si rivolge alla leadership russa: “Ci appelliamo direttamente al presidente Putin. La Russia è uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, incaricato di promuovere la pace nel mondo e garantire i diritti di ogni nazione. Facciamo appello alla Russia affinché cessino gli attacchi all’Ucraina e si torni alle Nazioni Unite per una risoluzione pacifica di tutte le questioni”. In conclusione il Cardinale Bo riconosce: “La pace è sempre possibile; la pace è l’unica via per il futuro dell’umanità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/03/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Coe:appello per la pace in Etiopia e in Terra Santa

l Comitato Esecutivo del Consiglio Ecumenico delle Chiese - Coe, esprimono solidarietà per il popolo etiope, che sta affrontando una grave crisi, unendosi alle preghiere delle Chiese locali ed evidenziano gli ostacoli che in Terra Santa impediscono una pacifica convivenza fra israeliani e palestinesi.

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina, CEI: “Condanna per la celta di ricorrere alle armi”

CEI:  “nel condannare fermamente la scellerata decisione di ricorrere alle armi, esprimiamo vicinanza al popolo ucraino e alle comunità cristiane del Paese”

Leggi tutto

Società

Prezzo del grano, nuovo record

Il valore del 30% delle esportazioni di grano è dovuto a un fattore determinante, ovvero che Russia e Ucraina siano rispettivamente il terzo e il nono produttori mondiali.

Leggi tutto

Storie

Piacenza - Le suore Scalabriniane lasciano la casa ai profughi dell’Ucraina

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: stop alle guerre

Dopo la preghiera del Regina Coeli, all’indomani di Pasqua, il Papa rinnova l’appello a convertire i cuori ai disegni di giustizia e di pace di Dio: “Sottolineare questa parola sempre: riconciliazione, perché quello che Gesù ha fatto sul calvario e con la Sua resurrezione è riconciliare tutti noi con il Padre, con Dio e fra noi”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco riceve i membri della Roaco

Con lo sguardo fisso sull’icona del buon Samaritano, non si dimentichino i drammi dei conflitti in Tigray e nell’”amata e martoriata Ucraina”. Questa la forte raccomandazione di Francesco ai partecipanti all’Assemblea plenaria della Roaco, la Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali , alla presenza dei cardinali Leonardo Sandri, presidente della Roaco, e Mario Zenari, Nunzio Apostolico in Siria, ricevuti in Vaticano a conclusione dei lavori della sessione plenaria, ai quali Francesco ha espresso la speranza che il negoziato prenda il posto della violenza:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano