Storie

di Roberto Signori

Honduras - Sacerdote ucciso a colpi d’arma da fuoco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il padre Enrique Vasquez è stato assassinato, è stato ritrovato cadavere a nord di San Pedro. Ancora una volta il sangue dei martiri bagna la nostra terra”: queste le commosse parole di Monsignor Ángel Garachana Pérez, Vescovo di San Pedro Sula, che in un videomessaggio ha annunciato il ritrovamento del sacerdote della sua diocesi.

Secondo le ricostruzionu il corpo del sacerdote è stato trovato la notte di mercoledì 2 marzo, era nella sua automobile, in una zona secondaria di Santa Cruz de Yojoa, dove era andato a trovare i genitori, senza però arrivarci. Non avendo documenti indosso, è stato trasportato all’istituto di medicina legale. Il giorno dopo, la diocesi ha denunciato la sua scomparsa, senza sapere del ritrovamento del cadavere. Il Vescovo si è recato ad identificarlo e ha comunicato che don Enrique era stato colpito da colpi di arma da fuoco in diverse parti del corpo,

“Il dolore mi tocca molto da vicino, perché si tratta di un sacerdote della diocesi di San Pedro Sula, che ho ordinato e accompagnato” ha detto il Vescovo nel videomessaggio, esprimendo le condoglianze, l’affetto e la preghiera ai familiari e alla sua comunità. “Chiedo alle nostre autorità che la sicurezza dei cittadini sia una delle priorità dell’attuale governo” ha ribadito Mons. Ángel Garachana Pérez, che ha anche lanciato un appello alle famiglie, alle scuole, alla Chiesa stessa, per educare i giovani ad una cultura del rispetto della vita e della pace, “perché il sogno di un Honduras migliore diventi realtà”.

Don Enrique Vasquez, conosciuto affettuosamente come “Quique”, era nato nel 1974. Era originario di Agua Azul Sierra de Santa Cruz de Yojoa. Era stato ordinato sacerdote 16 anni fa e attualmente era parroco di San José, nel quartiere di Medina di San Pedro Sula. Viene ricordato dai suoi compagni di seminario e dai suoi fedeli per la sua amabilità e per la sua amicizia. Nella sua diocesi ricopriva anche l’incarico di Direttore diocesano delle Pontificie Opere Missionarie (POM), che si uniscono alla preghiera di suffragio per la sua anima, invocando la consolazione di Dio e la pace per i familiari e per la Chiesa honduregna.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/03/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A voi piace un mondo così?

l’editoriale di presentazione de La Croce Quotidiano da parte del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Storie

In Vaticano migliaia di documenti sul Giappone feudale

Restaurati e digitalizzati con la collaborazione di istituzioni culturali nipponiche migliaia di antichi rotoli che raccontano la persecuzione contro i cristiani tra XVII e il XIX secolo. Li fece arrivare alla Biblioteca Apostolica Vaticana nel 1953 il missionario salesiano Mario Marega

Leggi tutto

Chiesa

Un punto chiave nella Chiesa

Cosa ostacola una più profonda, partecipata e autentica ricerca del vero e le conseguenze di ciò.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Kazakhstan: Incontro con i Vescovi, i Sacerdoti, i Diaconi, i Consacrati, i Seminaristi

Francesco incontra vescovi, sacerdoti, consacrati e seminaristi del Kazakhstan nella cattedrale di Nur-Sultan: “Avete bisogno degli altri, anche di chi professa un credo diverso. Solo insieme si può fare qualcosa di buono”. L’invito a dare maggiore spazio ai laici e il monito contro corruzione e falsità

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano