Storie

di Nathan Algren

LIBANO - Vescovi Maroniti: fermiamo la guerra in Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La guerra in corso in Ucraina, con il suo carico di vittime e di devastazioni, è una “resa alla logica del conflitto e della violenza”, e segna “il fallimento di tutti i tentativi politici e diplomatici di evitare il conflitto”. Lo riconoscono “con dolore” i Vescovi della Chiesa maronita, riunitisi giovedì 4 marzo per il loro incontro mensile, svoltosi presso la sede patriarcale di Bkerké, sotto la presidenza del Patriarca Béchara Boutros Raï.

Davanti ai tragici fatti in corso in Ucraina, l’Assemblea dei Vescovi maroniti ha implorato che l’Onnipotente accolga nella sua misericordia tutte le vittime della guerra, doni la guarigione ai feriti e la consolazione agli afflitti, e ascolti le preghiera che si alzano da ogni parte del mondo per invocare la cessazione di guerre e focolai di conflitti sparsi in diverse regioni della terra, “soprattutto in Medio Oriente”.
All’inizio del tempo di Quaresima, nel loro messaggio i Vescovi maroniti invitano tutti i battezzati a vivere questo tempo con la preghiera, il digiuno e gli atti di carità, e “a sopportare le prove che affrontano in questi tempi difficili, associando il proprio dolore alle sofferenze salvifiche di Cristo, per prepararsi a condividere con Lui la gioia della redenzione e la gloria della risurrezione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

La seconda giornata di Papa Francesco in Slovacchia

Prosegue oggi in Slovacchia il 34.mo Viaggio Apostolico di Papa Francesco. Un programma ricco di incontri quello odierno, in un Paese dove si respira la gioiosa attesa della popolazione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano