{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Politica - Il centro vale il 7 per cento e l’astensione diminuisce

Politica

di la redazione

Politica - Il centro vale il 7 per cento e l’astensione diminuisce

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo i sondaggi tecnè la dicitura ‘altri partiti’ è in costante aumento (valore percentuale 7%).

Ecco come commenta questa notizia Andrea Turco, Coordinatore Regionale Giovani - Lazio

“Sono anni di grande lavorio, ma siamo sicuri che nei prossimi appuntamenti elettorali saranno molte le soddisfazioni e, invitiamo il centro tutto a fare una alleanza unica da portare ai prossimi appuntamenti elettorali; nel rispetto delle varie identità e diversità. Siamo pionieri della nuova alleanza centrista, di matrice democratica cristiana, ora è il momento di metterla in pratica ove possibile.

I sondaggi ci danno al 7%, potremmo dire di aver superato l’UDC di Casini. Personaggio che secondo noi avrebbe dovuto creare - sotto il settennato della Presidenza della Repubblica - le condizioni necessarie per un ritorno alla Politica partecipata, alla democrazia rappresentativa nel Paese Italia.

Il momento in cui questa grande alleanza è da mettere in pratica, traducendo valori ed ideali in politica attiva è giunto.

Invito pertanto i vertici dei diversi partiti che compongono l’area di centro a sviluppare sinergie per i prossimi appuntamenti elettorali e che non siano sinergie in cui ci si sente solo sotto le Festività Natalizie.

Ci impegneremo, affinché il rinnovamento e il ritorno ad un voto ideologico sia possibile, nel rispetto delle diversità dei partiti che compongono l’agglomerato politico che ha, da sempre, dimostrato di essere a favore della Carta Costituzionale, contro le ideologie lgbtq+, contro lobby di potere, per il bene comune del beneamato Paese. Inizieremo proprio dalla Regione Lazio che vede al suo interno la città eterna. Questo per dire basta soprusi, basta denatalità, basta compagni di merende.

Ma cosa ne pensano di tutto questo ai vertici del PDF?

Nicola di Matteo - Vice Presidente Nazionale : ” Turco ha pienamente ragione! Le sue ragioni sono, per tutto il popolo della famiglia, motivo di riflessione e ampia approvazione. Proprio per questo motivo, due settimane fa, abbiamo lanciato i Laboratori sturziani Giovanili; in ricordo degli insegnamenti di Don Luigi Sturzo per educare i giovani alla sana e bella politica. Auguro al coordinamento del Lazio e agli organismi Nazionali Giovanili un buon e proficuo lavoro, nella certezza che il progetto unitario sia sostenuto da tutte le forze di centro, nessuno escluso”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Società

Assicurare per vaccinare in libertà

Lottare contro i luoghi comuni. Continuare a ragionare, farsi domande, cercare risposte. Bisogna fregarsene di essere additati come antivax o che so io e se il governo prende decisioni che secondo noi sono fortemente restrittive della libertà individuale, garantita dalla Costituzione, bisogna avere il coraggio o semplicemente l’onestà di dirlo. Licenziare i docenti che non si sottopongono entro cinque giorni dalla nomina al vaccino, appare una decisione eccessiva e anticostituzionale.

Leggi tutto

Politica

La battaglia di resistenza

Tra 7 giorni Zan tenterà in Senato di far approvare il suo ddl liberticida. Dal 27 ottobre si combatterà dunque in Senato una battaglia di Resistenza e dopo le elezioni in cui il blocco di potere che garantisce i già garantiti è uscito rafforzato, tira una brutta aria. Anche per questo nessuna diserzione potrà essere tollerata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano