{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Wang Yi: Taiwan e Ucraina sono situazioni diverse

Società

di Roberto Signori

Wang Yi: Taiwan e Ucraina sono situazioni diverse

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo Wang Yi, la questione riguardo lo status di Taiwan è fondamentalmente differente da quella dell’Ucraina. Il ministro cinese degli Esteri lo ha detto oggi nel tradizionale incontro con la stampa a margine della riunione annuale dell’Assemblea nazionale del popolo, che si è aperta il 5 marzo.

In linea con l’abituale posizione cinese, Wang ha voluto sottolineare che Taiwan è un “affare domestico” della Cina, mentre lo scontro tra Russia e Ucraina coinvolge due Stati “sovrani”: una dichiarazione che provocherà l’inevitabile risposta piccata di Taipei. Con un chiaro riferimento agli Usa e a suoi alleati, Wang ha criticato però chi difende la sovranità dell’Ucraina, ma danneggia di continuo quella di Pechino su Taiwan.

La Cina considera Taiwan una “provincia ribelle”, e non ha mai escluso di riconquistarla con l’uso della forza. L’isola è di fatto indipendente da Pechino dal 1949; all’epoca i nazionalisti di Chiang Kai-shek vi hanno trovato rifugio dopo aver perso la guerra civile sul continente contro i comunisti, facendola diventare l’erede della Repubblica di Cina fondata nel 1912.

Sull’Ucraina, Wang ha evitato ancora di parlare di “invasione” o “aggressione” russa. L’appoggio cinese alle richieste di sicurezza della Russia, di fronte all’allargamento della Nato in Europa orientale, si lega a un ricorrente timore di Pechino: che gli Usa vogliano creare una Nato asiatica per contenere la sua ascesa. Wang lo ha detto senza mezzi termini nel suo intervento, denunciando il “gioco geopolitico” di Washington con “club esclusivi” come Quad e Five Eyes: il primo è un forum di sicurezza formato da Stati Uniti, Giappone, Australia e India; l’altra è l’alleanza d’intelligence tra Usa, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/03/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

lL proposta di De Carli (PdF): “Un intergruppo comunale Italia-Cine libere”

In tanti, troppi, si riempiono la bocca con i diritti civili. E di quelli violati nelle c.d. “Cine libere” nessuno ne parla. Noi non voltiamo le spalle e proponiamo un intergruppo #PopolodellaFamiglia #taiwan

Leggi tutto

Politica

La crisi Ucraina

Russia, Ucraina, gli Stati Uniti ed il controllo sull’Europa

Leggi tutto

Società

DAGLI SQUALI DA PISCINA AI MEGALODONTI DEGLI OCEANI IL PASSO E’ BREVE

La moderazione è scomparsa da tempo, vige un estremismo preoccupante del muro contro muro, lo stiamo sperimentando in questi tempi difficili. Qualsiasi tipo di guerra o guerriglia va bandita. Il Papa bergamasco Giovanni XXIII diceva giustamente che a lui la guerra non piaceva ne quando è calda, ne quando è fredda. E in questo momento vedo cuori troppo gelidi, astiosi con parole e fatti contro il prossimo, pronto a pugnalarlo alle spalle quando non può difendersi. Chi parla male del fratello è omicida quasi come chi usa un kalashnikov, degli assenti o parli bene o taci, per dirla alla Sant’Agostino

Leggi tutto

Società

India - Bande criminali vendono neonati di famiglie povere

Alcuni casi venuti alla luce da indagini dei funzionari per la protezione dell’infanzia, coinvolto anche un medico.

Leggi tutto

Chiesa

Le intenzioni del papa

La posizione di Francesco sulla guerra russo-ucraina testimonia della sua buona fede, alla quale sempre sono stato propenso a credere. Anche perché il mare di vive intuizioni innovative che trasmette non potrebbe facilmente provenire da un burocrate. Francesco vuole uscire dalle astrazioni, dagli spiritualismi, del razionalismo ma non avendo ricevuto la grazia di intuire un oltre rispetto al razionalismo stesso esso resta la sua cultura di riferimento, sia pur guardata con sospetto. Così finisce nel pragmatismo del “famo a capisse” e non in una rinnovata ricerca del discernere divino e umano del Gesù dei vangeli, del suo cuore nella luce che scende a misura, come una colomba.

Leggi tutto

Storie

Myanmar - Prigionieri politici in sciopero della fame

Sono oltre 70 i carcerati nel braccio della morte che temono altre impiccagioni. Un’esplosione e una sparatoria al confine con la Cina hanno causato 2 morti e almeno 9 feriti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano