Chiesa

di Roberto Signori

Libano - Giovani e cammino sinodale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le Chiese del Medio Oriente sono chiamate a riscoprire e a riattivare a tutti i livelli la loro vocazione sinodale, se vogliono custodire la trasmissione della fede e delle proprie tradizioni apostoliche alle giovani generazioni in mezzo ai tumulti e alle crisi che agitano le società mediorientali. E’ questo il messaggio emerso dall’incontro di giovani cristiani libanesi riunitisi da venerdì 4 a domenica 6 marzo, per riflettere insieme su come il cammino sinodale avviato nella Chiesa cattolica può rappresentare una circostanza propizia per valorizzare il contributo dei giovani alla vita ecclesiale e civile nei Paesi del Medio Oriente. L’incontro, patrocinato dalla fondazione Pro Oriente e da teologi e teologhe dell’equipe ecumenica Nakhtar al Hayat (“Scegliamo la vita”), rappresenta solo la prima tappa di un percorso destinato a proseguire con analoghi raduni in programma tra aprile e giugno in Giordania, Palestina e Egitto. All’incontro di Rabieh hanno preso parte 25 giovani appartenenti a diverse Chiese e comunità ecclesiali e provenienti da diverse aree del Paese. Alle diverse sessioni di lavoro hanno preso parte, tra gli altri, anche suor Emilie Tannous, Viola Raheb (responsabile locale di Pro Oriente), il teologo libanese greco-melchita Gabriel Hachem, membro della Commissione Teologica Internazionale, e il sacerdote maronita Rouphael Zgheib, Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Libano.

Durante le giornate di studio e riflessione condivisa – riferisce una sintesi dei lavori, pervenuta all’Agenzia Fides – è emerso con chiarezza che la cosiddetta sinodalità non rappresenta un modello astratto di funzionamento degli apparati ecclesiali, elaborato scimmiottando i sistemi in vigore presso organismi politici. Il Sinodo – come suggerisce la radice greca della parola – è un “camminare insieme”, ma nella sua accezione ecclesiale il cammino è reale solo se è lo Spirito Santo a “camminare insieme” alla Chiesa. I partecipanti all’incontro hanno tratto dalla Sacra Scrittura le immagini più appropriate per suggerire quale sia il “camminare” sinodale proprio della Chiesa. Immagini come quelle proposte nell’Antico Testamento, con il racconto di Dio che accompagna il cammino del popolo eletto verso la Terra Promessa. Oppure le immagini evangeliche di Gesù che cammina per le strade di Palestina, insieme ai suoi discepoli e alle moltitudini che si accalcano intorno a lui per mendicare segni di salvezza; o, ancora, i riferimenti allo Spirito Santo che dopo la Resurrezione di Cristo opera prodigi “camminando” insieme ai discepoli che iniziano a confessare e testimoniare davanti al mondo la l’annuncio del Vangelo, e conducendo la Chiesa nascente verso la pienezza del Regno di Dio.

Se Sinodo vuol dire “camminare insieme” tra le circostanze della storia, il confronto tra i giovani convenuti a Rabieh ha fatto emergere che il cammino sinodale interpella ogni battezzato, chiamato a “camminare insieme” ai suoi fratelli e sorelle per annunciare il Vangelo nel suo tempo, nelle occasioni e situazioni che scandiscono la sua della sua vita quotidiana. Per questo la sinodalità è una “avventura” da intraprendese solo in compagnia dello Spirito Santo, ascoltando e seguendo ciò che lo Spirito mostra e comunica lungo la strada”.

Lo “strumento di lavoro” delle diverse sessioni dell’incontro di Rabieh è stato il denso documento sulla condizione presente e futura delle comunità cristiane mediorientali steso da teologi e teologhe dell’equipe ecumenica Nakhtar al Hayat (“Scegliamo la vita”) alla fine dello scorso settembre, intitolato “Cristiani in Medio Oriente: per un rinnovamento delle scelte teologiche, sociali e politiche” (vedi Fides 28/9/2021). “La maggior parte delle Chiese storiche del Medio Oriente” facevano notare gli autori in quel testo “sono patriarcali o sinodali. Entrambi i sistemi si ispirano all’idea di sinodalità, che, nel suo significato originario, si riferisce alla comunione e al camminare insieme”. Questi tratti tradizionali della vita ecclesiale delle comunità d’Oriente vanno oggi recuperati, mentre “purtroppo oggi nelle nostre Chiese vediamo spesso il popolo di Dio – soprattutto donne e giovani – emarginato nelle decisioni importanti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/03/2022
2809/2022
S. Venceslao

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Karnataka: preghiera e digiuno contro la legge anti-conversione

La Costituzione della Repubblica dell’India, Stato federale, prevede la libertà di “professare, praticare e propagare” la religione, ma gli stati di Odisha, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Himachal Pradesh, Madhya Pradesh e Uttrakhand hanno promulgato leggi o regolamenti per scoraggiare o vietare le conversioni religiose. Il Karnataka è governato dal partito conservatore Bharatiya Janata, al cui interno membri e politici si dimostrano ostili alle comunità religiose minoritarie. Seguendo una ideologia diffusa nel BJP (la cosiddetta “Hindutva”), c’è chi vorrebbe trasformare l’India da Paese laico a Stato teocratico indù.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aiutiamo chi scappa per vivere

Papa Francesco incontra 50 giovani di Scholas Occurrentes nel Pontificio Collegio Internazionale Maria Mater Ecclesiae.

Leggi tutto

Chiesa

Ungheria: Chiese cristiane e comunità ebraiche a difesa dei valori

Impegno comune a difendere il matrimonio “tra un uomo e una donna” e “i valori giudeo-cristiani del matrimonio, della famiglia e della dignità umana”. È quanto ribadiscono all’unisono in una Dichiarazione comune i rappresentanti delle Chiese cattolica, protestanti e ortodosse e delle comunità ebraiche di Ungheria,

Leggi tutto

Politica

Pechino: attività religiose online vietate

Pubblicate le nuove misure che entreranno in vigore il primo marzo 2022. Le regole valgono per messe, sermoni, formazione e tutti i servizi d’informazione religiosa. È il controllo “democratico” sulle religioni voluto da Xi.

Leggi tutto

Chiesa

Il vescovo contro i preti non vaccinati

“Proibisco la distribuzione dell’Eucaristia da parte di sacerdoti, diaconi, religiosi e laici non vaccinati”. Nel medesimo comunicato, reso pubblico sul sito della diocesi, Cirulli ha ricordato come le ostie sull’altare debbano “essere tenute rigorosamente coperte nei previsti vasi sacri”.

Leggi tutto

Storie

MALAYSIA - Le comunità cattoliche in aiuto delle persone colpite dalle inondazioni

Le comunità cattoliche della Malaysia hanno iniziato a fornire aiuti umanitari e beni di prima necessità alle persone colpite dalle inondazioni verificatesi in Malaysia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano