Politica

di la redazione

Il PDF Sardegna scende in campo per la riduzione dei prezzi del carburante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“A

rischio ci sono migliaia di posti di lavoro e intere famiglie in difficoltà”

Il Popolo della Famiglia Sardegna interviene sullo sciopero proclamato dagli autotrasportatori sardi, a causa dell’improvviso aumento del prezzo del gasolio. Barbara Figus, coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia: “Ci uniamo alla protesta degli autotrasportatori. Una protesta più che legittima, perché nata da un ingiusto aumento del carburante. Questa situazione non è più sostenibile e Governo e Regione Sardegna devono assolutamente trovare una soluzione, altrimenti è a serio rischio l’approvvigionamento della grande distribuzione e dei vari settori produttivi della
Sardegna. Al presidente del Consiglio Draghi e a quello della Regione Solinas, chiediamo un intervento mirato ed immediato. Dietro quei
lavoratori che rischiano di non poter lavorare, ci sono intere famiglie che potrebbero trovarsi in difficoltà da un giorno all’altro. Invitiamo tutta la politica sarda a farsi avanti, perché il settore dell’autotrasporto sardo venga tutelato e non lasciato solo così come, purtroppo, avvenuto sino ad oggi.

Sulla

vicenda è intervenuto anche Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale e vice presidente del Popolo della Famiglia: “Trovo incredibile che a questi lavoratori non sia stata ancora concessa la defiscalizzazione del gasolio e una vera continuità territoriale. Sono diritti minimi che in altri paesi vengono garantiti da anni ormai. Questo sciopero della Sardegna è solo l’inizio. Credo che se il governo Draghi non interverrà tempestivamente, gli scioperi e le proteste aumenteranno in tutte le regioni italiane, mettendo in seria crisi la grande distribuzione organizzata e tutta la rete di supermercati presenti sul territorio nazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/03/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

Politica

Assemblea nazionale PDF, Murro: “Lavoro in Italia, come i tre Gironi Danteschi”

Agenzia stampa Italia pubblica sull’Assemblea del Popolo della Famiglia conclusasi a Pomezia. Il testo è originale con qualche correzione per errori di battitura.

Leggi tutto

Politica

Stresa - Popolo della Famiglia: bene riduzione Tari

Ecco la nota di De Giovannini Giuseppe, Consigliere comunale Stresa, riguardante la riduzione della Tari per redditi bassi a Verbania.

Leggi tutto

Politica

PDF: insegnante lavora da 5 mesi senza stipendio

Il Popolo della Famiglia Marche, in forza all’art. 36 della Costituzione, invita l’Ufficio scolastico regionale ad occuparsi della questione e a risolverla nel più breve tempo possibile. “

Leggi tutto

Storie

Cina e tratta di matrimoni

Gli intermediari guadagnano tra i 20mila e i 40mila dollari a matrimonio. Le denunce di ragazze allettate con una promessa di lavoro e ritrovatesi spose in ambienti violenti o pericolosi.

Leggi tutto

Politica

Riolo Terme - Mirko De Carli ed il lavoro del PDF

Al via la nuova consiliatura. Ecco l’augurio di Mirko De Carli (PDF)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano