Politica

di Mario Adinolfi

TRA UN ANNO, IN PARLAMENTO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi il Popolo della Famiglia compie 6 anni. Coloro che erano presenti al Palazzetto delle Carte Geografiche all’assemblea costituente del partito erano trecento, siamo diventati trecentomila (219.654 certificati dal voto delle politiche 2018, quando non ci conosceva nessuno) puntiamo al milione. Non abbiamo mai avuto tanta visibilità e capacità di mobilitazione, non siamo mai stati tanto al centro del dibattito e abbiamo riportato vittorie importanti non solo con i tanti eletti sul territorio ma anche sul ddl Zan, sul quesito che per primi definimmo irricevibile per l’imbroglio di Cappato, sul referendum droghe, sul suicidio assistito nella regione Marche, fermato da noi come unico oppositore.

Da quando c’è il PdF, cioè dall’11 marzo 2016, i cosiddetti “falsi miti di progresso” non hanno segnato neanche un punto dal punto di vista normativo. Merito tutto nostro? No. Ma se non ci fossimo stati noi con la nostra tenacia e disponibilità a metterci la faccia a dimostrare agli altri che un’altra posizione era possibile, avremmo assistito certamente a un cedimento, a uno smottamento politico che avrebbe finito per fare approvare tutto.

Guardate il voto sulla legge sull’eutanasia alla Camera: è passata con 253 voti favorevoli e 117 contrari. Il centrodestra alla Camera dispone di 277 voti ufficiali (22 Coraggio Italia, 80 Forza Italia, 37 Fratelli d’Italia, 133 Lega, 5 Noi con l’Italia) più frattaglie varie dal misto. Con tutti i quattro voti favorevoli dei forzitalioti ingrati alla Elio Vito, una presenza massiccia in aula del centrodestra avrebbe schiacciato immediatamente la legge sulla morte. Ma per quei partiti lì queste leggi non sono fondamentali e allora quasi due deputati su tre sono rimasti a casa. Se aveste votato Popolo della Famiglia invece di quei partiti lì, non sarebbe successo. E non accadrà al Senato perché alzeremo la voce e li costringeremo ai posti di combattimento, romperemo loro costantemente i coglioni, li inseguiremo fino a casa e alla fine dovranno essere conseguenti al loro mandato. Vinceremo anche sulla legge sull’eutanasia anche se per loro non è una priorità, ma per noi lo è. Per questo esistiamo.

Tutta la nettezza delle nostre posizioni, assunta anche nel dire no all’infame green pass che sta causando difficoltà estreme alle famiglie e no all’armamento dell’Ucraina perché la guerra “è una follia” e fornire armi è fare la guerra, causa discussioni e violenti attacchi. Ma a quelli siamo abituati da anni, come ai tradimenti dei Giuda, che come tutti i Guida sono destinati a restare da soli e disperati a campar di chiacchiere e proclami a cui non credono manco loro. Io so che la testuggine è più salda e numerosa che mai, che di battaglia in battaglia sta completando la traversata del deserto e l’anno prossimo lo festeggeremo con i primi eletti in Parlamento, al governo del Paese. Per restituirgli onore, verità e libertà nel rispetto pieno della Costituzione repubblicana e in ossequio agli insegnamenti del Vangelo.

Siate orgogliosi pidieffini d’Italia di questi sei anni trascorsi à bout de souffle. Domenica ci ritroviamo in tv di nuovo a raccontare perché siamo diversi da tutti e perché ogni volta che si compare in un dibattito gli ascolti impennano. Con un consenso mai così intenso come oggi, basta vedere tutti i sondaggi post trasmissione. Siate orgogliosi e miti, gentili as usual, pronti a fare il bene delle famiglie italiane sempre più sofferenti e dunque sempre più bisognose di voi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/03/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

Politica

La questione Giorgia Meloni

Con l’avvicinarsi del voto esiste la tendenza ad accaparrarsi più voti possibili con le promesse più disparate. Mario Adinolfi chiarisce questo scottante argomento prendendo come esempio Fratwlki d’Italua e la sua leader Giorgia Meloni

Leggi tutto

Società

NICOLA DI MATTEO: GIUSTE LE AGGRAVANTI PER CHI ATTACCA LE FORZE DELL’ORDINE

In questi giorni abbiamo dovuto assistere (nostro malgrado) a fatti di violenza privi di qualsiasi giustificazione. La gravità di quanto accaduto è stata enfatizzata dall’essere stata rivolta verso i tutori dell’ordine, uomini e donne che quotidianamente rischiano la vita per la sicurezza dei cittadini. Necessarie leggi severe per assicurare alla giustizia chi si rende reo di fatti gravi come quelli avvenuti a Piacenza.

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

Davide Giri, Adinolfi (PDF): “Serie A s’inginocchi per il giovane ricercatore”

Mi auguro che sentano il bisogno di compiere un gesto analogo per i giovani italiani colpiti dal razzismo violento che va invece estirpato dal pianeta e non in unico senso, viziato da considerazioni politiche”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano